Blinken dice: “È ora” di raggiungere un accordo tra Israele e Hamas a Gaza

Blinken dice: “È ora” di raggiungere un accordo tra Israele e Hamas a Gaza

Commenta la foto, Blinken – visto qui in visita al valico di Kerem Shalom mercoledì – ha detto che a Gaza stanno arrivando altri aiuti, ma che è necessario accelerarli.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha detto a Israele e Hamas che “ora è il momento” di raggiungere un accordo di cessate il fuoco a Gaza e di rilasciare i restanti ostaggi detenuti lì.

Blinken ha detto che c'è un accordo sul tavolo e Hamas deve accettarlo.

I mediatori attendono la risposta di Hamas all'ultima proposta.

Secondo quanto riferito, l'accordo prevede un cessate il fuoco di 40 giorni e il rilascio di oltre 30 ostaggi israeliani in cambio del rilascio di diversi prigionieri palestinesi.

Blinken ha dichiarato durante il suo incontro con il presidente israeliano Isaac Herzog a Tel Aviv: “Siamo determinati a raggiungere un cessate il fuoco che riporterà gli ostaggi a casa e li restituirà adesso, e l’unica ragione per cui questo non viene raggiunto è Hamas”.

“C’è una proposta sul tavolo e, come abbiamo detto, non ci sono ritardi né scuse. Il momento è adesso”.

Un alto funzionario di Hamas ha negato che il movimento sia responsabile del ritardo nel raggiungimento di un nuovo accordo.

Le famiglie degli ostaggi stavano manifestando fuori e sono state accolte dal signor Blinken, dicendo che il rilascio dei loro cari è “al centro di tutto ciò che stiamo cercando di fare”.

L'alto diplomatico americano ha poi visitato il porto israeliano di Ashdod, a circa 30 chilometri (20 miglia) a nord di Gaza, dove ha insistito sul fatto che Israele aveva fatto concessioni significative per raggiungere un accordo sugli ostaggi e un cessate il fuoco.

Blinken ha affermato che Israele ha fatto progressi nell’invio di maggiori aiuti a Gaza, ma che è necessario accelerare tale processo data l’enorme portata dei bisogni.

Ashdod è stata recentemente aperta agli aiuti per le spedizioni dirette a Gaza, con l'allarme delle Nazioni Unite sulla grave carenza di cibo e sull'incombente carestia.

Mercoledì l'esercito israeliano ha annunciato che 30 camion carichi di aiuti umanitari provenienti dalla Giordania sono entrati per la prima volta nel nord della Striscia di Gaza attraverso il valico di Erez.

Blinken ha inoltre ribadito la posizione americana secondo cui Israele non dovrebbe lanciare un’incursione militare nell’affollata città meridionale di Rafah senza un piano chiaro per proteggere più di un milione di palestinesi che si sono rifugiati lì dalla guerra in terribili condizioni umanitarie.

“Per quanto riguarda Rafah stessa, la nostra posizione è chiara, non è cambiata e non cambierà. Non possiamo e non sosterremo un’importante operazione militare a Rafah in assenza di un piano efficace che garantisca che i civili non vengano danneggiati mai visto niente di simile prima.” “Piano”, ha detto.

Rafah è l’unica grande città di Gaza a non essere controllata dalle forze di terra israeliane durante sei mesi di guerra. Ma la città è stata ripetutamente sottoposta a mortali attacchi aerei israeliani.

Ha detto: “Entreremo a Rafah ed elimineremo lì le brigate di Hamas, con o senza un accordo, per ottenere una vittoria globale”.

I membri della coalizione di governo di Netanyahu sono divisi su questo tema. Il ministro degli Esteri Israel Katz ha detto alla televisione israeliana che l'operazione Rafah sarà sospesa se verrà raggiunto un accordo. Ma i ministri di estrema destra hanno affermato che se ciò accadesse rovescerebbero il governo.

Le Nazioni Unite, gli alleati occidentali di Israele e le agenzie di soccorso umanitario hanno avvertito che l'attacco a Rafah potrebbe portare a una catastrofe umanitaria.

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas, residente in Cisgiordania, ha detto che sarebbe “il più grande disastro nella storia del popolo palestinese” perché ha detto che porterebbe a un esodo su larga scala di palestinesi completamente fuori Gaza.

Israele ha lanciato una campagna militare a Gaza per distruggere Hamas in risposta all'attacco transfrontaliero del movimento al sud di Israele il 7 ottobre, durante il quale circa 1.200 persone sono state uccise e altre 253 prese in ostaggio.

Da allora, secondo il Ministero della Sanità nella Striscia, più di 34.500 persone sono state uccise a Gaza.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x