Cosa c'è di controverso nella nuova legge francese sull'immigrazione? | Notizie sull'immigrazione

Cosa c'è di controverso nella nuova legge francese sull'immigrazione?  |  Notizie sull'immigrazione

Il controverso nuovo disegno di legge francese sull'immigrazione, che ha scatenato le proteste popolari, sarà presentato giovedì al Consiglio costituzionale del paese.

Domenica, decine di migliaia di persone sono scese in piazza per manifestare contro la legislazione del presidente Emmanuel Macron, approvata dall'Assemblea nazionale il mese scorso con una maggioranza di 349 voti favorevoli e 186 contrari.

I suoi critici dicono che porta tutti i tratti distintivi dell’estrema destra.

Nonostante l’ampio margine di successo del disegno di legge, 27 membri della coalizione di governo di Macron hanno votato contro il disegno di legge – e altri 32 si sono astenuti.

Dopo il voto, il ministro della Sanità francese Aurelien Rousseau si è dimesso per protesta.

Cosa c'è nella nuova legge sull'immigrazione?

Il nuovo disegno di legge include modifiche alla residenza e alla cittadinanza e implementa una serie di misure volte ad assumere una posizione più dura sull’immigrazione.

Queste includono disposizioni che renderebbero difficile per le persone in Francia portare con sé i propri familiari e vedrebbero difficile l’accesso alle prestazioni sociali.

I bambini nati in Francia da genitori stranieri, secondo il nuovo disegno di legge, non diventeranno automaticamente cittadini francesi secondo la politica dello jus soli – o “jus soli” – e dovranno invece richiedere la cittadinanza di età compresa tra 16 e 18 anni. .

I critici del disegno di legge hanno accusato Macron di fornire aiuti all’estrema destra.

La politica di estrema destra Marine Le Pen, candidata alla presidenza nel 2012, 2017 e 2022, ha elogiato la legislazione dopo la sua approvazione a dicembre.

“Ci si può rallegrare di una vittoria ideologica – ha detto Le Pen, figlia dell’ex leader Jean-Marie Le Pen – La preferenza nazionale è ormai sancita dalla legge, il che significa che i francesi avranno un vantaggio sugli stranieri in ottenere determinati benefici sociali”. Capo del Fronte nazionale francese di estrema destra.

READ  Putin dice che i residenti di Kherson, in Ucraina, dovrebbero andarsene

La legge sull’immigrazione è solo una battaglia tra destra e sinistra?

Sebbene il disegno di legge sull’immigrazione abbia fatto arrabbiare la sinistra nella società francese, la questione non dovrebbe essere vista come un dibattito strettamente sinistra-destra, afferma Philippe Marlière, professore di politica francese ed europea all’University College di Londra.

“Uno dei motivi è che il disegno di legge sembra minare la conferma [established French] “Principi costituzionali”, ha detto ad Al Jazeera.

In effetti, la “preferenza nazionale” – il primo principio francese definito da Le Pen e a lungo abbracciato dall’estrema destra francese – è stata “fino ad ora” [been] È stata respinta dal resto dello spettro politico”, ma, grazie a questa legislazione, oggi ha raggiunto il mainstream politico.

“[National preference] È stato [promoted] “L’estrema destra dilaga in Francia da 50 anni, e con questa legge ha ottenuto ciò che ha sempre desiderato”, ha detto Marlière a proposito del principio, che secondo i critici codificherebbe un sistema a due livelli in Francia dando priorità ai cittadini francesi rispetto a quelli francesi. legge. immigrati.

“Ma anche senza vincere le elezioni generali e [Marine] Le Pen sarà eletto presidente”.

Ma il test più importante per il disegno di legge, ha spiegato Marlier, arriverà giovedì con la decisione del Consiglio costituzionale.

Cos’è il Consiglio Costituzionale?

La Costituzione della Quinta Repubblica, progettata dall'eroe francese della Seconda Guerra Mondiale Charles de Gaulle, è entrata in vigore il 4 ottobre 1958. Allo stesso tempo, è stato creato il Consiglio Costituzionale, la massima autorità costituzionale del paese.

Il consiglio composto da nove membri esamina solitamente le nuove leggi per garantire che siano in linea con i principi della costituzione francese.

READ  Barrick riprende il progetto Rico Dick per concludere la lite con il Pakistan

Lo scorso aprile, ad esempio, il Consiglio ha approvato il piano di Macron di innalzare l’età pensionabile francese da 62 a 64 anni. Ma, proprio come il suo disegno di legge sull’immigrazione, la legislazione di riforma pensionistica di Macron ha suscitato proteste popolari, anche dopo che il Consiglio costituzionale ha deciso di approvarla. Conto.

Tuttavia, la decisione del Consiglio significa che Macron può trasformare il suo disegno di legge in legge.

Il Consiglio Costituzionale approverà il disegno di legge sull’immigrazione presentato da Macron?

“La gente si aspetta che il Consiglio costituzionale consideri incostituzionali alcune disposizioni di questo controverso disegno di legge sull'immigrazione”, ha detto Marlier.

Ha aggiunto che è probabile che “parti della legislazione prevarranno e rimarranno”, ma se, come previsto, il Consiglio deciderà che alcuni aspetti del disegno di legge sono incostituzionali, il governo francese avrà due opzioni.

Può accettare la decisione del Consiglio e promulgare la legge nella sua forma attuale, oppure può restituire il disegno di legge al Parlamento e riscrivere le disposizioni che il Consiglio ritiene costituzionalmente viziate.

Macron, che ha negato che la sua legislazione assomigli a quella dell’estrema destra, ha affermato che il progetto di legge era “ciò che i francesi volevano”.

Ma con lo stesso presidente che riconosce alcune carenze nel disegno di legge – che a dicembre ha descritto come il “frutto di un compromesso” – la sentenza del consiglio promette un sacco di dramma politico.

“Macron spera, mentre parliamo adesso, che il Consiglio non sia troppo severo nella sua valutazione”, ha spiegato Marlier. “Qualsiasi supervisione della legge non sarebbe troppo grande.”

READ  Il cinese Xi chiede una "via razionale" per uscire dal conflitto in Ucraina | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Ha aggiunto che qualsiasi decisione del consiglio di imporre la censura su gran parte della legislazione di Macron sarebbe vista come una “completa sconfitta politica” per il presidente.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x