Dai un'occhiata alla Collezione Maramotti, una delle collezioni d'arte moderna più impressionanti d'Italia

Dai un'occhiata alla Collezione Maramotti, una delle collezioni d'arte moderna più impressionanti d'Italia

Con sede a Reggio Emilia, la collezione è ospitata nell'ex sede di Max Mara ed espone alcuni dei pezzi più iconici dell'arte contemporanea dal 1945 ad oggi.

annuncio

Potresti conoscere la città di Reggio Emilia, nella regione Emilia-Romagna, a causa del famoso formaggio originario della regione: il Parmigiano Reggiano.

Tuttavia, se sei più interessato all'arte che ai latticini, ti consigliamo di visitare la Collezione Maramotti.

Ospitato nell'ex quartier generale della leggendaria casa di moda Max Mara, l'edificio ospita ora una vasta collezione di arte contemporanea acquisita dal fondatore dell'azienda, Achille Maramotti.

Mentre sono circa 200 le opere d'arte esposte – una delle collezioni più imponenti di tutta Italia – una nuova mostra di Giulia Andreani approfondisce la storia dell'edificio e anche il patrimonio della famiglia Maramotti.

L'improduttiva – che si traduce in “L'improduttivo” – è un tipico esempio del lavoro dell'italiano Andreani. È nota per aver riutilizzato cimeli personali e immagini d'archivio attraverso la pittura per affrontare la storia dimenticata.

Per la sua prima mostra personale presso un'istituzione artistica italiana, ha a disposizione un ampio spazio nella sala sud della Collezione Maramotti per esporre un corpo coeso di nuove opere, che comprende dipinti e acquerelli di grandi dimensioni.

Per miracolo, al centro della galleria si trova l'omonima etichetta L'improduttiva, ispirata a una fotografia dei primi anni '40 che mostrava le studentesse della scuola di sartoria creata da Giulia Maramotti, la madre del fondatore di Max a Reggio Emilia. Mara.

Una giovane sarta si distingue per il suo sorriso ironico e lo sguardo dritto nell'obiettivo. Andreani attinge a questa splendida immagine per la sua interpretazione, attingendo ai temi della liberazione delle donne e del potere della differenza – cosa che innervosisce un po' lo spettatore.

READ  Sons of Italia e Gourmet Café si uniscono per un evento di raccolta fondi indimenticabile

Il pezzo dà il tono al resto dello spettacolo di Andreani. Definendosi una pittrice/studiosa femminista, mira a sollevare domande su come le donne vengono viste e rappresentate in epoche diverse, sottolineando sempre le dinamiche di potere sottostanti e decostruendo gli stereotipi di genere.

La sua attenzione si concentra anche sulle parti della storia che rischiano di andare perdute e sulla garanzia che non vengano dimenticate.

Ciò è particolarmente evidente nella messa in luce di altre opere presenti in mostra, opere ispirate alle immagini della Biblioteca Scientifica Carlo Levi, che hanno permesso di approfondire le persone che vissero nell'ex ospedale psichiatrico San Lazzaro, dalla fine dell'Ottocento all'Ottocento. Anni '70.

Andreani rivela alcune delle vite nascoste dei residenti dell'ospedale, vite che potrebbero essere consegnate alla storia. Vengono invece celebrati in una serie distinta di sette immagini: i “Sette Santi”.

La straordinaria tecnica di Andreani in “Photograph Painting” stuzzicherà sicuramente il tuo appetito per l'arte più contemporanea con commenti potenti e interessanti – e fortunatamente sei nel posto giusto.

Immergiti nella Collezione Maramotti e potrai esplorare diverse centinaia di opere d'arte della collezione, dal 1945 ad oggi.

La maggior parte dei pezzi che provengono dall'Italia e dal mondo sono dipinti, ma anche installazioni e sculture giocano un ruolo importante.

Un'opera particolarmente maestosa è Postnaturalia dell'artista ceco Krzysztof Kinter, un'esplorazione della natura come enorme sistema nervoso nella moderna “età del rame”. Composta da materiali artistici tradizionali, nonché da rifiuti elettrici ed elettronici, fotografie, lampade e prodotti chimici, questa enorme opera d'arte occupa un'intera stanza della Collezione.

Anche se forse non sorprende che gran parte della collezione si concentri sull'arte europea – si pensi all'arte informale, alla pop art romana e al neoespressionismo – anche l'altro lato dell'oceano è ben rappresentato.

READ  Perez ottiene l'approvazione dei membri del consiglio di Alhambra Unified School - Pasadena NOW

Il Nuovo Espressionismo americano appare in gran parte insieme alla Nuova Architettura americana, dagli anni ’80 e ’90.

annuncio

Cinque anni fa, nel marzo 2019, Collezione ha presentato una serie di collaborazioni con artisti, originariamente destinati ad esistere per un periodo di tempo limitato – permanentemente.

Dieci sale al secondo piano dell'edificio sono ora piene di piccole mostre di artisti tra cui Enoch Perez, Gert e Uwe Tobias e Margherita Moscardini, che hanno mostrato per la prima volta il loro lavoro a Collezioni rispettivamente nel 2008, 2009 e 2019.

Scegliendo di dare a questi artisti una relativa libertà, Collezione realizza il suo obiettivo di sostenere artisti italiani e internazionali in un momento cruciale della loro carriera.

Inoltre, in collaborazione con la Whitechapel Gallery di Londra, ogni due anni assegnano il Max Mara Art Prize to Women, con l’obiettivo di incoraggiare e sostenere le artiste emergenti che vivono e lavorano nel Regno Unito.

Il premio offre al destinatario l'opportunità di sviluppare ulteriormente il proprio potenziale creativo e la propria carriera, aiutandolo a creare un progetto artistico completamente nuovo.

annuncio

Questa situazione è evidente anche nella Collezione Maramotti.

La collezione stessa è ancora un “work in progress” e rimarrà flessibile in futuro, man mano che nuovi e diversi percorsi di arte contemporanea si apriranno al mondo, dicono i curatori.

L'improduttiva durerà fino al 10 marzo 2024 e Collezione Maramotti si trova in Via Fratelli Cervi, 66, 42124 Reggio Emilia RE, Italia.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x