Studio: il salmone preistorico gigante aveva denti simili a zanne per la difesa

Studio: il salmone preistorico gigante aveva denti simili a zanne per la difesa




Brenna Owen, La stampa canadese

Pubblicato mercoledì 24 aprile 2024 alle 19:27 EST



Ultimo aggiornamento mercoledì 24 aprile 2024 alle 19:27 EST

Opere e materiale pubblicitario raffiguranti un salmone gigante vissuto cinque milioni di anni fa erano pronti per promuovere una nuova mostra quando la scoperta di due teschi fossilizzati cambiò immediatamente ciò che i ricercatori sapevano del pesce.

Le prime scoperte fossili di un salmone lungo 2,7 metri nell'Oregon negli anni '70 erano incomplete e hanno portato i ricercatori a credere erroneamente che il pesce avesse denti simili a zanne.

Si chiamava “salmone dai denti a sciabola” ed è diventato una sorta di mascotte per il Museo di storia naturale e culturale dell'Università dell'Oregon, afferma il ricercatore Edward Davis.

Ma poi nel 2014 sono stati scoperti due teschi.

Davis, un membro del team che ha trovato i teschi, dice che è stato solo dopo essere tornati in laboratorio che si è reso conto del significato della scoperta che ha portato alla ridenominazione del pesce in un nuovo studio sottoposto a revisione paritaria.

“C'erano questi due teschi che mi fissavano con i denti laterali”, dice Davis, professore associato presso il Dipartimento di Scienze della Terra dell'università.

In questa posizione, dice, i denti simili a zanne non possono essere usati per mordere.

“È stato sicuramente un momento sorprendente”, afferma Davis, direttore della Condon Fossil Collection presso il Museo di storia naturale e culturale dell'università.

“Mi sono reso conto che tutte le opere d'arte, tutto il materiale promozionale, i poster, i bottoni, le magliette che avevamo realizzato appena due mesi prima della nuova mostra, erano tutti vecchi”, dice ridendo.

READ  Un paio di galassie scintillanti brillano in questa immagine di Hubble

Davis è coautore del nuovo studio pubblicato sulla rivista PLOS One, che ha ribattezzato il pesce gigante “salmone dentato”.

Dice che il salmone usava gli aculei simili a zanne per costruire nidi per deporre le uova e come meccanismo di difesa contro i predatori e altri salmonidi.

Davis afferma che il salmone visse circa cinque milioni di anni fa in un periodo in cui la Terra stava passando da condizioni più calde a condizioni relativamente più fresche.

È difficile sapere esattamente perché i parenti del sockeye si siano estinti oggi, ma Davis afferma che le condizioni fredde avrebbero influenzato la produttività dell'Oceano Pacifico e la quantità di fiumi alimentati dalla pioggia che fungevano da aree di deposizione delle uova.

Un altro coautore, Brian Sidlauskas, afferma che un pesce delle dimensioni di un salmone dentato dovrebbe essere preso di mira da predatori come le orche o gli squali.

“Mi piace pensarlo come una mazza, con questi salmoni che fanno oscillare la testa avanti e indietro per respingere le cose che potrebbero volerli mangiare”, dice.

L'analisi condotta dall'autore principale dello studio, Keren Clayson, ha scoperto che sia il salmone maschio che quello femmina hanno il vantaggio di denti seghettati “multifunzionali”, dice Sidlauskas.

“Questo è uno dei motivi per cui ipotizziamo che questo dente sia multifunzionale… e che potrebbe facilmente servire a scavare nidi”, dice.

“Pensa a quanto dovrebbe essere grande (il nido) per un animale di quelle dimensioni, e poi probabilmente ritaglialo in acque poco profonde, quindi avere uno strumento di scavo extra attaccato alla testa può essere davvero utile.”

Il salmone gigante aiuta i ricercatori a comprendere i limiti di ciò che è possibile fare con l’evoluzione del salmone, ma cattura anche l’immaginazione umana e il senso di meraviglia su ciò che è possibile fare sulla Terra, afferma Sidlauskas.

READ  La NASA afferma che l'affascinante danza delle 5 galassie del telescopio spaziale Hubble; Controlla l'immagine

“Penso che ci aiuti ad apprezzare ciò che abbiamo ancora, o spero che lo faccia. Questo animale non è più con noi, ma è un prodotto della stessa biosfera che ci sostiene.”

Questo rapporto della Canadian Press è stato pubblicato per la prima volta il 24 aprile 2024.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x