Tonnellate di rifiuti bloccano un fiume in Bosnia. È un problema stagionale a cui gli attivisti vogliono porre fine

Tonnellate di rifiuti bloccano un fiume in Bosnia.  È un problema stagionale a cui gli attivisti vogliono porre fine

VISEGRAD, Bosnia-Erzegovina (AP) – Con una stagionalità prevedibile, tonnellate di rifiuti galleggiano lungo un fiume almeno due volte l’anno e finiscono vicino alla città bosniaca orientale di Visegrad dietro una barriera eretta da una centrale idroelettrica locale.

Un attivista ambientalista segue i lavoratori mentre rimuovono i rifiuti dal fiume.

“Anno nuovo, problemi nuovi o meglio vecchi problemi con nuova spazzatura che galleggia sulla nostra strada”, ha detto mercoledì Dejan Furtula del gruppo ambientalista Eco Centar Visegrad.

I rifiuti provenienti dalle discariche non autorizzate che punteggiano i Balcani occidentali vengono trasportati tutto l’anno dal fiume Drina e dai suoi affluenti in Bosnia, Serbia e Montenegro verso Visegrad, e poi nel fiume Danubio, nel quale alla fine sfocia la Drina.

Ma durante il clima umido dell’inverno e dell’inizio della primavera, i corsi d’acqua della regione si gonfiano e trascinano via così tanti rifiuti da dozzine di discariche illegali lungo le loro sponde che non riescono a sfuggire alla recinzione del fiume eretta dalla centrale idroelettrica della Bosnia. A pochi chilometri dalla diga vicino a Visegrad.

Di conseguenza, la recinzione si trasforma, almeno due volte all’anno e per alcune settimane, nel bordo esterno di un accumulo galleggiante di bottiglie di plastica, barili arrugginiti, pneumatici usati, elettrodomestici, legni, animali morti e altri rifiuti, che viene collocato in un luogo ordinario. Da notare l'incapacità delle autorità regionali di adottare e attuare adeguati standard di qualità ambientale.

“Ancora una volta (dalla fine di dicembre), qui si sono raccolti tra i cinque ei seimila metri cubi di rifiuti indifferenziati, che gli operai della centrale idroelettrica li hanno rimossi”, ha detto Fortula. “L’anno scorso, le attività di pulizia sono durate 11 mesi, il che significa che i rifiuti continuano ad arrivare durante tutto l’anno”.

READ  Un morto in una sparatoria all'aeroporto di Kabul in mezzo a evacuazioni caotiche

Il fiume Drina corre per 346 chilometri (215 miglia) dalle montagne del Montenegro nordoccidentale attraverso la Serbia e la Bosnia. Il fiume Drina e alcuni dei suoi affluenti sono famosi per il loro colore smeraldo e i paesaggi mozzafiato, e una sezione lungo il confine tra Bosnia e Serbia, in particolare, è molto popolare tra i rafting sul fiume.

Tuttavia, il fatto che i rifiuti galleggianti vicino a Visegrad riappaiano regolarmente e occupino i titoli dei giornali, rende il marketing della città come destinazione turistica all’aria aperta un compito estremamente difficile.

“Lo spettacolo orribile che accoglie i visitatori di Visegrad all'ingresso della città è un problema che non possiamo risolvere”, ha detto Olivera Todorovic dell'Ente per il turismo di Visegrad.

“A giudicare da ciò che sentiamo dai turisti, questo sito brutto e talvolta puzzolente scoraggia molti visitatori dal venire a Visegrad”, ha aggiunto.

Fortula è d'accordo, ma dice che il problema è molto più profondo.

Ogni anno, circa 10.000 metri cubi di rifiuti vengono rimossi dal tratto del fiume Drina vicino a Visegrad e trasportati nella discarica municipale della città per l'incenerimento. Il fumo e i liquidi provenienti dalla discarica “sempre in fiamme” rappresentano un evidente rischio per la salute, ha affermato Fortula.

A marzo, l'Eko Centar Visegrad inizierà a campionare l'acqua del fiume Drina e ad analizzarla per individuare eventuali contaminanti in diversi siti, inclusa l'area vicino alla discarica municipale della città.

“Attraverso l’aria, il suolo e l’acqua, tutte le tossine rilasciate (dalla discarica) ritornano nel fiume Drina e mi aspetto che i suoi livelli di inquinamento siano molto elevati”, ha detto Fortula.

Dopo decenni di guerre devastanti scoppiate negli anni ’90 e che hanno accompagnato la disgregazione della Jugoslavia, i Balcani sono rimasti indietro rispetto al resto d’Europa sia dal punto di vista economico che in termini di protezione ambientale.

READ  Eminente giornalista criminale olandese ucciso in strada ad Amsterdam notizie di criminalità

Oltre all’inquinamento dei fiumi, molti paesi dei Balcani occidentali soffrono di altri problemi ambientali. Una delle preoccupazioni più urgenti è il livello estremamente elevato di inquinamento atmosferico che colpisce numerose città della regione.

I paesi dei Balcani occidentali hanno fatto pochi progressi nella costruzione di sistemi di smaltimento dei rifiuti efficienti e rispettosi dell’ambiente, nonostante abbiano cercato di aderire all’Unione Europea e abbiano adottato alcune delle leggi e dei regolamenti del blocco dei 27 membri.

Todorovic ha detto che il problema ambientale che Visegrad deve affrontare “è a lungo termine e la sua soluzione non sarà né facile né economica”. “Ma dobbiamo lavorarci sopra”.

Fortula concorda sul fatto che non esistono soluzioni rapide e semplici, ma afferma che alcune misure potrebbero essere facilmente adottate per mitigare il problema.

“Tutti i comuni a monte di Visegrad dovrebbero installare barriere per i rifiuti come quelle qui e creare le proprie squadre di raccolta dei rifiuti per accelerare il processo di rimozione dei rifiuti, renderlo più efficiente e anche per evitare che i rifiuti affondino nel fondo del fiume,” Egli ha detto. .

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x