― Advertisement ―

spot_img
HomescienceArrivano le prime immagini JWST di Saturno

Arrivano le prime immagini JWST di Saturno

È il turno di Saturno.

JWST punta il suo potente specchio al berillio rivestito d’oro sul secondo pianeta più grande del nostro sistema solare, e forse il più impressionante di tutti. Finora, abbiamo solo una rapida anteprima delle immagini grezze senza alcuna elaborazione o commento scientifico.

Ma è un inizio.

Siamo abituati a grandi immagini di Saturno dal telescopio spaziale Hubble, in particolare come parte di Opal (Esopianeti Legacy Atmosfere) programma di monitoraggio. Non solo queste immagini sono ricche di scienza, ma sono anche un piacere per gli occhi per il resto di noi. Ma non è di questo che parlano le nuove immagini di Saturno di JWST.

Questa immagine del telescopio spaziale Hubble cattura grandi dettagli su Saturno e il suo sistema di anelli.  È del 2019 e fa parte del progetto Exoplanet Legacy (OPAL).  Crediti immagine: NASA, ESA, A. Simon (GSFC), MH Wong (Università della California, Berkeley) e Team Opal
Questa immagine del telescopio spaziale Hubble cattura grandi dettagli su Saturno e il suo sistema di anelli. È del 2019 e fa parte del progetto Exoplanet Legacy (OPAL). Crediti immagine: NASA, ESA, A. Simon (GSFC), MH Wong (Università della California, Berkeley) e Team Opal

Queste immagini provengono da una proposta che sta testando lo strumento NIRCAM di JWST e la sua capacità di rilevare deboli lune attorno a pianeti luminosi come Saturno. Saturno ha 146 lune confermate, per non parlare delle migliaia di lune più piccole incastonate nei suoi anelli. Ma potrebbero esserci altre lune identificabili nascoste oltre la portata della nostra precedente tecnologia. JWST può trovarlo.

Non solo, ma trovare deboli lune attorno a Saturno aiuterà a trovare deboli lune attorno ad altri pianeti, anche in altri sistemi solari. “Gli spettri profondi di piccole lune selezionate di Saturno (Epimeteo, Pandora, Pallene e Telesto) con NIRSpec IFU testeranno la capacità di JWST di catturare spettri profondi di deboli bersagli vicino a pianeti luminosi, che saranno utili per ERS (Early Launch Science) e GO (General Observers) per altri sistemi planetari”, spiega la descrizione della proposta.

READ  Meteo a Vancouver: sono possibili vivaci aurore boreali
Ahia.  i miei occhi!  Questo ha bisogno di qualche elaborazione, ma è chiaramente un saturniano.  Cos'altro è questo?  Credito immagine: Credito immagine: NASA/CSA/ESA/STScI
Ahia! i miei occhi! Questo ha bisogno di qualche elaborazione, ma è chiaramente un saturniano. Cos’altro è questo? Credito immagine: Credito immagine: NASA/CSA/ESA/STScI

Queste immagini sono una sbirciatina dietro il sipario di raffinati comunicati stampa, immagini elaborate e commenti scientifici. Ma sono meravigliosi a modo loro. Per prima cosa, mostra quanto lavoro ci vuole per trasformare immagini e dati grezzi in qualcosa di riconoscibile.

Ricordi la foto di JWST “Cosmic Cliffs” della scorsa estate? Era una combinazione di immagini scattate con gli strumenti del telescopio MIRI e NIRCAM con diversi filtri.

JWST ha catturato questa straordinaria immagine di una porzione della Nebulosa Carena soprannominata
JWST ha catturato questa straordinaria immagine di una porzione della Nebulosa Carena soprannominata “Discesa Cosmica” nel luglio 2022. Credito immagine: NASA, ESA, CSA e STScI

Ma le immagini iniziali sembravano molto diverse. Ecco uno di loro.

JWST ha catturato questa immagine grezza di NGC 3324, la Nebulosa Carena, con lo strumento MIRI e il filtro F1130W.  Inizia a prendere forma solo quando viene elaborata e abbinata ad altre immagini.  Credito immagine.  NASA, ESA, CSA e STScI
JWST ha catturato questa immagine grezza di NGC 3324, la Nebulosa Carena, con lo strumento MIRI e il filtro F1130W. Inizia a prendere forma solo quando viene elaborata e abbinata ad altre immagini. Credito immagine. NASA, ESA, CSA e STScI

Eccone un altro, e questo è molto simile a quello che siamo abituati a vedere nei comunicati stampa e sui siti web.

Un'altra immagine raw JWST per una funzione
Un’altra immagine JWST preliminare della caratteristica “pendii cosmici” in NGC 3324. Questa immagine è stata scattata con NIRCAM e il suo filtro F444W. Credito immagine: NASA, ESA, CSA e STScI

Se le immagini JWST di Giove di un anno fa sono indicative, una volta elaborate quelle immagini grezze, ci troveremo in uno spettacolo incantevole. JWST ci ha mostrato Giove come non l’avevamo mai visto prima, e le immagini erano sorprendenti, qualcosa che cominciavamo ad aspettarci da un telescopio.

Questa immagine JWST di Giove salta praticamente fuori dallo schermo. Non vediamo l’ora di vedere le sue foto di Saturno una volta che riceveranno lo stesso trattamento. Credito immagine: NASA/CSA/ESA/STScI

C’è un eccellente quadro di processori di immagini astronomiche incl Judy Schmidt (alias Geckzilla), Kevin Gille altri, che senza dubbio daranno vita a queste immagini attraverso la loro abilità artistica. chi conosci Potrebbero averli già messi tra le mani e sono impegnati a prepararli per noi.

Rimani sintonizzato.