Volteggio equestre: i cavalieri disabili in Italia competono nella ginnastica a cavallo

Volteggio equestre: i cavalieri disabili in Italia competono nella ginnastica a cavallo
  • Scritto da Clare Taylor Hayes e Cordelia Hemming
  • BBC 100 Donne

Commenta la foto,

Antinesca, Alberto e Michel sono pronti a gareggiare

Mancano solo cinque settimane all'inizio di una delle gare regionali italiane di salto equestre e tutti gli occhi sono puntati su Antinesca Sensi che spera di strappare il premio.

Anche Beatrice, otto anni, si sta preparando per il suo momento sotto i riflettori, ma con la tensione che precede la competizione, ci sono dubbi sul fatto che sarà pronta in tempo.

Entrambi frequentano La Fenice, alle porte di Verona, un'associazione fondata nel 2001 per formare persone con disabilità, e persone senza disabilità, nello sport del volteggio equestre.

Il volteggio equestre è spesso descritto come uno sport fisico a cavallo.

Ha una storia più recente nei circhi, tuttavia, e si ritiene che le persone eseguano acrobazie mentre cavalcano cavalli in movimento da oltre 2.000 anni.

Ora è riconosciuto dalla Federazione Internazionale degli Sport Equestri e le competizioni si svolgono in tutto il mondo.

Può anche essere una forma di terapia per le persone disabili. Andare a cavallo, accompagnato da musica ritmata ed esercizi di equilibrio, può aiutare a migliorare la forza, la coordinazione e il movimento.

In Italia il salto è stata la prima disciplina equestre ad accogliere gli atleti disabili per competere con cavalieri non disabili. Si chiamano categorie integrate e quest'anno è il primo anno che il Campionato Regionale Veneto le propone.

Spiegazione video,

I cavalieri disabili in Italia gareggiano nella ginnastica a cavallo

Antinesca, che ha la sindrome di Down, ha iniziato a volteggiare equestre quando aveva 30 anni come parte di un programma lanciato dall'Associazione Nazionale Italiana per le Famiglie e le Persone con Disabilità (ANFFAS).

Adesso ha 45 anni e si allena con una squadra che parteciperà al Campionato Veneto.

È una delle donne incluse nella lista delle 100 donne più importanti della BBC, che ogni anno include i nomi di 100 donne ispiratrici e influenti in tutto il mondo.

ANFFAS ha collaborato con La Fenice, dove gli studenti imparano il dressage saltando dai migliori del settore.

I loro allenatori includono la campionessa del mondo di salto, Anna Cavallaro, e l'uomo che l'ha allenata quando era una ragazzina, Nelson Vidoni.

Anna Cavallaro ha scoperto il salto all'età di 11 anni, quando suo padre la portò al maneggio dove insegnava Nelson.

Ne è rimasta subito affascinata.

“Mi ha messo su un cavallo e il sabato successivo stavo saltando”, dice Anna.

Il duo scrisse la storia quando Cavallaro divenne il primo italiano a vincere tre volte la Coppa del Mondo.

Dopo l'infortunio non ha più gareggiato. Invece, ha dedicato la sua vita a diventare un allenatore.

“Ora so cosa significa saltare, amare i cavalli e mettere in loro tutta la propria passione”, afferma.

Commenta la foto,

Antisca si allena con l'ex campionessa del mondo Anna Cavallaro e l'allenatore Nelson Vidoni

Nelson Vidoni, o “Nonno” come lo chiamano i suoi studenti, spiega quanto sia benefico lo sport per chi lo pratica.

“L'animale diventa un amico e questo aiuta a migliorare la coordinazione, l'autostima, a trovare equilibrio e a socializzare”, dice.

Ma è anche desideroso di dimostrare quanto sia concentrato sul lato competitivo di questo sport.

“Sono molto duro con loro, anche se dopo li abbraccio”, dice Nelson. “Anche le persone con disabilità hanno bisogno di guida. Dovrebbe essere lo stesso che per le altre persone che formiamo, non c'è differenza.”

Con tutti concentrati sulla competizione, è compito di Anna assicurarsi che la squadra sia pronta per esibirsi.

Antisca sembra pronto a partire, ma non è chiaro se Beatrice scenderà in campo.

