Uno studio ha scoperto che la solitudine può aiutare lo sviluppo di parti del cervello associate all’immaginazione

Uno studio ha scoperto che la solitudine può aiutare lo sviluppo di parti del cervello associate all’immaginazione
Uno studio pubblicato martedì sulla rivista ha mostrato che le persone con solitudine avevano maggiori probabilità di avere una maggiore attività nelle aree del cervello associate ai ricordi, al pensiero degli altri e alla pianificazione futura. Nature Communications.

I ricercatori hanno ipotizzato che la cosiddetta rete virtuale nel cervello, che è coinvolta nella memoria e nella cognizione sociale, possa subire cambiamenti legati alla solitudine.

“Ciò che ci ha sorpreso è stato il fatto che il maggiore impatto nei dati è stato così drammatico”, ha detto l’autore principale Nathan Spring, professore associato di neuroscienze alla McGill University di Montreal.

Le connessioni tra queste aree sono diventate più forti e il volume di materia grigia è stato maggiore di quelli che non erano soli.

I risultati convergono sulla rete virtuale come quella più colpita dall’isolamento e dalla solitudine percepiti.

Moltissimi dati

Molto prima che la pandemia si diffondesse, la solitudine era sempre più vista come una preoccupazione per la salute pubblica, al punto che il Regno Unito ha designato Ministro dell’Unità Nel 2018.
I dati hanno mostrato che gli adulti soli hanno una probabilità 1,64 volte maggiore di sviluppare la demenza rispetto a quelli che non si dichiarano da soli di sentirsi soli. per me La revisione 2015 degli studi in tutto il mondo.
Risultati come questo hanno spinto i ricercatori a setacciare le immagini del cervello di 40.000 persone, da cui sono state tutte estratte Biobanca del Regno UnitoUn ampio database che memorizza informazioni mediche vitali da quasi 500.000 britannici.

I partecipanti a quello studio, che avevano un’età compresa tra i 40 ei 69 anni, hanno compilato valutazioni che includevano domande chiedendo se si sentissero soli o meno.

READ  Sotto la superficie di Marte ci sono componenti della vita microbica odierna

I ricercatori hanno quindi confrontato le scansioni MRI delle persone con solitudine con quelle che non si sentivano sole su base regolare.

Spring ha affermato che l’enorme dimensione del campione di dati è rara in quest’area della scienza, ed è stato il risultato di una biobanca che ha ampliato notevolmente le immagini cerebrali disponibili lo scorso febbraio.

“Abbiamo avuto modo di lavorarci non appena sono usciti ed è stato davvero emozionante”, ha detto Spring.

In precedenza, la maggior parte del suo lavoro sulle neuroscienze si era concentrato su gruppi di solo centinaia di partecipanti, un numero elevato in sé. Ma ora, con decine di migliaia di dati sui soggetti da cui attingere, c’era molto altro da imparare.

Quando ci sentiamo soli, amici intimi, colleghi e celebrità sembrano tutti uguali nel nostro cervello.
L’ipotesi dei ricercatori che la rete virtuale nel cervello sia attiva durante la solitudine era logica, perché queste parti sono coinvolte nel pensare al sé, secondo il dott.Kenneth Hillman, professore emerito presso il Dipartimento di Neuroscienze dell’Università della Florida, i cui libri includono,Creatività e cervello“E il”Cervello di un credente. Hillman non è stato coinvolto nello studio di McGill.

“C’è un vecchio detto nelle neuroscienze che usiamo sempre”, ha detto Hillman. “Usalo o perdilo”.

Sebbene parti del cervello pronte per la creatività e l’auto-riflessione possano crescere durante la solitudine, questo può significare che altre parti sociali del cervello si atrofizzeranno a causa dell’inattività.

“La grande domanda che sorge è: inizi a perdere altre parti del cervello che sono importanti per le interazioni?” Chiese Hillman. “Se non lo usi, alla fine porterà a sconvolgimenti più folli?”

Uno sguardo alla malattia di Alzheimer

Uno dei modi principali in cui questo studio potrebbe apportare benefici alla medicina in modo più ampio è aiutare gli scienziati a capire meglio come l’isolamento sociale – un argomento più importante durante la pandemia isolata – influisce sulla struttura del cervello, mettendo le persone a rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer con l’avanzare dell’età.

WFH?  Sì, anche noi siamo soli

“Ci sono ancora molti altri fattori che devono essere esaminati, come il modo in cui l’unità interagisce con il genotipo APOE-4”, ha detto Spring.

Questo gene è stato collegato fino al 25% dei casi di Alzheimer, secondo Associazione Alzheimer.

E poiché gli anziani a rischio di sviluppare demenza sono spesso più isolati quando vivono da soli o in strutture di vita condivise, ulteriori ricerche potrebbero rivelare come la solitudine possa esacerbare una predisposizione genetica già esistente.

READ  Il cielo (non) è il limite. Vediamo Venere, Terra e Marte. Puzzle su Giove e altro ancora!

“Questo primo studio è stato davvero importante in termini di identificazione di quali parti del cervello sono colpite dalla solitudine”, ha detto. “Stiamo usando queste informazioni e seguendo un ampio campione di persone anziane. E vediamo come il loro cervello progredisce nel corso di diversi anni e come la loro esperienza di solitudine possa effettivamente accelerare i modelli di atrofia”.

Lo studio è ancora più importante dopo un anno di pandemia in cui l’isolamento sociale è più comune.

“È estremamente importante sentirsi socialmente connessi”, ha detto Spring. “Uscire dall’isolamento correlato a Covid può essere molto più facile per alcune persone, e in particolare per i giovani adulti. Gli anziani potrebbero aver bisogno di più aiuto”.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x