― Advertisement ―

spot_img
HomesportSquadra della settimana di Garth Crooks: Diogo Dalot, Jeremy Doku ed Erling...

Squadra della settimana di Garth Crooks: Diogo Dalot, Jeremy Doku ed Erling Haaland

Dopo ogni fine settimana della Premier League, l’esperto di calcio della BBC Garth Crooks raccoglie i suoi pensieri e ti presenta la sua squadra della settimana.

Ecco le scelte di questa settimana. Come sempre, Garth discute anche importanti punti di discussione del gioco in Crooks of the Matter.

Gulimo Vicario (Tottenham) Che parata di Vicario sul colpo di testa di Joao Palinha negli scambi iniziali contro il Fulham. La parata è stata importante e ha dato agli Spurs la seconda porta inviolata nelle partite consecutive. Il portiere italiano ha fatto un’altra eccellente parata nel secondo tempo quando il portiere ha bloccato un tiro di Raul Jimenez e ha avuto la porta in sua balia. La porta inviolata fa vincere trofei e, anche se non suggerisco neanche per un minuto che il Tottenham vincerà il campionato, attualmente sono due punti di vantaggio in cima alla classifica e meritatamente. Vicario ha finalmente riportato la calma nell’area di rigore del Tottenham.

Diogo Dalot (Manchester United): Che colpo del difensore del Manchester United. Il finale è stato pulito come ho visto da un terzino. È stata una sfortuna per lo Sheffield United perché questa è stata la migliore prestazione che ho visto da loro in questa stagione e penso che meritassero un punto. Nel frattempo, il Manchester United continua a farsi strada durante la stagione, raccogliendo punti qua e là senza giocare per niente come il calcio che i suoi tifosi si aspettano. Ora che ci penso, era da tempo che non lo facevano.

Virgil van Dijk (Liverpool): Era davvero necessario espellere Ashley Young dell’Everton per secondo cartellino giallo? Se così fosse, Ibrahima Konate del Liverpool dovrebbe andarsene. Il contrasto di Young è stato reale per cercare di conquistare la palla. La sfida di Konate a Beto è stata sarcastica e scortese e lo scopo del cartellino giallo è che il difensore del Liverpool non ha ricevuto un cartellino giallo per la sfida in questione. Fortunatamente per il Liverpool, hanno Virgil van Dijk in difesa che sta lentamente tornando ad una sorta di forma.

Kieran Trippier (Newcastle): Il passaggio diretto di Kieran Trippier per Jacob Murphy da segnare è stato a dir poco impressionante. Il capitano del Newcastle è capace di lanciare la palla come chiunque altro in Premier League. Newcastle è sulla buona strada per smantellare il Crystal Palace con il minimo sforzo. I Magpies iniziano a comportarsi come una squadra che inizia a credere davvero in se stessa. La velocità con cui Eddie Howe ha trasformato il Newcastle United da una squadra in difficoltà della Premier League a una squadra che dovrebbe essere presa sul serio è assolutamente sorprendente. Spero, per il bene di Newcastle, che Gareth Southgate non perda presto il suo lavoro, dato che Howe è l’unico candidato serio in Inghilterra a sostituirlo.

READ  Inizia il momento della verità per l'Italia dopo il rinnovo e la difesa del titolo Europeo

James Maddison (Tottenham): Questo giocatore è stato creato per questo club. Era dai tempi di Christian Eriksen che il Tottenham non aveva un vero tecnico calcistico a centrocampo. Ha segnato il suo primo gol casalingo per il club contro il Fulham, ma questo è un giocatore che dovrebbe segnare con più regolarità. Tuttavia, ha la capacità di aprire le porte degli avversari quasi a piacimento e di creare aperture affinché gli altri possano mettere la palla in rete. È un calciatore adorabile e ha permesso al Tottenham di giocare di nuovo un vero calcio.

Riso Declan (Arsenale): La decisione dell’arbitro Chris Kavanagh di assegnare un rigore al Chelsea per un tentativo di respinta di testa di William Saliba è stata peggio che terribile. Cosa esattamente l’arbitro si aspettasse che il difensore facesse con le braccia in questa situazione non riesco a immaginarlo. Non era una sorpresa che Mikel Arteta sembrasse completamente perplesso. I burocrati senza volto che hanno creato questa regola e hanno messo i governanti in una posizione impossibile, hanno qualcosa di cui rispondere. Fortunatamente per l’Arsenal, Declan Rice era a disposizione per segnare un gol straordinario e fornire l’ispirazione di cui l’Arsenal aveva bisogno per rimontare. No, grazie alle persone che hanno cambiato le regole.

Douglas Luiz (Aston Villa): Il rigore non è mai stato in dubbio una volta che Douglas Luiz si è fatto avanti per tirarlo. I tifosi del Villa conoscono bene il mio pensiero sul brasiliano. Ha la stessa influenza sulla sua squadra che ebbe Dennis Mortimer durante il periodo d’oro del club all’inizio degli anni ’80. Questa è stata un’altra grande prestazione per l’Aston Villa che ha completamente smantellato il West Ham. Il Villa ora si ritrova fuori dalle prime quattro. Non sono sicuro che siano abbastanza bravi per partecipare alla Champions League, ma l’ho detto del Newcastle e guarda cosa fanno.