Nelson insiste che non metterà nella competizione nessuno che non pensa sia pronto.

Commenta la foto,

“Voglio che la gente dica 'Wow, quanto sono bravi questi corridori' quando gareggiamo”, afferma Coach Fidoni.

Beatrice, o Pia in breve, è arrivata alla Fenice quattro anni fa e si è subito appassionata al mondo dei cavalli.

Anna nota che quando Bea fa un esercizio di routine, lo fa senza troppa convinzione, senza alcuna brillantezza.

“Ma quando fa freestyle e fa nuovi esercizi… ci mette tutto il cuore”, dice.

La madre di Bea, Alice, parla di sua figlia con un grande senso di orgoglio.

Dice che Pia, che ha la sindrome di Down come Anteyska, sta raggiungendo obiettivi che non avrebbe mai creduto possibili.

La gente diceva che Pia non avrebbe mai cavalcato da sola, ma ora fa lunghi viaggi, dice Alice.

Non vede la sindrome di Pea Down come una disabilità. “È una caratteristica distintiva”, dice, “niente di più”.

Allora, sua madre pensa che Bea sia pronta per il torneo regionale?

“Lo voglio”, dice con un sorriso. “Sarò io a tifare come un matto. Sono naturalmente molto competitivo.”

Ma ammette che questa non è una sua decisione. Tocca a Nelson e Anna decidere.

Commenta la foto,

Beatrice si è allenata duramente ed è arrivata alla competizione regionale

A una settimana dalla competizione, i corridori si sottopongono alla sessione di allenamento finale.

Si allenavano su un cavallo meccanico, che è una massa non meccanica a forma di cavallo controllata dal movimento del cavaliere. Ora stanno cercando di perfezionare le loro mosse per una routine di freestyle su un vero cavallo.

“Devi tornare un po' indietro”, dice Nelson mentre dà ad Antiniska alcune istruzioni finali. “Stai andando avanti con le spalle e le gambe abbassate? No”, ordina.

Antesca dice di sentirsi pronta per competere ma ammette di aver avuto qualche nervosismo all'ultimo minuto.

È finalmente arrivato il giorno della gara regionale in Veneto, e Antinesca e la sua squadra di salto sono rannicchiati in un angolo dell'arena coperta dove cavalli e concorrenti si aggirano, discutendo gli ultimi dettagli prima dello spettacolo.

Si può vedere Pia mentre si riscalda. Questo significa che è pronta per competere?

Nelson conferma di aver dato il via libera.

“È un piccolo successo”, dice sua madre. “Spero che sia il primo di tanti.”

Vestita da Minnie Mouse, con pois rossi e bianchi e capelli raccolti in trecce, Bea sale sul ring insieme al suo compagno di salto.

Il pubblico e gli altri concorrenti osservano attentamente mentre Pia inizia la sua routine.

Con l'aiuto di Anna, cavalca il cavallo con grazia ed esegue ogni movimento con un sorriso sul viso, guadagnandosi un enorme applauso da parte del pubblico.

La prima esibizione di Bea è stata un successo. Lei e la sua compagna Cecilia hanno vinto l'argento nella loro categoria.

Adesso è il turno di Antinesca con i soci Michele e Alberto. Passa dal cavalcare al cavallo e stare su di esso dietro Michelle, che è seduta di fronte a lei. Poi si muove con grazia attraverso movimenti ginnici ben sperimentati.

Mentre completano la loro routine, c'è un altro applauso.

Commenta la foto,

Quest'anno la squadra ha vinto l'oro al campionato regionale

Antiniska è contenta della prestazione? “Sì, molto felice”, dice.

I giudici sono rimasti colpiti anche quando hanno annunciato che la squadra aveva vinto la medaglia d'oro.

Equilibrio, resistenza e dressage: le donne di BBC 100 entrano nel mondo del salto paraequestre.

Ogni anno, BBC 100 Women nomina 100 donne ispiratrici e influenti in tutto il mondo. Segui BBC 100 Women su Instagram E Facebook. Partecipa alla conversazione utilizzando #BBC100Donne.

READ  Jimmy Carragher denuncia "imbarazzante" Gary Neville sulla chiamata in Inghilterra di Trent Alexander-Arnold

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x