Una bambina di quattro anni vede le impronte dei dinosauri sulla spiaggia del Galles

TORONTO – Una bambina di quattro anni ha scoperto un nuovo piede di dinosauro mentre camminava sulla spiaggia con la sua famiglia nel Galles del Sud, nel Regno Unito, che potrebbe aiutare gli scienziati a saperne di più su come camminano i dinosauri.

Si ritiene che l’impronta sia stata preservata 220 milioni di anni fa.

la ragazza Il suo nome è in un comunicato stampa per il National Museum of Wales Come Lily Wilder, ha trovato la sua impronta su una spiaggia vicino al mare.

“Sono stati Lily e Richard (suo padre) a scoprire l’impronta. La madre di Lily, Sally Wilder, ha detto al museo:” Lily ha visto che stava camminando e ha detto “Lo sguardo di papà”.

“Siamo stati felicissimi quando abbiamo scoperto che si trattava davvero di un’impronta di dinosauro e sono felice di averla portata al Museo Nazionale dove può essere apprezzata e studiata per generazioni”, ha detto.

Cindy Howells, curatrice del National Paleontology Museum in Galles, ha descritto il ritrovamento “come il miglior esemplare mai trovato” su quella spiaggia.

L’impronta stessa è nota come grallator, ed è un tipo comune di piccola impronta tridattilo, ma il minuscolo dinosauro che ha reso impossibile identificare il museo ha detto.

“La nuova impronta è lunga poco più di 10 cm e potrebbe essere stata realizzata da un dinosauro alto circa 75 cm e lungo 2,5 metri”, secondo la dichiarazione del museo. “Sarebbe stato un animale magro che avrebbe camminato sulle zampe posteriori e avrebbe cacciato attivamente piccoli animali e altri insetti”.

L’impronta digitale è stata estratta e portata al Museo Nazionale di Cardiff per studio.

READ  Esattamente quando puoi guardare "l'eclissi di alba" di questa settimana da ogni stato degli Stati Uniti in pista

// BEGIN: Facebook clicks on unlike button FB.Event.subscribe("edge.remove", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_unlike_btn_click'); }); }; requiresDependency('https://s7.addthis.com/js/250/addthis_widget.js#async=1', function(){ addthis.init(); }); var plusoneOmnitureTrack = function () { $(function () { Tracking.trackSocial('google_plus_one_btn'); }) } var facebookCallback = null; requiresDependency('https://connect.facebook.net/en_US/all.js#xfbml=1&appId=404047912964744', facebookCallback, 'facebook-jssdk'); });

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x