Una canzone inaudita porta alla scoperta dell’oceano

Una canzone inaudita porta alla scoperta dell’oceano

(Reporter)
I ricercatori che studiano le balene sono inciampati nell’Oceano Indiano occidentale. Hanno registrato una canzone di balene inedita, che descriveva una canzone “lenta e sussurrata” prima Il New York Times. Dopo un po ‘di spionaggio subacqueo, hanno riportato una scoperta di Saeed sulla rivista Ricerca sulle specie minacciate di estinzione: La canzone appartiene a un gruppo di balenottere azzurre mai scoperto. Questa è una notizia particolarmente buona se si considera che le balene blu, che crescono fino a dimensioni colossali, sono elencate come a rischio di estinzione ai sensi dell’Endangered Species Act, osserva un post in Terra. Dopo essere state cacciate sull’orlo dell’estinzione, si stima che il numero di balenottere azzurre presenti sia compreso tra 10.000 e 25.000. Non è chiaro quante persone possano appartenere alla nuova popolazione.

“È stato fantastico trovare un canto di balene nei tuoi dati che fosse completamente unico, precedentemente non segnalato e identificato come una balenottera azzurra”, afferma il coautore dello studio Salvatore Sirchio del Whale Program of the Africa Aquarium. Cantano canzoni basse ma ogni gruppo ha la propria versione, spiega Informato giornalmente. Questo è il motivo per cui i ricercatori sono stati in grado di identificare la nuova popolazione, che potrebbe essere una sottospecie unica. “È come ascoltare canzoni diverse all’interno di un genere – Stevie Ray Vaughan contro BP King”, dice Serchio. Volte. “È tutto blues, ma conosci i diversi stili.” I ricercatori affermano che la scoperta aumenta l’importanza di proteggere le balene attraverso le normative sulla navigazione e le emissioni di carbonio. (Leggi altre storie della balenottera azzurra.)

READ  In Algeria è stato scoperto un pezzo di un protopianeta scomparso

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x