Biden si scontra con il pugno del principe ereditario saudita, ma lo affronta per l’omicidio di Khashoggi

Venerdì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha incontrato il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, un uomo che una volta aveva giurato di allontanarsi dalle violazioni dei diritti umani, e ha condiviso un pugno di mano amichevole mentre cercava di ripristinare un’importante relazione diplomatica, rafforzare la sicurezza in Medio Oriente e accresci il mondo. flusso d’olio.

Questo è stato il primo confronto tra i due leader e il loro gesto intimo è stato presto criticato. Ma Biden ha insistito sul fatto che non ha esitato a fare pressione sul principe ereditario, noto con le sue iniziali Mohammed bin Salman, per gli abusi del regno, in particolare l’omicidio nel 2018 dello scrittore statunitense Jamal Khashoggi, avvenuto L’intelligence statunitense ritiene che sia stato approvato dell’erede al trono.

“Ho detto molto chiaramente che il silenzio del presidente degli Stati Uniti sulla questione dei diritti umani è incompatibile con chi siamo e chi sono io”, ha detto Biden. “Mi batterò sempre per i nostri valori”.

Biden ha detto che il principe Mohammed aveva affermato di “non essere personalmente responsabile” dell’uccisione di Khashoggi, che ha scritto per il Washington Post. “Ho indicato che pensavo lo fosse”, ha risposto il presidente.

I pugni del presidente degli Stati Uniti Joe Biden e del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman hanno sbattuto mentre Biden è arrivato al palazzo reale di Jeddah venerdì. Il presidente degli Stati Uniti ha poi detto ai giornalisti di aver sollevato la questione dell’omicidio di Jamal Khashoggi con la famiglia reale saudita. (Bandar Al-Julud / Corte reale saudita / Reuters)

Sebbene Biden abbia ignorato qualsiasi focus sul colpo di pugno, Fred Ryan, l’editore del Post, lo ha definito “vergognoso”.

“Ha mostrato un livello di intimità e conforto consegnando a Mohammed bin Salman la salvezza ingiustificata che cercava così disperatamente”, ha detto Ryan, riferendosi al principe ereditario con le sue iniziali.

primi passi

Biden ha rifiutato da tempo di parlare con il principe Mohammed. Ma le preoccupazioni sui diritti umani sono state in qualche modo offuscate da altre sfide, comprese le ambizioni nucleari dell’Iran e l’aumento dei prezzi del gas sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina.

Allo stesso tempo, l’Arabia Saudita vuole rafforzare le sue relazioni di sicurezza con gli Stati Uniti e assicurarsi investimenti per trasformare la sua economia in un’economia meno dipendente dal pompaggio di petrolio.

Biden arriva all’aeroporto internazionale King Abdulaziz, a Jeddah, in Arabia Saudita, venerdì. (Evelyn Hochstein/Reuters)

Per ora, i due leader sembrano fare passi avanti insieme.

Biden ha annunciato che le forze di pace statunitensi lasceranno l’isola di Tiran nel Mar Rosso entro la fine dell’anno, aprendo la strada all’Arabia Saudita per sviluppare le sue attrazioni turistiche.

A causa di un complesso accordo diplomatico che regola il controllo dell’isola strategicamente posizionata, la partenza dell’America ha richiesto l’approvazione di Israele e l’accordo è stato l’ultimo capovolgimento delle relazioni più calde tra israeliani e sauditi.

L’accordo è arrivato dopo un precedente annuncio che i sauditi stavano ponendo fine alle rigide restrizioni sui voli commerciali israeliani sul loro territorio.

Biden ha anche affermato che sono stati compiuti progressi nell’estensione del cessate il fuoco in Yemen, dove l’Arabia Saudita ha combattuto i militanti sostenuti dall’Iran, portando a una crisi umanitaria.

Gli Stati Uniti hanno abbassato le aspettative per eventuali aumenti immediati della produzione petrolifera saudita, il che potrebbe aiutare a mitigare l’aumento dei prezzi del gas che stanno danneggiando politicamente Biden in patria.

