― Advertisement ―

spot_img

La campagna di Trump riceve un sostegno di 50 milioni di dollari da un donatore

Informazioni sull'articoloautore, Graeme BakerRuolo, Notizie della BBC, Washington4 ore faLa campagna presidenziale di Donald Trump ha ricevuto 50 milioni di dollari (39,5 milioni...
HomeWorldDonald Trump straccia la causa per frode civile presentando un video

Donald Trump straccia la causa per frode civile presentando un video

New York –

Mesi prima che un ribelle Donald Trump diventasse testimone nel suo processo per frode civile a New York, l’ex presidente degli Stati Uniti si è trovato faccia a faccia con il procuratore generale dello stato che lo perseguiva quando si è seduto a testimoniare l’anno scorso nel suo ufficio di Manhattan.

Il video pubblicato venerdì della sessione a porte chiuse durata sette ore dello scorso aprile mostra il comportamento del candidato repubblicano alla presidenza che passa da calmo e composto a esasperato – a un certo punto ha fatto a pezzi la causa contro il procuratore generale Letitia James come una “vergogna” e “terribile”. “. qualcosa.”

Mentre sedeva pigramente, uno scettico Trump si è lamentato con l'avvocato dello stato interrogandolo dicendogli di essere stato costretto a “spiegarsi con voi” dopo decenni di successo nella costruzione di un impero immobiliare che ora era minacciato da una causa legale.

Trump, che sostiene che la causa di James fa parte di una “caccia alle streghe” politicamente motivata, è stato chiaro fin dall’inizio. Il video lo mostra sorridente e accigliato mentre il pubblico ministero, un democratico, si presenta e gli dice che è “impegnata in un processo legale giusto e imparziale”.

L'ufficio di James ha pubblicato il video venerdì in risposta alle richieste dei media ai sensi della legge sulla libertà di informazione di New York. Gli avvocati di Trump avevano precedentemente pubblicato una trascrizione delle sue dichiarazioni in tribunale in agosto.

La causa di James accusa Trump, la sua azienda e gli alti dirigenti di aver frodato banche, compagnie assicurative e altri gonfiando la sua ricchezza e sopravvalutando il valore delle attività nei rendiconti finanziari annuali utilizzati per garantire prestiti e concludere affari.

Il giudice Arthur Engoron, che deciderà il caso perché una giuria non è autorizzata ad ascoltare questo tipo di cause legali, ha detto che spera di avere una sentenza entro la fine di gennaio.

Il video di venerdì è una rara opportunità per il grande pubblico di vedere Trump come testimone.

Le telecamere non erano ammesse in aula quando Trump ha testimoniato il 6 novembre, né sono state autorizzate a concludere la discussione del caso dell’11 gennaio, quando Trump ha sfidato il giudice e ha pronunciato una diatriba di sei minuti dopo che i suoi avvocati avevano parlato.

READ  Biden dice che non discuterà di Trump a meno che non agisca: il presidente dice che c'è la possibilità di uno scontro teatrale nel 2024 con il suo rivale

Ecco i punti salienti della testimonianza video di Trump:

“Non hai un caso”

Dicendo a James e al suo staff: “Non avete un caso”, Trump ha insistito sul fatto che le banche che secondo lei erano bloccate in valutazioni elevate non avevano subito danni, avevano guadagnato con le sue operazioni e “fino ad oggi non hanno lamentele”.

“Sapevi che le banche guadagnavano un sacco di soldi?” ha chiesto Trump rivedendo la sua successiva testimonianza al processo. “Sapete che non credo di aver ricevuto nemmeno una notifica di mora, e anche durante l'epidemia di coronavirus, tutte le banche sono state pagate. Eppure, credo che voi stiate facendo causa a nome delle banche. Questo è pazzesco. l’intero caso è pazzesco.”

Trump ha detto a James che le banche “vogliono fare affari con me perché sono ricco”. “Ma sai, hanno paura di fare affari a causa tua.”

Trump si è lamentato del fatto che le autorità di New York “trascorrono tutto il loro tempo a indagare su di me, invece di fermare i crimini violenti nelle strade”.

Ha detto che avrebbero sottoposto il suo ex direttore finanziario, Allen Weisselberg, recentemente incarcerato, a “un inferno e ritorno” per aver evaso le tasse sulle royalties pagate dalla società.

Nella sua precedente testimonianza sul caso, nell’agosto 2022, Trump ha invocato il privilegio del Quinto Emendamento contro l’autoincriminazione e si è rifiutato di rispondere alle domande più di 400 volte. Ha detto di averlo fatto perché era sicuro che le sue risposte sarebbero state utilizzate come base per accuse penali.

Non prendere sul serio le mie parole

Trump ha affermato di non aver mai avuto la sensazione che i suoi rendiconti finanziari sarebbero stati “presi sul serio” e che le persone che hanno avuto a che fare con lui sono state adeguatamente avvertite di non fidarsi di loro.

