Pensi di aver bisogno di dormire di più? Dillo a un elefante marino

Pensi di aver bisogno di dormire di più?  Dillo a un elefante marino

Washington-

Il sonno è un bene prezioso per le persone e per tutto il regno animale, ed è indispensabile anche se il suo scopo biologico rimane in qualche modo un mistero. Trascorriamo circa un terzo della nostra vita dormendo. Ma alcuni animali dormono meno, con alcune specie come l’elefante marino del nord che portano l’insonnia all’estremo.

In un nuovo studio, i ricercatori descrivono le insolite abitudini del sonno di questa specie, scoprendo che durante i viaggi di foraggiamento nell’Oceano Pacifico che possono durare sette mesi, questi enormi mammiferi marini dormono solo due ore al giorno, raggruppati insieme da pisolini di 10 minuti ciascuno mentre immergersi profondamente. per evitare i predatori. L’unico mammifero noto per non dormire molto è l’elefante africano.

La durata del sonno delle foche durante questi viaggi oceanici differiva in modo significativo dalle 10 ore che avrebbero dormito a terra durante la stagione riproduttiva in luoghi come Año Nuevo Beach in California.

Sulle teste delle foche, i ricercatori hanno posizionato un cappuccio di gomma impermeabile e non invasivo con sensori per monitorare i segnali del sonno generati dal cervello, la frequenza cardiaca, la posizione e la profondità. I ricercatori si sono concentrati sulle foche femmine perché prendono parte a lunghi viaggi in mare aperto mentre i maschi si nutrono nelle acque costiere.

Lo studio ha documentato un comportamento del sonno non convenzionale.

Durante l’immersione, durata circa 30 minuti, le foche sono entrate in una fase di sonno profondo chiamata sonno ad onde lente, pur mantenendo una traiettoria controllata verso il basso. Quando hanno poi sperimentato il sonno REM (Rapid Eye Movement), uno stadio che causa la paralisi del sonno, le foche sono scivolate in un “vortice del sonno” a spirale, capovolgendosi e talvolta finendo immobili sul fondo del mare.

READ  "Riduce lo stigma": i kit di test STD arriveranno a casa questo autunno

“Quindi, nel punto più profondo delle loro immersioni nel sonno – fino a 377 metri (1.237 piedi) – si svegliano e tornano in superficie”, ha detto Jessie Kendall Barr, borsista postdottorato Scripps presso l’Università della California, San Diego. Institute of Oceanography e autore principale dello studio pubblicato questa settimana sulla rivista Nature Scienze.

Questa specie è la seconda più grande del mondo, superata solo dall’elefante marino del sud. Gli elefanti marini del nord maschi possono raggiungere i 13 piedi (4 m) di lunghezza e pesare fino a 4.500 libbre (2.000 kg). Le femmine sono alte circa 3 metri e pesano 590 kg.

Le foche mangiano grandi quantità di pesce e calamari. Nonostante le sue dimensioni, è vulnerabile agli squali e alle orche assassine.

“È straordinario che un animale terrestre cada in un sonno REM profondo paralizzante quando ci sono predatori in giro mentre caccia. Le foche risolvono questo problema andando in un sonno profondo nelle parti profonde degli oceani dove i predatori normalmente non le darebbero la caccia”. ha affermato il coautore dello studio Terry Williams, direttore dell’Università della California, Santa Cruz Comparative Neurophysiology Laboratory.

“La capacità del cervello di agire come un interruttore principale per svegliare le foche addormentate in profondità prima che anneghino è anche una scoperta della sottigliezza neurale del cervello dei mammiferi. Immagina se un essere umano addormentato si svegliasse improvvisamente sul fondo di una piscina piscina e ha dovuto trovare una via d’uscita.È agghiacciante e parla di un controllo incredibile.” Sopravvivere per il cervello della foca.

I ricercatori hanno anche osservato le foche dormire in un ambiente di laboratorio e sulla spiaggia di Año Nuevo.

READ  I residenti di Mississauga possono vedere l'eclissi già giovedì

“È così rilassante passare del tempo sulla spiaggia a guardare gli elefanti marini che dormono. Ho passato diversi giorni ad Año Nuevo a prendere appunti mentre le foche trattenevano il respiro per 10 minuti alla volta, anche a terra”, ha detto Kendall Barr.

“Ci sarà un silenzio completo tranne che per l’ululato del vento, e poi all’improvviso, l’odore di un elefante marino che esce dai suoi 10 minuti di apnea notturna”, ha aggiunto Kendall Barr. “Il tensioattivo polmonare – uno strato appiccicoso del tratto respiratorio per facilitare il collasso del polmone in profondità – le fuoriesce dal naso mentre fa alcuni respiri prima di riaddormentarsi”.


(Segnalazione di Will Dunham; Montaggio di Rosalba O’Brien)

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x