Dal Suffolk al mondo: gli studenti di scambio arrivano per vivere il mondo – The Suffolk News-Herald

Dal Suffolk al mondo: gli studenti di scambio possono sperimentare il mondo

Inserito alle 19:18 di venerdì 21 aprile 2023

Inserito da Tracy Agnew

Reporter

I giovani possono cambiare il mondo e molti giovani hanno avuto l’opportunità di imparare come farlo attraverso programmi di scambio.

I programmi di scambio di giovani sono facilitati da una serie di organizzazioni, come Youth for Understanding e Sister Cities International. Nel corso degli anni, molti studenti del Suffolk hanno partecipato a programmi di scambio in altri paesi e anche studenti provenienti da paesi stranieri hanno studiato qui.

Sarah Wren, ora ventenne e studentessa alla Auburn University, ha partecipato a un programma di scambio in Italia attraverso Sister Cities nel 2018.

“Era qualcosa che mi spingeva fuori dalla mia zona di comfort”, ha detto. “Sembrava un’esperienza davvero interessante, che probabilmente non avrò la possibilità di rifare.”

Ha visitato Portogroaro, in Italia, una cittadina storica a circa 45 minuti da Oderzo, la città gemellata del Suffolk in Italia.

“È stato davvero bello”, ha detto Rin. “Ho imparato molto sulle differenze tra nord e sud Italia. Mi piacerebbe tornare nel sud Italia per vedere le differenze”.

Wren ha detto che le è piaciuto vedere come vivono realmente le famiglie italiane e, inoltre, le ha dato fiducia in situazioni non familiari.

READ  La porta dell'Irlanda "non è chiusa" davanti a Claudna Moloney dopo una controversa rimozione dalla rosa

“È stato un grande passo uscire dalla mia zona di comfort e stare con persone che non conoscevo”, ha detto Ren. “Essere in questa zona sconosciuta mi ha aiutato ad entrare al college perché sapevo di poterlo fare.”

Anche gli studenti di scambio vengono nel Suffolk. La famiglia di persone – Marian e Jeff insieme ai loro figli – ha ospitato molti studenti di scambio attraverso il programma Youth for Understanding nel corso degli anni. Questi studenti poi tornano nei loro paesi d’origine portando una parte indelebile del Suffolk.

“Sono cresciuto a circa 25 miglia da New York City, quindi sono cresciuto esposto a molte più gare di quelle a cui pensavo fossero esposti i miei figli”, ha detto Marian Persons.

Anche la sua famiglia è cresciuta ospitando studenti in scambio, quindi la gente lo voleva per i suoi figli. Quando hanno avuto l’opportunità di costruire la propria casa, l’hanno costruita pensando all’ospitalità di studenti in scambio.

L’esperimento, ha detto, non mira a far immergere gli studenti nella cultura americana o anche in quella delle loro stesse famiglie, sebbene ci siano delle regole, come “Non sederti sulla sedia di papà”. Hanno cercato di incorporare anche frammenti delle tradizioni dei loro ospiti.

“Le vacanze e il cibo erano una grande unità”, ha detto. “Questo è qualcosa di cui devi essere consapevole quando ospiti studenti in scambio: quali sono le loro tradizioni, cosa perderanno e cosa puoi incorporare?”

La gente ha detto che anche i suoi figli hanno beneficiato dell’accordo.

“Penso che questo abbia reso i miei figli più a loro agio nel comunicare con loro”, ha detto. “Hanno capito che in fondo siamo tutti uguali”.

READ  Ken Owens si gode la partita dei sei giorni del Galles contro la Francia dopo la vittoria dell'Italia

Florian Langknecht era uno studente di scambio dalla Germania quando viveva con una famiglia di persone e frequentava la Nansemund Academy Suffolk.

“Volevo sperimentare un’altra cultura ed ero particolarmente interessato a conoscere la cultura americana”, ha detto. “Ho visto alcune differenze e somiglianze nei nostri sistemi scolastici. Mi sono particolarmente divertito a fare attività doposcuola/extracurriculari, dato che di solito non si fanno in Germania. Il lacrosse era uno sport completamente nuovo per me. Non sono stato di grande aiuto alla mia squadra, ma mi sono divertito molto a fare pratica”.

Langknecht ha affermato che la sua esperienza gli ha giovato all’epoca e continua a giovargli oggi.

“Ho davvero migliorato il mio inglese parlato e ho imparato che culture diverse comunicano in modo diverso”, ha detto. “Questo mi sta avvantaggiando attualmente al lavoro, poiché interagisco con molti candidati per posti vacanti nel mio team. Abbiamo molti candidati internazionali la cui lingua principale è l’inglese. “

Manuela Ponte, brasiliana, ha vissuto con la famiglia della persona nel 1999-2000 ed era presente anche presso la National Security Agency.

“Ho sempre imparato a conoscere lingue e culture e ho iniziato a prendere lezioni di inglese quando avevo nove anni”, ha detto Ponti. Suo padre ha saputo dell’esperienza di studio all’estero dalla figlia del suo capo e le ha suggerito di fare un tentativo. Ponte non ha dovuto pensarci due volte.

“Avere la possibilità di migliorare il mio inglese e vivere in un’altra cultura per un anno sembrava perfetto”, ha detto. “Non sapevo che l’intera esperienza riguardava più me stesso. Si trattava di conoscere me stesso e ho trovato l’ambiente perfetto per questo. Oggi posso dire che quell’anno mi ha cambiato e mi ha fatto conoscere me stesso, e ha influenzato la mia carriera e il modo in cui cresco mio figlio.È fantastico poter vedere non solo alcune cose, ma tutto da una prospettiva diversa”.

READ  Kasper Schmeichel afferma che la palla nella semifinale di Euro 2020 era "come un nastro SOAP" dopo il rigore di Harry Kane

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x