Trump News: il candidato repubblicano testa l'ordine di silenzio sui post

Trump News: il candidato repubblicano testa l'ordine di silenzio sui post

New York –

Alcuni giorni dopo che un giudice di New York aveva esteso l’ordine di silenzio nei confronti di Donald Trump per limitare i discorsi “infiammatori”, l’ex presidente ha messo alla prova i suoi limiti deridendo due testimoni chiave nel suo prossimo processo penale e definendoli bugiardi.

Mercoledì, in un post sulla sua piattaforma Truth Social, Trump ha descritto il suo ex avvocato, Michael Cohen, e l’attrice di film per adulti Stormy Daniels come “due persone corrotte che costano caro al nostro Paese con le loro bugie e distorsioni”.

In un’ordinanza emessa per la prima volta a marzo, poi rivista il 1° aprile, il giudice Juan Merchan ha vietato a Trump di rilasciare dichiarazioni pubbliche su potenziali testimoni del processo “riguardo alla loro potenziale partecipazione alle indagini o a questo procedimento penale”.

L'ordinanza Merchan non ha fornito esempi specifici dei tipi di dichiarazioni di testimoni vietate. Egli ha sottolineato che l'ordine non aveva lo scopo di impedire all'ex presidente di rispondere agli attacchi politici.

L’ordine di silenzio vietava inoltre a Trump di rilasciare dichiarazioni pubbliche di qualsiasi tipo su giurati, personale giudiziario, avvocati coinvolti nel caso, parenti dei pubblici ministeri o del giudice. A Trump è consentito fare commenti critici nei confronti del giudice stesso e del procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg.

Non è chiaro se il giudice possa considerare le critiche di Trump nei confronti di Cohen e Daniels una violazione dell'ordine di silenzio.

Entrambi dovrebbero testimoniare al processo, che implica accuse secondo cui Trump avrebbe falsificato i documenti aziendali della sua azienda per nascondere la vera natura dei pagamenti effettuati a Cohen per compensarlo per un bonus di 130.000 dollari offerto a Daniels. Cohen afferma che il pagamento aveva lo scopo di impedire a Daniels di parlare pubblicamente di un presunto incontro sessuale con Trump che secondo il repubblicano non è mai avvenuto.

READ  Un uomo di 71 anni ha ucciso 7 cani mentre camminava verso il negozio

Gregory German, professore al Syracuse University College of Law, ha definito l'ultimo post un “avvicinamento” che difficilmente porterà Trump a essere disprezzato.

“Sospetto che stesse sostenendo di criticare il loro carattere pubblico e di non aver commentato la loro 'possibile partecipazione' alle indagini o ai procedimenti”, ha detto German.

Ma Stephen Gillers, professore alla New York University School of Law, ha affermato che il commento di Trump “definisce i due testimoni bugiardi, il che va al nocciolo di ciò che l'ordine proibisce”.

“Questo è esattamente ciò che un ordine di silenzio non vuole che tu faccia prima del processo quando una potenziale giuria potrebbe essere influenzata”, ha detto.

Trump e i suoi avvocati hanno affermato che l’ordine di silenzio ha violato il suo diritto alla libertà di parola e gli ha impedito di rispondere agli attacchi pubblici mentre si candidava alla presidenza.

Daniels ha parlato delle molestie ricevute dai sostenitori dell'ex presidente, che secondo lei sono stati “incoraggiati e complimentati” da Trump.

In un messaggio di testo giovedì, Cohen ha detto che gli attacchi avevano lo scopo di pregiudicare l'opinione della giuria su di lui.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x