― Advertisement ―

spot_img
HomeTop NewsDa "Little Italy" a Corydon Village - le nostre comunità

Da “Little Italy” a Corydon Village – le nostre comunità

La “Little Italy” di Winnipeg degli anni '80 ha visto grandi cambiamenti nel corso degli anni. Nonostante le sue numerose trasformazioni e le persone e i luoghi che vanno e vengono, Corydon Village rimane il cuore del quartiere popolare. La strada trafficata piena di cortili grandi e piccoli è un luogo dove osservare la gente, gustare buon cibo e bevande e sperimentare alcuni dei migliori panorami e suoni di Winnipeg.

Sono poche le aziende che possono dire di essere presenti da 40 anni a testimonianza della loro evoluzione. Uno di questi posti è il Bar Italia, che Tony Foderaro ha aperto nel 1981. Il suo socio in affari, il direttore generale Rhea Collison, ama ancora lavorare nell'iconico bar Corydon anche decenni dopo la sua apertura.

“Mi piace molto il lavoro. Mi rende davvero felice di vedere le persone e avere grandi conversazioni”, ha detto Collison.

“I clienti possono venire da soli, e qui ci sono gli amici del Bar Italia… i migliori amici, alcuni da 30 o 35 anni, che non si vedono mai fuori dal Bar Italia. Abbiamo molte età e generazioni diverse di clienti”, lei ha spiegato, sottolineando che il “Bar I”, come è noto, è un luogo in cui le persone tornano a visitare anche dopo aver lasciato la città.

Quarant'anni fa, Collison era un'adolescente e ricorda cosa accadde in quel luogo che sarebbe diventato parte integrante della sua carriera.

È iniziato come un club culturale italiano. Entri e c'è un uomo dietro al bancone che prepara il caffè. Puoi ottenere la vera bevanda in lattina italiana dall'Italia. C'erano membri del club. “Era un'organizzazione no-profit, qualcosa che trovi in ​​Italia”, ha detto, aggiungendo che il caffè era autentico.

READ  Italia Euro 2020 convocati: Marco Verratti è stato chiamato per la finale di 26 convocati final

Quando ho iniziato a lavorare al club, lentamente è diventato più un ritrovo locale per le persone del quartiere.

“C'era una lavanderia a gettoni. La gente entrava e faceva il bucato, giocava a flipper e prendeva un caffè. Durante gli anni '90 divenne più popolare. Alcune persone emergenti, persone che facevano film. Quelli erano i giorni di gloria. C'erano molti film di Hollywood sono stati girati qui… c'erano Robin Williams, Patrick Swayze, Dan Aykroyd e tanti altri. Avevamo una buona base di ottimi clienti, clienti abituali e persone che erano state lì nel corso degli anni. “Alcuni di loro mi hanno preceduto , il che mi preoccupa”, ha riso.

Anche quando i Winnipegger si spostano in giro per il mondo o in Canada, Collison dice che tornano per un cappuccino quando possono.

“Lealtà; alla gente piace – ed è qualcosa per cui possono semplicemente presentarsi. I miei collaboratori sono tutti a lungo termine. Il fatturato è molto basso.”

Il patio del Bar Italia è stato aggiunto nel 1999, quando si sono svolti i Giochi Pan Am a Winnipeg.

È stata una cosa importante per la città e per noi. Da allora abbiamo questo cortile. È un bel posto dove sedersi. Ci sono alberi veri che abbiamo piantato quell'anno. Sono carini e paffuti adesso.”

Collison e il suo staff sono entusiasti dell'arrivo della stagione delle verande. Pianificano alcuni eventi e iniziano a organizzare una serata karaoke mensile, ospitata da personalità locali. In occasione del Canada Day, Bar Italia ospiterà una raccolta fondi per i Manitoba Underdogs.

“Fanno un ottimo lavoro”, ha detto Collison. “Sono le persone che lavorano più duramente… e hanno anche bisogno di soldi per aiutare i cani.”

READ  Il parlamento italiano inizia a votare per un nuovo capo di stato il 24 gennaio
Foto inviata Rhea Collison, direttore generale di Bar Italia, ama ancora lavorare nell'iconico bar Corydon anche decenni dopo aver iniziato.

Immagine fornita

Rhea Collison, direttore generale di Bar Italia, ama ancora lavorare nell'iconico bar Corydon anche decenni dopo la sua apertura.

Collison afferma che il successo a lungo termine di Bar Italia può essere attribuito a una serie di fattori, tra cui il fatto che l'attività è aperta sette giorni su sette, dalle 8:30 alle 2 del mattino.

“Riguarda tutto, dai clienti ai dipendenti fino alla comunità. Abbiamo un parco dall'altra parte della strada e ci sono molte persone fantastiche nella zona. Non vediamo l'ora di vedere tutti. L'importante è vedere i volti sorridenti e felici .”

Janine legale

Janine legale
Corrispondente della comunità di Wolseley

Janine Legal è una corrispondente della comunità per Wolseley, che in precedenza ha scritto articoli da St. John's. Bonifacio e South Osborne.

La nostra redazione dipende da un numero crescente di lettori per supportare il nostro giornalismo. Se non sei un lettore pagato, considera di diventare un abbonato.

La nostra redazione dipende dai nostri lettori per supportare il nostro giornalismo. Grazie per il vostro sostegno.