ArcelorMittal vuole un accordo 'amichevole' sulle acciaierie italiane

ArcelorMittal vuole un accordo 'amichevole' sulle acciaierie italiane

ArcelorMittal si è offerta di vendere la sua partecipazione o di diventare azionista di minoranza in un'acciaieria italiana dopo che Roma si è mossa per porre l'impianto sotto la supervisione statale, ha detto il suo amministratore delegato in una lettera vista sabato dall'AFP.

Aditya Mittal ha scritto al Primo Ministro italiano Georgia Meloni Spingere per una “soluzione amichevole” alla crisi che circonda l’ex stabilimento Ilva in difficoltà, uno dei più grandi impianti siderurgici d’Europa.

La lettera è datata giovedì, il giorno in cui il governo di estrema destra Meloni ha annunciato di aver fatto il primo passo verso la messa della fabbrica sotto la supervisione statale.

Le trattative con ArcelorMittal, che detiene una quota del 62%, su come mantenere la produzione e garantire migliaia di posti di lavoro nello stabilimento nella città meridionale di Taranto sono fallite.

Nella lettera, inizialmente pubblicata dall’agenzia di stampa italiana ANSA e poi ottenuta dall’AFP, Mittal ha affermato di voler evitare “misure unilaterali estreme”.

Secondo lui il governo sembra voler porre fine alla sua joint venture con ArcelorMittal, il più grande produttore di acciaio del mondo, di cui l'ente statale di investimento Invitalia detiene una quota del 38%.

Per ottenere una “chiara separazione”, ArcelorMittal si è offerta di “vendere l’intera nostra partecipazione a Invitalia per una piccola parte del nostro investimento in contanti”, ha scritto l’amministratore delegato in inglese e italiano.

“Anche se Invitalia ha rifiutato, questa offerta resta sul tavolo se il governo vorrà prenderla in considerazione”.

Invece, scrive Mittal, “siamo pronti a restare come partner strategico di minoranza… finché il governo italiano decide di raggiungere una soluzione permanente”.

READ  La Supercoppa SLFA prende il via il 1° novembre

– Problemi di debito –

Roma considera le sue acciaierie una risorsa strategica, ma soffre da tempo di problemi finanziari e preoccupazioni ambientali.

La società operativa, denominata Acciaierie d'Italia, non può più pagare molti dei suoi fornitori o bollette, e l'impianto rischia la chiusura del gas.

“Non possiamo perdere tempo”, ha detto in precedenza ai giornalisti il ​​ministro dell'Economia italiano Adolfo Orso.

“Abbiamo attivato una procedura che potrebbe portare ad un'amministrazione straordinaria nel giro di poche settimane”, ha detto.

“D'altra parte, se ArcelorMittal presenta proposte in linea con ciò che il governo ritiene assolutamente necessario, per proteggere l'impianto e riprendere la produzione, allora gli azionisti potranno ovviamente discuterne”, ha affermato.

L'amministrazione straordinaria prevederà la nomina di commissari per la gestione della società e lo sviluppo di un piano di salvataggio, in attesa dell'arrivo di un nuovo investitore.

Nel frattempo, il governo si è detto pronto a garantire la “liquidità esistente” dell’impianto con un prestito ponte di 320 milioni di euro (347 milioni di dollari).

Mittal ha affermato che se restasse, la sua azienda potrebbe contribuire fino a un terzo del contributo statale all'acquisto dei beni della joint venture, per evitare qualsiasi preoccupazione sugli aiuti governativi.

ArcelorMittal ha risposto a un bando di gara dopo aver posto il sito in amministrazione straordinaria per l'ultima volta nel 2015, rilevando il Gruppo Ilva e i suoi 10.700 dipendenti – di cui 8.200 a Taranto – alla fine del 2018.

p/c a

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x