Sembra che la disputa tra Stati Uniti e Francia abbia iniziato a ribollire dopo la chiamata di Biden e Macron

PARIGI (Reuters) – La più grande frattura degli ultimi decenni tra Stati Uniti e Francia sembrava migliorare mercoledì dopo che il presidente francese Emmanuel Macron e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden hanno chiamato per calmare le cose.

In una chiamata di mezz’ora descritta come “amichevole” dalla Casa Bianca, i due leader hanno deciso di incontrarsi il mese prossimo per discutere la via da seguire dopo che la Francia si è opposta con veemenza quando Stati Uniti, Australia e Gran Bretagna hanno annunciato un nuovo accordo di difesa indo-pacifico. La settimana che costò ai francesi un contratto sottomarino multimiliardario.

La Casa Bianca si è assicurata di pubblicare una foto di Biden sorridente durante la sua telefonata con Macron.

In una dichiarazione congiunta attentamente formulata, i due governi hanno affermato che Biden e Macron “hanno deciso di aprire un processo di consultazioni approfondite volte a creare le condizioni per garantire la fiducia”.

Biden si è scusato?

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha ripetutamente evitato la domanda, permettendo a Biden di ammettere che “avrebbero potuto aver luogo maggiori consultazioni”.

“Il presidente spera che questo sia un passo per tornare alla normalità nel lungo, importante e duraturo rapporto che gli Stati Uniti hanno con la Francia”, ha detto.

La telefonata indicava una calma dei nervi dopo giorni di rabbia da Parigi contro l’amministrazione Biden.

Con una mossa senza precedenti, la settimana scorsa la Francia ha richiamato i suoi ambasciatori negli Stati Uniti e in Australia per protestare contro quella che i francesi hanno definito una pugnalata alle spalle da parte degli alleati. Come parte del patto di difesa, l’Australia annullerà un contratto multimiliardario per acquistare sottomarini diesel-elettrici francesi e ottenere invece navi a propulsione nucleare statunitensi.

READ  Coronavirus: allarme in Germania, morti 962 in più. Formula Covid: scontri a Dover

Era chiaro che c’era ancora del lavoro da fare.

La dichiarazione congiunta ha affermato che l’ambasciatore francese “condurrà un ampio lavoro con alti funzionari statunitensi” al suo ritorno negli Stati Uniti.

Biden e Macron hanno convenuto che “la situazione avrebbe beneficiato di consultazioni aperte tra alleati su questioni di importanza strategica per la Francia e i nostri partner europei”, afferma la nota.

Biden ha ribadito nella dichiarazione “l’importanza strategica dell’impegno francese ed europeo nella regione indo-pacifica”.

Il primo ministro britannico Boris Johnson, durante una visita a Washington, non ha nascosto le sue parole suggerendo che era tempo per la Francia di andare oltre la sua rabbia per l’accordo sottomarino, dicendo che i funzionari francesi dovrebbero “prendere il controllo”. Ha aggiunto che, usando parole francesi e inglesi, dovrebbe dargli una “pausa”.

Johnson ha affermato che l’accordo è “essenzialmente un importante passo avanti per la sicurezza globale. Sono tre alleati che la pensano allo stesso modo che stanno fianco a fianco, creando una nuova partnership per la condivisione della tecnologia”.

“Non è esclusivo. Non sta cercando di sopportare nessuno. Non è ostile nei confronti della Cina, per esempio.”

Psaki ha rifiutato di considerare se i commenti di Johnson fossero costruttivi in ​​un momento in cui gli Stati Uniti stavano cercando di ricucire le relazioni con la Francia.

La scorsa settimana, l’Unione europea ha presentato la sua nuova strategia per rafforzare i legami economici, politici e di difesa nella vasta regione che si estende dall’India e dalla Cina, attraverso il Giappone, al sud-est asiatico e verso est, dopo la Nuova Zelanda, fino all’Oceano Pacifico.

La dichiarazione afferma che gli Stati Uniti “riconoscono anche l’importanza di una difesa europea più forte e più capace, che contribuisce positivamente alla sicurezza transatlantica e globale e integra la NATO”.

READ  Ricercatore morto. “In mutande, è stato accoltellato ed è volato fuori dalla finestra.” - Libero Quotidiano

L’Eliseo ha affermato che non è stata presa alcuna decisione in merito all’ambasciatore francese in Australia, aggiungendo che non era prevista una telefonata con il primo ministro australiano Scott Morrison.

Mercoledì scorso, l’ufficio di Macron ha affermato che il presidente francese si aspettava “chiarimenti e impegni chiari” da Biden, che ha richiesto la chiamata.

Funzionari francesi hanno descritto l’annuncio di Stati Uniti, Regno Unito e Australia la scorsa settimana come la creazione di una “crisi di fiducia”, con Macron che è stato ufficialmente informato solo poche ore prima. La mossa ha suscitato indignazione a Parigi, con il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian che l’ha definita una “pugnalata alle spalle”.

I partner francesi dell’Unione europea hanno concordato martedì di mettere la controversia in cima all’agenda politica del blocco, anche in occasione di un vertice dell’UE il mese prossimo.

Dopo la telefonata di Macron e Biden, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha incontrato a New York il capo della politica estera dell’Unione europea Josep Borrell mentre l’amministrazione lavorava per riparare più in generale i danni alle relazioni UE-USA.

Blinken ha parlato della necessità di una cooperazione transatlantica su qualsiasi numero di questioni “in ogni senso della parola in tutto il mondo, per includere, ovviamente, l’Afghanistan, la regione indo-pacifica, l’Europa e oltre”.

Riferendosi alla telefonata, Borrell ha detto che spera di poter “costruire una fiducia più forte tra noi dopo la conversazione di questa mattina tra il presidente Biden e il presidente Macron. Sono sicuro che lavoreremo insieme”.

La presidenza francese ha smentito categoricamente un rapporto pubblicato mercoledì dal quotidiano britannico Daily Telegraph, secondo cui Macron potrebbe offrire all’Unione europea il seggio permanente del suo Paese nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite se il blocco sostiene i suoi piani di difesa dell’Unione europea. .

READ  Trump e RNC si scontrano sull'uso del suo nome nella raccolta fondi

Psaki ha fatto eco all’opinione di Johnson secondo cui la creazione della nuova alleanza per la sicurezza – che chiamò AUKUS – non aveva lo scopo di congelare altri alleati nella strategia indo-pacifica.

“Durante la conversazione, il presidente ha ribadito l’importanza strategica della Francia – i paesi francesi ed europei direi – nella regione indo-pacifica”, ha detto Psaki.

L’accordo è ampiamente visto come parte dello sforzo degli Stati Uniti per contrastare una Cina più assertiva nell’Indo-Pacifico.

——–

Gli scrittori dell’Associated Press Jill Lawless a Londra, Matthew Lee a New York City e Amer Madani a Washington hanno contribuito a questo rapporto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x