READ  Marquez rafforza il suo vantaggio in MotoGP con la vittoria a San Marino - Sport

Jeremy Doku (Manchester City): Che discrepanza. Cosa pensava il tecnico Roberto De Zerbi? La decisione di chiedere a James Milner di marcare il 22enne Manchester City ha recentemente ingaggiato Jeremy Doku, un popolare speed trader, significa che non ha mai visto Doku giocare o è beatamente ignaro che Milner compirà 38 anni il giorno del suo prossimo compleanno. Intendiamoci, Milner ha avuto una brillante carriera con Newcastle, Aston Villa, Liverpool e Manchester City, ma chiedergli di occuparsi di Doku senza fornire rinforzi era come chiedergli di tenere il passo con Usain Bolt. Questa chiaramente non era una buona idea e costò cara a Brighton.

Mohamed Salah (Liverpool): L’incapacità dell’arbitro Craig Pawson di mostrare un certo apprezzamento nel derby del Merseyside è stata messa in luce dalla sua incapacità di esercitare alcuna coerenza. Non è stato aiutato nemmeno da Luiz Diaz che si è girato almeno cinque volte con effetti drammatici dopo che Young gli ha commesso un fallo. Nel frattempo, Mohamed Salah è tornato al suo meglio, brillante, altruista e solidale, e ha cancellato il tipo di buffonate che ora colpiscono Luiz Diaz. È ora che Salah parli con Diaz.

Erling Haaland (Manchester City): Se segnare gol significa tanto per Erling Haaland, come ha dimostrato chiaramente quando ha battuto il Manchester City per 2-0 contro il Brighton, allora penso che il recente periodo difficile sia finito. L’attaccante norvegese sembra aver riacquistato la voglia di gol con un pizzico di spietatezza che lo ha reso uno degli attaccanti più temuti al mondo. Il City affronterà il BSC Young Boys in Champions League a metà settimana ed è un’opportunità per loro di aumentare il proprio bottino di gol. Sono convinto che Haaland abbia bisogno di un flusso costante di gol e senza di essi è come un pesce fuor d’acqua.

Brian Mbeumo (Brentford): Che duro colpo per il nazionale camerunese. Il Brentford ha dovuto aspettare per la prima vittoria casalinga della stagione, ma quando è arrivata ne è valsa la pena. Tre meravigliosi gol segnati e la porta inviolata sono la cosa migliore che possa capitare in Premier League. L’interprete principale per me è stato Brian Mbeumo. Penso che in assenza di Ivan Toney, sia stato piuttosto impressionante. La domanda ora è: cosa farà Brentford con Tony? Se le voci sono vere e l’Arsenal è interessato ad acquistarlo, costerà molto più economico rispetto a quando ricomincerà a segnare gol. L’Arsenal ha bisogno di un attaccante forte in attacco se vuole seriamente strappare il titolo al City e al momento non ne ha uno.

READ  DAZN registra i diritti media per Joshua vs. Usyk multi-regione

Truffatori di questo problema

L’idea che Nelson Mandela incontrasse Sir Bobby Charlton e condividesse le loro storie renderebbe qualsiasi podcast moderno un tesoro da ascoltare. La loro amicizia era ben nota e non ho dubbi che l’ex presidente sudafricano, che era un appassionato sostenitore del calcio, fosse interessato ai momenti calcistici preferiti di Sir Bobby quanto tutti noi.

Ho avuto l’onore di lavorare con l’icona del Manchester United durante la Coppa del Mondo del 1982 in Spagna come relatore della BBC. All’epoca giocavo per il Tottenham, la mia prima esperienza come esperto televisivo junior, e mi sono ritrovato a fare il commentatore insieme alla leggenda inglese più esperta.

La nostra prima missione principale era vedere in anteprima la partita tra Italia e Brasile prima di dirigerci allo stadio di casa dell’Espanyol, Sarria, per guardare la partita.

Un pareggio per la nazionale sudamericana, che era la favorita, l’avrebbe qualificata alle semifinali della competizione. Rimasi seduto in un silenzio sbalordito mentre guardavo gli italiani festeggiare una vittoria storica e mi voltai per chiedere a Sir Bobby cosa pensasse della partita solo per vedere le lacrime rigargli il viso. Notò la mia ansia e disse; “Questa è stata la migliore partita di calcio che abbia mai visto.” Sono rimasto scioccato dalla risposta. Come può un ex giocatore che ha fatto tutto questo essere così influenzato dal gioco?

Dopo la partita, abbiamo camminato per le strade di Barcellona fino al nostro hotel con Sir Bobby che si congratulava con ogni italiano che conosceva e simpatizzava con i brasiliani nel loro momento di disperazione. Sir Bobby non era solo un grande giocatore, era un grande uomo. Non mi sorprende che abbia contattato Nelson Mandela.

Spiegazione video,

App BBC Sport: scaricala per seguire le ultime notizie sulla tua squadra della Premier League inglese