Un tribunale russo ordina la detenzione di 4 sospettati dell'attacco alla sala da concerto

Un tribunale russo ordina la detenzione di 4 sospettati dell'attacco alla sala da concerto

La Russia ha ordinato la detenzione di quattro uomini accusati di aver ucciso almeno 137 persone in un attacco a una sala da concerto di Mosca con l'accusa di “terrorismo”, con il bilancio delle vittime che dovrebbe aumentare con oltre 100 persone rimaste in ospedale.

Gli uomini rischiano l'ergastolo, nonostante le autorità russe abbiano chiesto la revoca della moratoria sulla pena di morte per imporre sentenze più severe.

In una serie di udienze giudiziarie tenutesi a tarda notte a Mosca e proseguite fino alle prime ore di lunedì, i quattro uomini, con lividi e tagli sui volti, sono stati trascinati in tribunale davanti a decine di giornalisti riuniti a Basmannyj, nella capitale. . Tribunale distrettuale.

Gli agenti del Servizio di sicurezza federale russo (FSB) hanno portato uno degli uomini all'udienza su una barella medica, in seguito alle segnalazioni e ai video sui social media russi di interrogatori violenti seguiti all'arresto degli uomini avvenuto sabato.

La corte ha affermato che due degli imputati si sono dichiarati colpevoli.

Lo Stato Islamico ha rivendicato l'attacco venerdì sera, anche se i funzionari russi non hanno commentato il loro possibile coinvolgimento.

Nei suoi unici commenti pubblici da allora, il presidente Vladimir Putin ha suggerito un collegamento con l’Ucraina, affermando che i quattro presunti militanti sono stati arrestati mentre cercavano di fuggire lì. Kiev ha negato fermamente qualsiasi collegamento.

Almeno 137 persone, tra cui tre bambini, sono state uccise venerdì sera quando uomini armati hanno preso d'assalto il municipio di Crocus, nel sobborgo di Krasnogorsk, a nord di Mosca, e poi hanno dato fuoco all'edificio.

Gli investigatori russi non hanno ancora rilasciato alcuna dichiarazione riguardo agli altri sette sospettati che sarebbero stati arrestati in relazione all'attacco.

I media statali russi hanno riferito che i quattro presunti attentatori erano tutti cittadini della Repubblica centroasiatica del Tagikistan.

“Mitragliatrici, coltelli e bombe incendiarie”.

Sabato l’Isis ha dichiarato che l’attacco alla sala da concerto è stato “effettuato da quattro combattenti dell’Isis armati di mitragliatrici, pistole, coltelli e bombe incendiarie” come parte della “guerra furiosa” con “i paesi che combattono l’Islam”.

Secondo il gruppo di intelligence SITE, un video di meno di due minuti, apparentemente girato dai militanti, è stato pubblicato sugli account dei social media comunemente utilizzati dall'Isis.

Il video, che sembra essere stato girato dall'atrio della sede del concerto, mostra diversi individui con i volti offuscati e le voci distorte che sparano con fucili d'assalto e corpi immobili sparsi sul pavimento. Sullo sfondo si vede un incendio.

Gli investigatori russi hanno detto che dopo essere entrati nel teatro e aver sparato agli spettatori, gli uomini armati hanno appiccato il fuoco all'edificio, intrappolando molte persone all'interno.

Funzionari sanitari hanno affermato che il numero dei feriti è salito a 182 e 101 persone sono ancora in cura in ospedale, di cui 40 in condizioni “critiche” o “molto critiche”.

Si è trattato dell’attacco più sanguinoso avvenuto in Russia dall’assedio della scuola di Beslan nel 2004.

Il Ministero russo per le situazioni di emergenza ha finora identificato 29 vittime, ma l'incendio ha complicato il processo di identificazione.

Domenica, il ministero ha pubblicato un video che mostrava attrezzature pesanti che arrivavano alla sala da concerto in fiamme per smantellare le strutture danneggiate e rimuovere le macerie.

READ  Ucraina e America lanciano manovre nel Mar Nero nonostante le proteste russe | Notizie militari

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x