Secondo Facebook, l’operazione di spionaggio informatico cinese ha preso di mira gli uiguri canadesi

Facebook ha affermato oggi che i membri della comunità uigura in Canada sono stati presi di mira da una sofisticata campagna di spionaggio informatico che tenta di infettare i dispositivi con malware per consentire la sorveglianza.

Facebook ha affermato che la campagna ha utilizzato la sua piattaforma per prendere di mira centinaia di attivisti, giornalisti e dissidenti uiguri in diversi paesi con post progettati per portarli su altri siti Web contenenti malware. La società ha affermato di non poter sapere quante persone sono state indotte a fare clic su collegamenti che hanno infettato i loro telefoni cellulari o computer.

Facebook Canada ha detto che avrebbe notificato “meno di 20” persone in Canada che erano state prese di mira.

La società ha affermato di aver rintracciato il malware utilizzato dagli hacker, noto come Earth Empusa o Evil Eye, per due società in Cina. Facebook ha dichiarato di non essere in grado di determinare se il governo cinese fosse coinvolto.

“Questo gruppo ha utilizzato vari metodi di spionaggio elettronico per identificare i propri obiettivi e infettare i propri dispositivi con malware per consentire la sorveglianza”, ha scritto Mike Deviliansky – Head of Cyber ​​Espionage Investigations per Facebook – e responsabile delle policy di sicurezza dell’azienda, Nathaniel Gleicher, in una dichiarazione dei media.

“Questa attività ha avuto i tratti distintivi di un processo continuo e con risorse adeguate, senza nessuno dietro”.

Facebook ha detto che l’operazione ha preso di mira gli uiguri della provincia cinese dello Xinjiang che vivono in Canada, Stati Uniti, Turchia, Kazakistan, Siria, Australia e altri paesi.

Account falsi, siti falsi

Facebook ha affermato che l’operazione ha utilizzato una varietà di tecnologie per raggiungere le persone a cui si rivolgeva. La società ha affermato che gli hacker hanno creato account Facebook in cui fingevano di essere “giornalisti, studenti, difensori dei diritti umani o membri della comunità uigura per creare fiducia con le persone che li hanno presi di mira e indotti a fare clic sui collegamenti dannosi”.

READ  Laschet succede alla Merkel come leader dell'Unione Democratica Cristiana | Angela Merkel News

Facebook ha dichiarato di aver anche creato siti dannosi simili a siti uiguri o popolari siti di notizie turchi e lanciato “attacchi di pozzi d’acqua” per infettare i visitatori di siti legittimi.

Facebook ha affermato che gli hacker hanno anche creato falsi negozi di terze parti con app a tema uigura che contengono malware. Include un’app per tastiera, un’app per la preghiera e un’app per il dizionario.

Facebook ha dichiarato: “Per interrompere questo processo, abbiamo vietato la condivisione di domini dannosi sulla nostra piattaforma, rimosso gli account del gruppo e informato le persone che riteniamo siano state prese di mira da questo attore”.

Ivan Koronowski è un portavoce della Communications Security Corporation, l’agenzia canadese di spionaggio informatico. Ha detto che CSE accoglie con favore la mossa di Facebook per interrompere la campagna di spionaggio informatico cinese.

“È quasi certo che le campagne di influenza esterna online continuino e non si limitino a grandi eventi politici come le elezioni”, ha scritto in una risposta via e-mail. “Le attività di influenza straniera online sono una nuova normalità e gli avversari cercano di influenzare gli eventi nazionali, oltre a influenzare il discorso internazionale sugli eventi attuali”.

I funzionari del CSE dovrebbero testimoniare giovedì davanti a una commissione parlamentare sulle relazioni tra Canada e Cina.

La notizia dell’operazione di spionaggio informatico arriva nella stessa settimana in cui il Canada e altri paesi hanno punito quattro funzionari cinesi per violazioni dei diritti umani nello Xinjiang. L’Organizzazione canadese per gli affari mondiali ha affermato che Pechino ha imprigionato arbitrariamente più di un milione di persone sulla base della loro religione ed etnia.

READ  È finale: Harry e Meghan non torneranno mai più come famiglia reale lavoratrice - notizie dal mondo

Viene anche un mese dopo che la Camera dei Comuni ha votato per dichiarare “genocidio” le azioni della Cina nello Xinjiang.

Muhammed Tohti, direttore esecutivo dell’Uyghur Rights Defense Project, ha detto che le autorità cinesi hanno da tempo preso di mira quasi 2.000 membri della comunità uigura in Canada. Ha detto che ciò che Facebook ha pubblicato oggi è più complicato delle tattiche precedenti, come inviare e-mail che sembrano provenire da un amico e incoraggiare le persone a fare clic sui collegamenti.

Tohti ha detto che non ha ancora sentito nessuno che Facebook abbia contattato, aggiungendo che molti uiguri canadesi sono già preoccupati per i social media e tutte le app provenienti dalla Cina.

I canadesi sono giustamente preoccupati

Michael Chung, un critico conservatore degli affari esteri, ha detto che era “troppo tardi” perché il governo del primo ministro Justin Trudeau potesse agire.

“Le continue minacce e intimidazioni del regime cinese nei confronti dei canadesi e di coloro che vivono qui in patria sono inaccettabili”, ha detto. “Il governo Trudeau deve ancora presentare un solido piano per contrastare queste minacce e intimidazioni, sebbene la Camera dei Comuni abbia adottato una proposta conservatrice il 18 novembre 2020, chiedendo al governo Trudeau di fare esattamente questo”.

Jack Harris, il critico degli affari esteri del National Democratic Party, ha detto che il governo e Facebook dovrebbero fare di più per fermare lo spionaggio informatico in Canada.

“I canadesi sono sinceramente preoccupati ed è inaccettabile che questo tipo di sorveglianza avvenga in Canada”, ha detto Harris. “ Il governo liberale è obbligato a chiedere che Facebook e altri giganti dei social media si assicurino che non venga utilizzato come strumento di governi autoritari.

READ  I pubblici ministeri del Wisconsin chiedono l'arresto di Rittenhouse, una cauzione più elevata

“Ci è stato detto che ci sono strumenti legali che il governo può utilizzare per proteggere i canadesi da molestie e sorveglianza in Canada. Avere leggi più severe per aziende come Facebook è un punto di partenza necessario”.

Elizabeth Thompson può essere contattata all’indirizzo elizabeth.thompson@cbc.ca

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x