Twitter consente finalmente a tutti di creare Spaces

Twitter Spaces è stato lanciato per la prima volta a novembre 2020 Come tentativo di controbilanciare il successo della Clubhouse con una propria versione di chat room incentrata sull’audio, ma la capacità di ospitare uno spazio fisico era Limitato agli utenti di Twitter con 600 follower o più. Ora, quasi un anno dopo, Twitter sta finalmente dando a tutti i suoi utenti la possibilità di ospitare spazio, un privilegio che probabilmente avrebbe dovuto essere concesso molto tempo fa.

Twitter è un po’ in ritardo rispetto al suo programma, considerando che Avevo promesso a tutti che avrebbero potuto ricominciare Space ad aprile. Il team di Spaces ha inviato un tweet per annunciare il cambiamento, osservando che gli utenti sia su Android che su iOS saranno ora in grado di ospitare Spaces. Offre anche una GIF che aggiorna brevemente gli utenti su come ospitare uno spazio, nel caso l’abbiano dimenticato dopo tutti questi mesi.

Twitter ha superato se stesso per tutto l’anno, lanciando una serie di nuove funzionalità per Spaces, come Possibilità di aggiungere co-host E fino a 10 altoparlanti. Ho creato un Fondo per i creatori di Spaces Il programma si chiama Spark anche Spazi per i biglietti di prova, note come sale sonore che richiedono un pagamento per entrare. Tutto questo senza dare a tutti gli utenti la capacità più vitale di tutte: la possibilità di ospitare le proprie stanze.

Il club è uscito dallo stato di solo invito a luglioDa allora, gli utenti mobili possono giocare con l’app. Con Twitter che ora ha revocato le restrizioni sui privilegi di hosting, potrebbe aver perso una finestra importante per attirare gli utenti interessati a utilizzare la funzione. Man mano che gli spazi crescono, accelererà la fine della Clubhouse o finirà? Funzionalità abbandonate come flotte simili a storie?

READ  Il percorso di esilio consente ai partecipanti di ignorare i lunghi tempi di attesa del server

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x