Algeria: 61 arrestati dopo che una banda ha ucciso un uomo accusato ingiustamente di aver appiccato incendi mortali | Algeria

La polizia algerina ha annunciato l’arresto di altre 25 persone in relazione all’omicidio di un uomo falsamente accusato di aver appiccato incendi boschivi la scorsa settimana, portando il numero totale di sospetti a 61.

I recenti arresti sono stati effettuati in diverse province del paese, ha detto la polizia in una dichiarazione martedì, aggiungendo che i sospetti sono anche accusati di aver danneggiato proprietà pubbliche e della polizia.

La vittima, Jamal Ben Ismail, 38 anni, si era consegnato alla stazione di polizia della regione di Tizi Ouzou, la più colpita dagli incendi, dopo aver appreso del suo coinvolgimento nella vicenda.

I video pubblicati online mostrano una folla che circonda un’auto della polizia e colpisce un uomo all’interno. Poi lo hanno trascinato fuori e gli hanno dato fuoco, e alcuni si sono fatti dei selfie.

Le immagini orribili si sono diffuse ampiamente e hanno suscitato indignazione in Algeria.

incendi Spinto da una forte ondata di caldoAlmeno 90 persone sono state uccise nel paese nordafricano e le autorità hanno accusato rivoltosi e “criminali” dell’epidemia.

Hanno puntato il dito contro il movimento indipendentista della regione della Cabilia, a maggioranza berbera pesantemente danneggiata, che si estende lungo la costa mediterranea a est di Algeri.

Ma Said Salehi, vicepresidente della Lega algerina per i diritti umani, ha dichiarato all’Afp: “Solo un processo equo può rivelare la verità e rendere giustizia a Jamal”.

READ  14 corpi trovati nella casa di un ex poliziotto in un caso di omicidio in El Salvador

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x