Un ex dipendente di YouTube lancia il servizio di streaming “BlackOakTV” per spettatori e creatori neri

ex Youtube Un dipendente di nome Usa Ometu Il gameplay mette sotto pressione la sua visione imprenditoriale, lanciando un servizio di streaming indipendente che cerca di aggirare il pubblico nero e contrastare la mancanza di rappresentazione nel più ampio panorama dei media con un elenco di contenuti originali da degni design di creazioni nere.

Nato da un’idea di Ometu, BlackOakTV, Viene lanciato oggi, all’inizio del Black History Month, con tre serie esclusive, una dalla lineup di commedie collettive di YouTube Dormire, Un gruppo di cinque uomini che ha raccolto 1,1 milioni di abbonati in base al potere delle loro storie, demo e video musicali. Inoltre, BlackOak con sede ad Harlem svela le risorse originali di una società di produzione boutique Nawancy Entertainment E il Premio DGA– Il regista vincitore Studente di Newman.

Ometu spiega che “Oak” di BlackOak evoca il potere della comunità nera ed è anche l’acronimo di “Ownership, Ability, and Knowledge”. Il progetto emergente ha solo due dipendenti.

Mentre esistono altri servizi per creare programmi per i telespettatori neri, Ometu osserva che BlackOak presenterà le sue partnership con creatori neri indipendenti. Il servizio costa $ 5 al mese.

Usa Ometu

Dormtainment, con cui ho già prodotto una serie YouTube Premium E il Kevin Hart‘S Ridere forte, Presenterà in anteprima estratti antologici Storie non raccontate con persone sconosciuteMentre Nuanse apparirà RitiroUna serie di suspense che si svolge nel ritiro degli artisti. Infine, Newman ospiterà la sitcom Primi appuntamentiDopo un consigliere politico naviga nella vita dopo un’improvvisa separazione dal marito.

Ometu afferma che 15 progetti aggiuntivi saranno lanciati nel 2021, inclusi cortometraggi, film e serie web.

READ  Giallo sulla morte dell'attrice Tanya Roberts, l'ospedale smentisce: "E' viva" - Rai News

Al servizio delle messe nere ai massimi livelli

Ometu ha fondato BlackOak in aprile dopo sette anni Google E YouTube, dove ha recentemente lavorato nel team di partnership per i contenuti a San Francisco, e afferma di aver “visto l’azienda fare progressi buoni ma moderati nel migliorare il suo rapporto con gli spettatori e i creatori neri”.

Ometu riconosce che il problema della sottorappresentazione nei media è molto più grande di YouTube e loda l’azienda dalla miriade #YouTubeBlack Picchi nel corso degli anni, più il suo fondo di $ 100 milioni che è stato accantonato per amplificare le voci nere all’indomani George Floyd Proteste.

“Ma c’era sempre qualcosa di più che loro e altre piattaforme avrebbero dovuto fare”, dice. “Sento solo che né i telespettatori neri né i creativi otterranno esattamente ciò che meritano e richiedono da piattaforme o reti non progettate esplicitamente per servire il pubblico nero ai livelli più alti delle loro aziende”.

Quindi l’anno scorso Ometu ha iniziato a raccogliere fondi da artisti del calibro di Backstage Capital E il Il W. Sebbene la maggior parte degli investitori di BlackOakTV siano angeli individuali. Pur rifiutando di menzionare quanto la società ha raccolto, poiché la raccolta di fondi è ancora in corso, afferma che la società ha abbastanza per andare avanti e testare le acque con la loro lista di apertura.

Ometu afferma anche che ogni accordo di produzione è unico, sebbene sia solo una licenza per gli spettacoli per un po ‘, poiché i creatori manterranno la piena proprietà dei loro contenuti. Spiega che alcuni partner volevano più soldi in anticipo, mentre altri cercavano azioni della società o riduzione dei ricavi da abbonamento nel back-end.

READ  la frase che può rovinarla – Libero Quotidiano

“Nessuno si ritira dagli accordi che facciamo”, dice. “Tuttavia, quello che intendevamo fare era contattare i creatori e i registi che producono contenuti per le piattaforme di social media e cercare di pagare loro più importi al minuto dal contenuto di quanto normalmente ricevono dalle piattaforme tradizionali”.

In definitiva, oltre all’elenco originale, Ometu afferma che BlackOak si sforzerà di diventare un fornitore di contenuti a pieno titolo, completo di blog culturale, podcast e canale YouTube. Non solo questi punti vendita promuoveranno il dialogo sui loro programmi, ma avvieranno un dialogo intorno alla loro missione generale: affrontare la sottorappresentazione dei neri nei media.

Puoi guardare un video sponsorizzato da BlackOakTV che promuove lo slogan “We’re Still Streaming” sopra.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x