Chi è Enzo Maresca? Il Celtic pesa l’uomo che prende i tori per le corna e subisce il fallimento del Parma

Chi è Enzo Maresca?  Il Celtic pesa l’uomo che prende i tori per le corna e subisce il fallimento del Parma

La battuta quando si cominciò a parlare del trasferimento di Ange Postecoglou al Tottenham era che non poteva rifiutare la possibilità di andare in stadi come l’Etihad su The Spaghettihad.

Tuttavia, un uomo che il Celtic considererebbe un sostituto di Postecoglou dovrebbe fare il cambio nella direzione opposta. E per Enzo Maresca, l’Etihad è di fatto la sua casa attuale visto che fa da assistente a Pep Guardiola al Manchester City.

Allora perché il 43enne italiano dovrebbe sacrificare la casa dei campioni d’Inghilterra a caccia di treble per artisti del calibro di Livingston? Soprattutto se si considera che sabato sera sarà in campo sperando di rivendicare il più grande premio nel calcio di club mentre il City affronterà l’Inter nella finale di Champions League a Istanbul. Beh, una cosa è essere il numero 2 in un top club e un’altra è essere il tuo uomo, come ha scoperto durante il suo breve periodo alla guida del Parma. Qui, Record sportivo Esamina le credenziali di Maresca mentre parlano di un possibile passaggio alle cavalcature Parkhead.

Chi è Enzo Maresca?

Maresca ha giocato come centrocampista per diversi club, principalmente in Italia, ma è cresciuto dalle giovanili per la prima volta in Inghilterra con il West Bromwich Albion. Avrebbe goduto del successo in Italia con la Juventus che ha vinto il titolo di Serie A nel 2000, oltre a vincere il titolo di Supercoppa. La sua permanenza a Torino non è stata priva di polemiche, poiché ha organizzato una celebrazione di corna di toro contro i rivali del Torino, imitando il simbolo del club. Successivamente è stato sul punto di trasferirsi al Toro, ma l’affare è andato in pezzi a causa della rabbia dei suoi sostenitori. Ha anche goduto di un periodo pieno di trofei a Siviglia, vincendo medaglie di Copa del Rey e Supercoppa e due medaglie di Coppa UEFA, una delle quali è stata vinta a Hampden.

READ  La legge sammarinese fa vergognare l'Inghilterra mentre i fan criticano Gareth Southgate "difensivo".
(Foto: AFP)

È stato l’allenatore della squadra Under 23 del Manchester City prima di tornare all’Al-Ittihad per aiutare Guardiola dopo la partenza di Juanma Lillo per diventare allenatore dell’Al-Sadd. Questo è arrivato dopo un breve periodo alla guida del Parma. Ma anche prima di assumere la guida della squadra del City Under 23, aveva molta esperienza. In precedenza ha lavorato come assistente al club di Serie B Ascoli, prima di unirsi alla squadra di Unai Emery al Siviglia ed è stato il numero 2 di Manuel Pellegrini al West Ham.

Cosa porterà al Celtic?

È lecito ritenere che al Manchester City ti allinei strettamente con la scuola di pensiero di Pep Guardiola, e questo era evidente con i divertenti Under 23 del Manchester City. “Ha imparato molto lavorando sotto Pep”, ha detto Robert Snodgrass, parlando due anni fa dopo aver lavorato sotto di lui al West Ham. “Quello che vedi con Pep e il suo stile di gioco – questo è quello che Enzo stava cercando. Quando era al West Ham c’erano tre o quattro allenatori diversi, studiava e cercava di lavorare come possesso e fuori. Pensavo fosse il primo classe. Un allenatore di livello elite. Puoi vedere che ha tutte le carte in regola per essere un giocatore affermato”. Quindi, lavorando con artisti del calibro di Pellegrini, ci sarà anche un elemento di pragmatismo con la squadra dell’ex City e West Ham costruita su solide basi difensive. Aspettati un eclettico mix di stili se ottiene il lavoro celtico.

Parma preoccupato

Questa è sicuramente una macchia sul suo curriculum da allenatore e, ad essere onesti, è piuttosto grande perché è l’unica volta in cui esce da solo. I fan del Celtic saranno giustamente preoccupati per come andrà a finire. Ha giocato solo quaranta partite ufficiali (solo quattro vinte con cinque pareggi e cinque sconfitte) allo Stadio Ennio Tardini dopo la retrocessione in Serie B e questo nonostante la presenza di star internazionali come i mitici Gianluigi Buffon e Franco Vazquez. La sua squadra ha segnato 18 gol e ne ha subiti 21. L’umiliante sconfitta per 4-0 contro il Lecce è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso lo scorso novembre.

READ  Dall'Italia: tre giocatori di Fonseca possono puntare subito per aiutare la ricostruzione del Newcastle

READ  Anniversario di George Floyd: Gareth Southgate loda il ruolo che i calciatori hanno giocato nella lotta all'uguaglianza razziale | notizie di calcio

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x