Trump ha descritto le dichiarazioni come una “raccolta abbastanza buona di proprietà” e non una rappresentazione fedele del loro valore. Ha notato che alcuni numeri erano “ipotesi”.

Trump ha affermato che le dichiarazioni erano principalmente a suo uso, anche se ha riconosciuto che le istituzioni finanziarie a volte le richiedono. Anche allora, ha insistito sul fatto che non aveva importanza legalmente se fosse accurato o meno, perché veniva fornito con una dichiarazione di non responsabilità.

“Ho una clausola che dice: 'Non credere a questa affermazione'. Esci e fai le tue cose. Non dovresti dare alcun credito a ciò che diciamo.”

Cosa c'è in un nome? 10 miliardi di dollari americani

Trump ha stimato che il suo “marchio” da solo valesse “forse 10 miliardi di dollari”.

Lo descrisse come “la cosa più preziosa che possiedo” e attribuì il suo successo politico alla diffusione ovunque del suo nome e della sua personalità.

“Sono diventato presidente grazie al marchio, va bene”, ha detto Trump. “Sono diventato presidente. Penso che sia il marchio più in voga al mondo.”

“Il lavoro più importante del mondo”

Dopo essere stato eletto, Trump ha affidato la Trump Organization a un trust supervisionato dal figlio maggiore, Donald Trump Jr., e dal suo CFO di lunga data, Weisselberg.

Trump ha affermato di averlo fatto non perché fosse ricercato, ma perché voleva essere un “presidente legittimo” ed evitare l’apparenza di un conflitto di interessi.

Inoltre, Trump ha affermato di essere impegnato a risolvere i problemi del mondo, come impedire al dittatore nordcoreano Kim Jong Un di lanciare un attacco nucleare.

“Consideravo questo il lavoro più importante del mondo, salvando milioni di vite”, ha testimoniato Trump. “Penso che avremo un olocausto nucleare se non affronto la Corea del Nord. Penso che avremo una guerra nucleare, se non vengo eletto. E penso che potremmo avere una guerra nucleare adesso, se vuoi sapere la verità.”

Mostrati in difficoltà

In uno dei suoi momenti più coloriti, Trump ha esortato i suoi investigatori a guardare direttamente fuori dalla finestra per vedere la sua torre di uffici al 40 di Wall Street, dall'altra parte della strada rispetto all'ufficio di James dove ha testimoniato.

READ  Previste forti nevicate martedì mattina nell'area metropolitana: Environment Canada

Quando gli è stato chiesto come andava finanziariamente l’edificio, Trump ha dato il pollice in su all’edificio e ha risposto: “Bene. Lei è qui. Vuoi vederlo?”

“Non penso che ci sia permesso aprire le finestre”, ha detto Wallace.

“Apri il sipario”, ha suggerito Trump, scuotendo la testa e aspettando che qualcuno risponda.

“No”, disse Wallace.

“Apri il sipario, vai avanti”, ha detto Trump. “Lei è qui. Ho appena guardato fuori dalla finestra.”

“Non riesci ad aprirlo?” Ha chiesto l'avvocato difensore Clifford Robert dopo la vittoria.

“Non lo farei”, ha detto Wallace.

“Bello” e “Incredibile”

Trump ha dimostrato un talento per i superlativi, pronunciando le parole “bello” e “incredibile” 15 volte ciascuna e “fenomenale” sei volte nel descrivere le sue proprietà.

Trump ha descritto il suo campo da golf a Turnberry, in Scozia, come “uno dei luoghi più famosi al mondo” e ha descritto le ville ristrutturate del Doral Golf Resort vicino a Miami come “le stanze più belle che abbia mai visto”.

Trump ha descritto la sua tenuta di 213 acri a Seven Springs, a nord di New York City, come “la più grande casa nello stato di New York”.

I suoi campi da golf ad Aberdeen, in Scozia? “Davvero incredibile.” Giove, Florida? “Struttura incredibile.” Appena fuori Los Angeles? “Proprietà straordinaria… Proprietà incredibile… Proprietà eccezionale fronte oceano.”

“Non voglio venderne nulla”, ha testimoniato Trump. “Ma se lo vendo – se metto in vendita alcune di queste cose – otterrò numeri incredibili”.

Ha detto che potrebbe ottenere 1,5 miliardi di dollari per la sua proprietà di Mar-a-Lago in Florida, e forse 2,5 miliardi di dollari per la proprietà di Doral.

Trump ha suggerito che potrebbe fare una “fortuna” con la lega di golf LIV, sostenuta dall’Arabia Saudita, di fronte al Turnberry Course, ex sede del British Open.

“Ci saranno persone disposte a fare qualsiasi cosa per possedere Doral. Ci sono persone disposte a fare qualsiasi cosa per possedere Turnberry o Mar-a-Lago o… Trump Tower o 40 Wall Street.”