Soggetto di un nuovo film, Madre Cabrini ha lasciato la sua nativa Italia per servire gli immigrati americani

Soggetto di un nuovo film, Madre Cabrini ha lasciato la sua nativa Italia per servire gli immigrati americani

Di Russell Shaw, Notizie OSV

Nuovo film di Cabrini
Locandina del film Madre Cabrini. Foto: fornita.

Prima della grande ondata di immigrazione spagnola che travolse gli Stati Uniti negli ultimi decenni, gli storici parlavano di quattro periodi principali di immigrazione cattolica associati a quattro gruppi etnici: gli irlandesi (con un picco negli anni '50 dell'Ottocento), i tedeschi (anni '80 dell'Ottocento) e i Irlandesi (raggiunsero il loro apice nel 1850), tedeschi (1880), italiani (inizio 1900), polacchi e altri slavi (1920).

L'esperienza degli immigrati, compreso l'ingresso nella Chiesa cattolica così come l'hanno trovata nel nuovo paese, è stata in qualche modo diversa da persona a persona.

E non c'è niente di più difficile degli italiani.

Tra il 1880 e il 1920, fino a quattro milioni di loro arrivarono in America, la maggior parte dei quali provenivano dall’Italia meridionale colpita dalla povertà.

Molti di loro erano lavoratori temporanei – “costruttori di ponti, tunnel e metropolitane, scaricatori di porto e operai”, come disse uno scrittore – che venivano a guadagnare soldi e poi tornavano a casa. Ma molti rimasero e stabilirono nuove case in America. Oppure provaci.

Nuovo film di Cabrini
Francesca Cabrini nacque il 15 luglio 1850 a Sant'Angelo Lodigiano, cittadina lombarda, ultima di 13 figli di una benestante famiglia di contadini. Foto: fornita.

All'inizio di quegli anni, Francesca Cabrini incontrò Papa Leone XIII e gli raccontò il suo sogno di andare in Cina come missionaria. Papa Leone rispose: “No, non all’Oriente ma all’Occidente”.

Voleva che lei e le sue nuove suore missionarie del Sacro Cuore andassero in America e svolgessero lavoro pastorale tra gli immigrati italiani.

Ciò che accadde dopo è una pagina luminosa nella storia talvolta turbolenta del cattolicesimo italo-americano.

L'amore eroico per Dio e per il prossimo che la animava fu ufficialmente riconosciuto nel 1946 quando Francesca Cabrini fu dichiarata santa.

Ciò la rese la prima cittadina americana ad essere canonizzata, sebbene rimase, secondo le parole di uno storico, “italiana… fino al midollo”.

READ  Chloe Coleman e Dave Bautista scene finali di "Spy 2" a Venezia | Anna Faris, Billy Barratt, Chloe Coleman, Dave Bautista, film, Taeho K

Madre Cabrini è il soggetto di “Cabrini”, un nuovo film degli Angel Studios diretto da Alejandro Monteverde che uscirà a livello nazionale l'8 marzo.

Francesca Cabrini nacque il 15 luglio 1850 a Sant'Angelo Lodigiano, cittadina lombarda, ultima di 13 figli di una benestante famiglia di contadini.

Nuovo film di Cabrini
Madre Cabrini arrivò a New York il 31 marzo 1889 e, dopo un breve periodo di tensione con l'arcivescovo locale su dove aprire bottega, lei e le sue compagne si misero al lavoro. Foto: fornita.

Era una bambina pia – “Piccola Santa”, la chiamavano i vicini – e desiderava essere una missionaria e giocava con barchette di carta piene di viole che rappresentavano le sorelle che intendeva mandare in giro per il mondo.

Ma suo padre aveva altre idee e, dopo aver studiato per diventare insegnante, Francesca insegnò a scuola. In due occasioni chiese di essere accettata negli ordini religiosi ma fu rifiutata – apparentemente a causa di problemi di salute, ma in realtà perché un vescovo locale aveva altre idee: voleva che lei assumesse la gestione di un orfanotrofio in difficoltà.

Dopo aver gestito l'orfanotrofio per sei anni, il vescovo della diocesi chiese a lei e alle sue compagne di formare un gruppo religioso.

Nacquero le Suore Missionarie, il loro fondatore prese Francis Xavier come nome religioso – “Xavier” dal nome del missionario gesuita del XVI secolo in Estremo Oriente, Francis Xavier.

Sebbene il nuovo ordine fosse inizialmente solo un’istituzione diocesana, Madre Cabrini aveva fin dall’inizio progetti più grandi.

Dopo aver fondato nuovi monasteri a Cremona e Milano, si recò a Roma per ottenere l'approvazione papale e sperava di aprirvi un monastero.

In un primo momento il cardinale incaricato di tali questioni disse “no” – Roma di monasteri ne aveva già abbastanza – ma questa donna determinata e di grande fascino insistette, e il cardinale finì per permetterle di aprire non uno ma due monasteri.

