― Advertisement ―

spot_img
HomeEconomyÈ morto in carcere il gangster più ricercato d'Italia, "L'Ultimo Padrino". ...

È morto in carcere il gangster più ricercato d’Italia, “L’Ultimo Padrino”. Il vice primo ministro ha detto che “non potrebbe dispiacersi”

“Non dovreste rifiutare le preghiere per nessuno, ma non posso dire che mi dispiace”, ha detto lunedì il vice primo ministro Matteo Salvini, secondo Reuters.

Si era sottoposto a un intervento chirurgico per curare il cancro al colon nel 2020 e nel 2022, sotto falsa identità. Le sue condizioni erano peggiorate negli ultimi mesi, tanto da portarlo in coma venerdì scorso.

La polizia italiana ha arrestato Denaro lo scorso gennaio, dopo 30 anni di latitanza. Prima del processo, l’accusa ha affermato che Denaro era coinvolto in due attentati del 1992 che uccisero funzionari antimafia italiani e che era il capo di Cosa Nostra.

Denaro è stato condannato anche per il suo ruolo nella tortura, nel rapimento e nell’omicidio del figlio dodicenne di un informatore mafioso. Il ragazzo, Giuseppe Di Matteo, fu assassinato due anni dopo il suo rapimento, strangolato e sciolto nell’acido nel 1996.

Prima del suo arresto, Denaro trascorreva la maggior parte del tempo nascosto in una città della Sicilia vicino alla sua città natale, comunicando attraverso piccoli pezzi di carta portati da messaggeri, secondo la Reuters.

“Ho seguito il vecchio proverbio ebraico: ‘Se vuoi nascondere un albero, piantalo nella foresta’”, ha detto Messina Denaro ai giudici.

Altri funzionari italiani hanno mantenuto un tono sobrio simile a quello usato da Salvini nei loro commenti pubblici.