Tucker Carlson è stato ingannato da Putin nel tentativo di indebolire il sostegno all'Ucraina

Tucker Carlson è stato ingannato da Putin nel tentativo di indebolire il sostegno all'Ucraina

Mi assicuro sempre di ricordare sfacciatamente ai lettori che sono un ragazzo che può “vedere gli angoli”, come si suol dire. Nel 2018, quando ho consegnato la bozza finale di “The Levelling”, ho scritto quanto segue in relazione alla Russia, alla sua ampia strategia di “guerra totale” e più specificamente alla tattica “Maskerovka”…

Alcuni paesi, come la Russia, già combattono la guerra “con molti mezzi”, dove la forza militare tradizionale si mescola ad azioni segrete, propaganda e disinformazione. La dottrina russa Maskerovka affonda le sue radici nella battaglia di Kulikovo nel XIV secolo ed è stata sviluppata più recentemente, a partire dal suo utilizzo nella seconda guerra mondiale.

In un senso molto elementare, implica l’uso di trappole e inganni per distrarre e destabilizzare il nemico, sebbene la dottrina Maskerovka abbia ampie applicazioni, estendendosi alla disinformazione, alla propaganda e alle tattiche politicamente rilevanti. Un elemento importante del pensiero che riflette la nuova dottrina di guerra della Russia è che le guerre non seguono gli stessi confini e le stesse linee temporali che hanno seguito storicamente.

Ciò significa che non sono ufficialmente dichiarati – come lo sono gli attacchi informatici – e possono fare affidamento su molti diversi tipi di potere (ad esempio, informazione, aiuti umanitari, media) e possono contare sulla costante sovversione degli stati utilizzando mercenari. e attivisti privati”.

A quel tempo (2018), la Russia ha interferito fortemente nelle elezioni nei Paesi Bassi, in Germania, Francia e Regno Unito, solo per citarne alcuni. Ciò non faceva altro che affinare gli strumenti per ciò che sarebbe accaduto e, sebbene la Russia si isolasse e si indebolisse invadendo l’Ucraina, non abbandonò i trucchi che erano stati affinati dal 1380.

Ciò è stato ampiamente dimostrato nell'intervista di Tucker Carlson a Vladimir Putin, che ha sfruttato la personalità codarda di Carlson, la diffusione dell'hype sui social media, la creduloneria di molti in Occidente e, naturalmente, il marciume di Donald Trump. Nella mente di molti, Putin ha gettato sabbia in faccia a coloro che al Congresso sostengono l’Ucraina, ha suggerito che presto sarebbe stato disponibile un accordo “win-win” e che Donald Trump era un uomo ragionevole che meritava il rispetto di Putin. In ogni caso è vero il contrario.

In modo preoccupante, questo particolare episodio di Maskirovka ha danneggiato le prospettive future dell’Ucraina e la sicurezza dei paesi della NATO (e dei paesi vulnerabili ai fianchi della NATO come l’Irlanda). Ciò probabilmente aumenta la posta in gioco nelle elezioni presidenziali americane e indica che la Russia (con il tacito sostegno della Cina) è intenzionata a sovvertire ulteriormente le democrazie occidentali in questo cruciale anno elettorale.

Va detto che la Russia è aiutata e incoraggiata da molti politici di quelle stesse democrazie occidentali. Sono pochi coloro che si rendono conto della portata della sfida, la maggior parte nei paesi vicini alla Russia, che hanno lottato per rilanciare la democrazia e lo stato di diritto nei loro paesi, in particolare il polacco Donald Tusk, che questa settimana ha criticato il Senato a Washington. A causa del suo fallimento nel sostenere l’Ucraina.

Non ho trovato molta letteratura su come effettuare operazioni “antimascheramento”, e probabilmente non sto cercando nei posti giusti. Potremmo aver bisogno di un “playbook” non appena si avvicinano le elezioni in tutto il mondo.

Ciò che sta accadendo in Polonia è molto istruttivo in termini di lavoro di riforma istituzionale portato avanti: i media, i tribunali, la pubblica amministrazione e la banca centrale, per citarne solo alcuni, sono diventati degradati e politicizzati, e mentre alcuni sostengono che sono ora politicizzati in modo diverso. Il programma d’azione che Tusk cerca di realizzare evidenzia l’importanza delle istituzioni indipendenti come pilastro dell’intervento esterno.

La politicizzazione della Corte Suprema degli Stati Uniti e l’incapacità dei giganti dei social media di affrontare la manipolazione proveniente direttamente da Mosca, suggeriscono che l’America si sta aprendo a Maskirovka.

A proposito, l’altro aspetto più famoso della manipolazione russa è il “kompromat” – l’uso di segreti economici, politici e personali per tenere a freno i nemici (anche se la giornalista russa Julia Latynina ha detto che mantenere il kompromat sui nemici è divertente. Per mantenere il kompromat sugli amici è un must.' ).

Sospetto che uno dei candidati presidenziali (americani) abbia molto di cui preoccuparsi a questo riguardo (non Biden), e la domanda è: saremo in grado di vedere le prove?

READ  Il caso Spears spinge la California a cercare di frenare i conservatori

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x