― Advertisement ―

spot_img

La campagna di Trump riceve un sostegno di 50 milioni di dollari da un donatore

Informazioni sull'articoloautore, Graeme BakerRuolo, Notizie della BBC, Washington4 ore faLa campagna presidenziale di Donald Trump ha ricevuto 50 milioni di dollari (39,5 milioni...
HomeWorldAl-Sisi grazia il ricercatore egiziano Patrick Zaki e il suo avvocato ...

Al-Sisi grazia il ricercatore egiziano Patrick Zaki e il suo avvocato Notizie sui diritti umani

Il presidente egiziano, Sisi, ha graziato due eminenti difensori dei diritti umani, un avvocato e un attivista con legami con l’Italia.

I media statali hanno riferito che il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi ha graziato il ricercatore per i diritti umani Patrick Zaki e l’avvocato Mohamed El-Baqer.

La grazia è arrivata mercoledì, il giorno dopo che Zaki è stato condannato a tre anni di carcere dopo essere stato giudicato colpevole di aver diffuso “notizie false”.

Zaki, 32 anni, è stato incarcerato per un articolo che raccontava la discriminazione che lui e altri membri della minoranza cristiana copta egiziana hanno affermato di aver subito.

Il quotidiano governativo Al-Ahram ha affermato che al-Sisi ha anche concesso la grazia presidenziale a El-Baqer, l’avvocato di Alaa Abdel-Fattah, il più famoso prigioniero politico egiziano. Al-Baqer è stato arrestato nel 2019 e nel 2021 è stato condannato a quattro anni di carcere con l’accusa di diffusione di notizie false, uso improprio dei social media e adesione a un gruppo di “terroristi”.

I prigionieri graziati in Egitto di solito camminano liberi entro pochi giorni.

“Accogliamo con favore la notizia della loro grazia e chiediamo l’immediato rilascio delle migliaia di persone ancora detenute in Egitto per motivi politici”, ha scritto su Twitter l’eminente attivista per i diritti umani Hossam Bahgat. Bahgat è il direttore esecutivo dell’iniziativa egiziana per i diritti personali, che ha rappresentato Zaki in tribunale.

READ  Ghislaine Maxwell ha 60 anni dietro le sbarre mentre si avvicina la condanna

La grazia è arrivata dopo che il Dipartimento di Stato americano si è detto su Twitter di essere “preoccupato” per la sentenza di Zaki e ha sollecitato il “rilascio immediato di lui e di coloro che sono stati detenuti ingiustamente”.

Zaki era uno studente laureato all’Università di Bologna quando le autorità egiziane lo hanno arrestato nel febbraio 2020 al suo arrivo all’aeroporto internazionale del Cairo mentre era in visita a casa sua per vedere la sua famiglia.

Il primo ministro italiano, Giorgia Meloni, ha detto che Zaki, che possiede anche la cittadinanza italiana, tornerà in Italia giovedì.

“Domani Patrick Zaki tornerà in Italia, e gli auguro una vita di serenità e successo”, ha detto mercoledì Meloni in un videomessaggio, ringraziando Sisi.

Migliaia di prigionieri politici

Parlando alla televisione di stato italiana in una piazza fuori dall’antico Pantheon a Roma, Riccardo Nuri, funzionario di Amnesty International Italia, ha espresso sollievo per il fatto che “il grave caso (di Zaki) è stato risolto, ma non risolve la questione dei diritti umani in Egitto”.

Il Cairo è stato ripetutamente criticato per il suo rispetto dei diritti umani, con decine di migliaia di prigionieri politici – inclusi giornalisti, avvocati, sindacalisti e artisti – dietro le sbarre, secondo i gruppi per i diritti.

L’Egitto ha graziato dozzine di detenuti negli ultimi mesi, dopo che la sua situazione in materia di diritti umani è stata oggetto di esame internazionale quando ha ospitato il vertice delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a novembre.

I gruppi per i diritti stimano che migliaia di prigionieri politici rimangano detenuti in Egitto, molti senza processo.

READ  L'ex membro dei Fifth Harmony Lauren Jauregui afferma che Elon Musk sta "distruggendo Twitter prima delle elezioni" - Deadline

Il governo ha lanciato quest’anno un “dialogo nazionale”, sperando di coinvolgere un’opposizione che è crollata in un decennio di repressione da quando al-Sisi ha deposto il primo presidente democraticamente eletto dell’Egitto, il defunto Mohamed Morsi, dopo le proteste popolari.

L’Egitto è un importante alleato degli Stati Uniti e uno dei maggiori destinatari di aiuti militari.

Sebbene le voci all’interno del Congresso degli Stati Uniti abbiano chiesto tagli più ampi agli aiuti all’Egitto a causa del suo record di diritti umani, l’amministrazione del presidente Joe Biden ha trattenuto solo 130 milioni di dollari nel 2021.

A gennaio, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha invitato al-Sisi a “rilasciare tutti i prigionieri politici” accogliendo con favore i “passi significativi” del Paese.