Un treno dall’Italia con 20 obici per l’Ucraina passa attraverso l’Austria senza permesso

Un treno dall’Italia con 20 obici per l’Ucraina passa attraverso l’Austria senza permesso

Ginevra

Il quotidiano austriaco Kleine Zeitung ha riferito mercoledì che un treno dall’Italia carico di 20 obici diretto in Ucraina è passato attraverso l’Austria durante il fine settimana, apparentemente senza permesso.

Il ministero dell’Interno austriaco ha confermato mercoledì all’agenzia di stampa austriaca APA che da parte “dell’Ambasciata italiana a Vienna, è stato riferito che il 15/04/23 un treno di obici semoventi M109 sarà trasportato dall’Italia in Polonia».

Un portavoce del Ministero dell’Interno ha affermato che i trasferimenti tra paesi dell’UE in determinate circostanze sono esenti da autorizzazione e non richiedono notifica o approvazione.

“L’esportazione è materiale bellico, non necessita di un permesso/permesso ai sensi dell’ordinanza austriaca sui materiali bellici ai sensi dell’articolo 5, paragrafo 2a, e per questo trasferimento esiste un permesso di esportazione e importazione da entrambi i paesi dell’UE”, ha aggiunto il portavoce.

Tuttavia, secondo la legge austriaca sui materiali bellici, è necessario un permesso per trasferire materiale bellico in un paese terzo. Questo è il caso qui, perché l’obice semovente non è destinato alla Polonia, ma all’Ucraina.

Per questo motivo il Viminale ha comunicato all’Ambasciata italiana che “per l’invio di materiale bellico in un Paese terzo occorre ottenere l’autorizzazione ai sensi della legge sui materiali bellici”.

Questa autorizzazione deve essere ottenuta prima del trasferimento. Il ministero dell’Interno ha spiegato che se viene presentata una domanda, la legge prevede che i ministeri dell’Interno, degli Esteri e della Difesa la esaminino.

Il trasferimento ha già fatto scalpore in Italia. Il treno, che venerdì alcune persone hanno filmato con i cellulari, viaggiava a bassa velocità attraverso la stazione italiana di Udine in direzione dell’Austria.

READ  Un latitante della mafia italiana è stato arrestato dopo che la polizia lo ha individuato su Google Maps

Come ha dichiarato il ministro italiano per i Rapporti con il Parlamento, Luca Siriani, alla RAI, i veicoli erano “veicoli d’artiglieria semoventi” destinati all’Ucraina e parte del pacchetto di aiuti militari deciso dall’ex governo del primo ministro Mario Draghi e consegnato questa settimana. .

Il sito web dell’Agenzia Anadolu contiene solo una parte delle notizie presentate agli abbonati dell’AA News Broadcasting System (HAS) e in forma sintetica. Vi preghiamo di contattarci per le opzioni di abbonamento.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x