Un’altra barca è affondata al largo della Tunisia, uccidendo 19 richiedenti asilo africani | Notizie sui rifugiati

Un’altra barca è affondata al largo della Tunisia, uccidendo 19 richiedenti asilo africani |  Notizie sui rifugiati

Gli ultimi decessi arrivano quando i media italiani hanno riferito che 2.000 rifugiati e migranti sono arrivati ​​a Lampedusa nell’arco di 24 ore.

Almeno 19 rifugiati e migranti dall’Africa sub-sahariana sono annegati al largo delle coste della Tunisia mentre cercavano di attraversare il Mar Mediterraneo e raggiungere l’Italia, secondo un gruppo per i diritti umani.

Le notizie sui decessi sono arrivate all’inizio di domenica, con l’agenzia di stampa italiana ANSA che ha riferito che più di 2.000 richiedenti asilo erano arrivati ​​sull’isola italiana di Lampedusa nell’arco di 24 ore.

L’agenzia ha definito gli arrivi di sabato un “record”.

Ramadan Ben Omar, funzionario del Forum per i diritti sociali ed economici, ha dichiarato all’agenzia di stampa Reuters che i decessi sono avvenuti quando una barca che trasportava rifugiati e migranti è affondata al largo della costa tunisina di Mahdia dopo un viaggio partito dalle coste di Sfax. .

Ha detto che la guardia costiera tunisina è riuscita a salvare cinque persone dalla barca.

Non è stato possibile raggiungere le autorità tunisine per un commento.

Negli ultimi quattro giorni, almeno cinque barche che trasportavano rifugiati e migranti sono affondate al largo della città meridionale di Sfax, provocando 67 dispersi e 9 morti.

La guardia costiera ha detto in precedenza di aver fermato circa 80 imbarcazioni dirette in Italia negli ultimi quattro giorni e di aver arrestato più di 3.000 persone, la maggior parte delle quali provenienti da paesi dell’Africa sub-sahariana.

La costa vicino a Sfax è diventata un importante punto di partenza per le persone in fuga dalla povertà e dai conflitti in Africa e Medio Oriente con la speranza di una vita migliore in Europa.

READ  I marines italiani accusati di aver ucciso pescatori indiani non hanno ancora finito con i tribunali

L’ultimo disastro arriva nel mezzo di una campagna di arresti da parte delle autorità tunisine di africani subsahariani privi di documenti.

Secondo i dati delle Nazioni Unite, dalla Tunisia sono salpate quest’anno almeno 12.000 persone arrivate in Italia, contro le 1.300 dello stesso periodo del 2022.

In precedenza, la Libia era il principale punto di partenza per rifugiati e migranti.

Secondo le statistiche FTDES, la guardia costiera tunisina ha impedito a più di 14.000 rifugiati e migranti di imbarcarsi durante i primi tre mesi di quest’anno, rispetto ai 2.900 dello stesso periodo dell’anno scorso.

Giovedì, la Guardia Costiera italiana ha dichiarato di aver salvato circa 750 richiedenti asilo in due operazioni al largo della costa meridionale italiana.

Il primo ministro italiano, Giorgia Meloni, ha detto venerdì che l’Europa rischia di vedere un’enorme ondata di rifugiati e migranti arrivare sulle sue coste dal Nord Africa se la stabilità finanziaria non è garantita in Tunisia.

La Meloni ha chiesto al Fondo Monetario Internazionale e ad alcuni Paesi di aiutare con urgenza la Tunisia per evitarne il crollo.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x