Venerdì si è tenuta a Gedda una sessione di lavoro, a cui hanno partecipato Biden e il principe Mohammed. (Mandel Ngan/AFP/Getty Images)

Ma dopo il suo incontro con il principe ereditario, Biden ha accennato al sollievo che potrebbe essere in arrivo, anche se “non lo vedrai per altre due settimane”.

L’attuale accordo OPEC+ scade a settembre, aprendo le porte a possibili aumenti di produzione in seguito, anche se rimangono dubbi sulla capacità inutilizzata dei sauditi.

Una nuova era per il Regno dell’Arabia Saudita

Le quasi tre ore di Biden nel palazzo reale di Jeddah sono viste come una vittoria diplomatica per il principe Mohammed, che ha cercato di riabilitare la sua immagine e attirare investimenti nel regno per i suoi piani di riforma e rafforzare le relazioni di sicurezza del regno con gli Stati Uniti.

I sauditi hanno controllato attentamente la visita, anche cercando di impedire ai giornalisti del Washington Post di informare i funzionari del governo prima di fare marcia indietro.

Hanno anche rilasciato un flusso continuo di foto e video di incontri privati ​​a cui ai giornalisti è stato vietato di partecipare. Biden è stato visto stringere la mano a re Salman, l’86enne monarca saudita che quest’anno era malato, compreso il ricovero in ospedale, mentre il principe ereditario guardava.

Guarda | Ottica urto grip:

Il pugno di Biden si scontra con il principe ereditario saudita prima di un incontro controverso

Dennis Horak, ex ambasciatore canadese in Arabia Saudita, e Brett Bruen, capo della Global Situation Room, si sono uniti a Power & Politics venerdì per discutere del controverso incontro tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il principe ereditario Mohammed bin Salman.

Dopodiché, i giornalisti furono ammessi solo brevemente a un incontro che Biden e il principe ereditario ebbero con i loro consiglieri.

I due uomini sedevano uno di fronte all’altro, una disposizione che raffinava l’idea che fossero coetanei.

È un’immagine che il principe ereditario ha voluto promuovere mentre cementa il suo percorso verso il trono dopo aver emarginato, sequestrato e sequestrato i beni di rivali e critici reali.

L’ascesa al potere del principe Mohammed ha inaugurato il regno in una nuova era, in cui l’Arabia Saudita è più assertiva sulla scena globale mentre espande le sue relazioni con Russia e Cina.

Inoltre, le relazioni emergenti con Israele sono sostenute non solo da una comune animosità con l’Iran, ma anche da una potenziale copertura contro la percezione che gli Stati Uniti siano sempre più disaccoppiati dalla regione.

Biden ha trascorso il suo primo viaggio in Medio Oriente da quando è entrato in carica cercando di convincere le persone del contrario.

Biden ha parlato con i giornalisti venerdì dopo una sessione di lavoro con il principe ereditario saudita. Ha detto che il re saudita ha affermato di non essere personalmente responsabile dell’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi. (Mandel Ngan/AFP/Getty Images)

Durante una precedente sosta in Israele, ha detto che sarebbe andato in Arabia Saudita “per promuovere gli interessi americani in un modo che penso che abbiamo l’opportunità di riaffermare ciò da cui penso che abbiamo commesso un errore allontanandoci: la nostra influenza in Medio Oriente .”

Sabato, Biden parteciperà a una riunione dei leader del Consiglio di cooperazione del Golfo – Bahrain, Kuwait, Oman, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti – prima di tornare a Washington. Saranno presenti i leader di Egitto, Iraq e Giordania.

Il consigliere per la sicurezza nazionale di Biden ha detto che il presidente degli Stati Uniti rilascerà una “grande dichiarazione” sulla sua visione del Medio Oriente.

READ  Una nave da guerra canadese attraversa il Mar Cinese Meridionale mentre persistono le tensioni diplomatiche

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x