Test Moto Misano: Dovizioso “ridisegna tutte le linee”, “nel set” | MotoGP

Dopo aver iniziato il suo primo weekend MotoGP dal 2020 con 1m 35.211 nelle prove di apertura del Gran Premio di San Marino, Andrea Dovizioso ha firmato le attività di Misano con 1m 32.830 nei test post-gara.

Tanto è bastato per mettere il nuovo pilota Petronas Yamaha al 18° posto e il panino Factory M1 tra Franco Morbidelli e Valentino Rossi, mentre a 1,3 secondi da Alex Espargaro che è arrivato primo nel giro dell’Aprilia.

Ancora più importante, la maggiore velocità di Dovizioso significa che entrerà nel COTA Tour il prossimo fine settimana credendo di poter combattere alcuni piloti a tempo pieno dopo essere arrivato 21° e ultimo nella gara di Misano.

ha detto Dovizioso, che si ritiene abbia provato una manovella in fibra di carbonio sulla precedente 2019 -Type M1 di Morbidelli.

“Per me era importante capire la moto e la squadra per capire la reazione nei miei confronti”.

Il triplice titolo Ducati ha aggiunto: “Abbiamo provato diverse cose e siamo migliorati un po’ con la moto, ma da quello che ho visto Yamaha naturalmente non cambia molte cose perché conoscono molto bene questa moto; cosa funziona e cosa non lo fa.

“Penso che abbia più a che fare con il lavoro che ho fatto con la squadra per adattarmi alla moto, motivo per cui sono riuscito a stare nel gruppo [at the test].

“Nel weekend di gara non mi è piaciuto molto, ora sono ancora in fondo al gruppo ma non l’ultimo e il ritmo è accettabile.

READ  CM: Tonali non sarà in prima squadra nonostante l'invito di Mancini

“Prima di venire qui conoscevo la moto solo dal 2012, quindi il mio obiettivo era avere la stessa velocità di gruppo e poi iniziare a lavorare su alcuni dettagli per essere sempre più veloci. Di questo possiamo essere contenti”.

Una delle principali conclusioni dei test di Dovizioso è stata che, proprio come quando ha adattato con successo la Tech3 M1 della Honda RCV nel 2012, aveva bisogno di “ridisegnare” le linee di gara per adattarsi alla natura fluida della Yamaha piuttosto che allo stallo. -E vai in stile Ducati.

“A poco a poco me ne sono accorto, soprattutto perché seguivo Fabio [Quartararo] Un’uscita nel pomeriggio, e ricordo bene anche quello che è successo nel 2012 ed è esattamente lo stesso: devo ridisegnare tutte le linee di ogni pista, perché la moto richiede un approccio completamente diverso”, ha spiegato Dovizioso.

“È bello saperlo. Perché sai in quale area devi lavorare. Penso che il cambiamento richiederà tempo, ma questo è il lavoro che dobbiamo fare con la squadra. Fortunatamente abbiamo quattro gare”.

Dovizioso rimarrà con il Team Yamaha via Satellite mentre passerà da SRT a RNF Racing per la campagna 2022, quando avrà una moto dalla fabbrica.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x