READ  La Manitoulin Film School sta cercando di espandersi mentre si avvicina a un importante traguardo

In questo periodo ebbe un colloquio con Leone XIII che la mandò in viaggio per gli Stati Uniti. Nel 1884, i vescovi americani al Terzo Consiglio Generale di Baltimora discussero della disperata situazione pastorale degli immigrati italiani. Ciò accadde poco, tranne che il “problema italiano” era ormai un problema per la Chiesa nel suo insieme.

A New York c'erano già circa 50.000 italiani, ma solo pochi di loro andavano in chiesa. La situazione dei nuovi arrivati ​​comprendeva povertà, grave carenza di preti di lingua italiana, usanze anticlericali e pratiche religiose interrotte che li avevano accompagnati dal vecchio Paese. C’era anche un diffuso sentimento anti-italiano, non solo all’estero, ma all’interno della comunità cattolica americana.

Col tempo cominciò a prendere forma una strategia pastorale, sostenuta dall'arrivo di nuove comunità religiose italiane come i Padri Scalabriani e Pallottiniani, nonché dalla formazione di sacerdoti americani per lavorare con gli italiani.

Nuovo film di Cabrini
Locandina del film Madre Cabrini. Foto: fornita.

La prima diocesi degli Stati Uniti fu fondata appositamente per loro a Filadelfia nel 1852, e ora queste enclavi spirituali che preservano la lingua e le tradizioni devozionali dell'Italia si sono moltiplicate. Madre Cabrini e le sue consorelle si sono inserite in una risposta sempre più efficace all'evidente bisogno.

Madre Cabrini arrivò a New York il 31 marzo 1889 e, dopo un breve periodo di tensione con l'arcivescovo locale su dove aprire bottega, lei e le sue compagne si misero al lavoro.

Nel giro di un mese gestivano un orfanotrofio. In meno di tre anni avevano anche un ospedale. (Madre Cabrini chiamò tutti i suoi ospedali – due a New York, due a Chicago – Columbus Hospital.)

Non c’è abbastanza spazio qui per elencare tutti gli orfanotrofi, le scuole, gli ospedali e le cliniche che queste donne furono responsabili della creazione e della gestione. Ma i numeri almeno indicano la portata di ciò che hanno ottenuto.

READ  Alberto Belli su un anno difficile per Gamera e un buon lancio per il gioco di ruolo dello studio Alaloth nel 2022

Quando Madre Cabrini morì, 34 anni dopo il suo arrivo, le 2.300 Suore Missionarie del Sacro Cuore che operavano negli Stati Uniti e in tutto l’emisfero occidentale avevano avviato 67 istituzioni dedicate alla cura fisica, morale e spirituale delle persone bisognose.

Gli italiani non furono gli unici a prestare servizio, ma gli italiani rimasero un focus speciale negli sforzi delle suore.

All'inizio di settembre 1891, Madre Cabrini portò 14 suore in Nicaragua per avviare l'Accademia.

Ritornata negli Stati Uniti via New Orleans, scoprì che un anno prima una folla aveva linciato sommariamente un certo numero di italiani accusati di crimini. La sua risposta fu quella di convocare diverse sorelle di New York per iniziare a lavorare tra gli italiani a Crescent City.

Come la bambina che anni prima sognava di inviare missionari in tutte le parti del mondo, Madre Cabrini svolse un ministero di ampio respiro.

Argentina, Cile, Francia, Spagna, Inghilterra: le suore missionarie andarono in tutti questi luoghi per lavorare. Negli Stati Uniti, il sistema si diffuse a ovest degli Stati Uniti: a Chicago, ai campi minerari del Colorado e alla prigione di Sing Sing a New York, Mississippi, New Jersey, Pennsylvania e Stato di Washington.

Nel 1909 Madre Cabrini divenne cittadina naturalizzata. L'anno successivo, quando seppe che le sue forze si stavano indebolendo, annunciò la sua intenzione di dimettersi da superiora generale del suo ordine e dedicarsi esclusivamente alla preghiera.

Ma le case delle suore missionarie votarono all'unanimità a favore della sua sopravvivenza.

Dopo aver constatato questi risultati, il Cardinale Prefetto del Vaticano le disse, scherzando: “Madre Cabrini, anche se finora hai gestito male il tuo istituto, ho deciso di darti un'altra possibilità. Devi rimanere Superiora Generale”. L’establishment è rimasto impassibile. “Bene, ti avverto che sarò crudele quanto lo sono stata in passato”, rispose.

Morì il 22 dicembre 1917 al Columbus Hospital di Chicago. Dopo un periodo insolitamente breve di 21 anni, Papa Pio XI la dichiarò beatificata. Pio

Russell Shaw, giornalista e scrittore veterano, ha scritto più di 20 libri, inclusi tre romanzi. Il suo ultimo libro è Revitalizing Catholicism in America: Nine Tasks for Every Catholic (OSV).

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x