È morta all'età di 90 anni Sandra Milo, diventata una star dei film di Fellini

È morta all'età di 90 anni Sandra Milo, diventata una star dei film di Fellini

La signora Milo ha avuto tre figli da due partner e la sua vita privata è stata spesso foraggio per tabloid e riviste patinate. Con pause di varia durata – inclusa una pausa iniziata alla fine degli anni '60 mentre cresceva i suoi figli – ha lavorato fino alla morte, più recentemente in reality show televisivi.

A 77 anni ha preso parte alla versione italiana di “Celebrity Island”, dove celebrità non famose vengono collocate in un habitat selvaggio per allontanare la natura; È stata eliminata in semifinale. L'anno scorso ha partecipato alla versione italiana di “Il cantante mascherato” e ha partecipato alla seconda stagione di un reality show italiano che segue le avventure di tre ragazze d'oro (età media: 80 anni).

Sandra Milo Salvatrice Elena Greco è nata in Tunisia l'11 marzo 1933. Si è trasferita con la famiglia in Toscana quando era bambina e ricorda di aver vissuto la paura e la fame durante la Seconda Guerra Mondiale.

Nel documentario del 2019 ha detto che sua madre la chiamava “Lily”, ma non le piaceva. “Mi sentivo molto leggera”, ha detto, non riflettendo chi fosse. Ha spiegato di aver scelto il nome Sandra perché la prima sillaba, “san”, è morbida “come una carezza”, mentre la seconda sillaba, “dra”, è molto dura, molto secca, e suona come “me perché sono come Quello.”

Ha detto di aver scelto il cognome Milo dopo aver pubblicato un servizio fotografico fatto in una cittadina fuori Roma con la didascalia “Mello Tivoli” in riferimento alla “Venere di Milo”. Colloquio.

READ  Il governo chiede al festival del cinema di correggere il nome della nazione

Dopo essersi sposata per soli 21 giorni all'età di 15 anni, si è trasferita a Milano per fare la modella e poi a Roma per recitare. Trovò lavoro e la sua grande occasione nel 1959, quando recitò ne “Il Generale Della Rovere” di Rossellini, che fu un successo di critica e di botteghino. Due anni dopo, lavorò di nuovo con lui nel film drammatico “Vanina Vanini”, ma questo film fallì così tanto, e la sua interpretazione fu così severamente criticata, che quasi fece deragliare la sua carriera.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x