― Advertisement ―

spot_img

Harper's Bazaar Italia nomina Massimo Russo caporedattore

Milano— La rivista italiana Harper's Bazaar sta mettendo insieme una squadra per guidare il prossimo capitolo della rivista patinata, introdotta nel paese nel 2019. Massimo...
HomeEconomyEconomia circolare per la salute umana e del pianeta

Economia circolare per la salute umana e del pianeta

Le nostre economie sono state a lungo costruite sull’estrazione, l’uso e lo spreco costante di risorse, che distruggono la natura, riscaldano il clima, inquinano gli ecosistemi, alimentano la disuguaglianza e sprecano risorse che hanno ancora un enorme valore per le economie.

Pertanto, la riduzione dell’intensità delle risorse nei settori economici chiave e l’adozione di modelli circolari sono elementi essenziali per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, raggiungere gli obiettivi fissati dagli accordi globali su clima, biodiversità, sostanze chimiche e inquinamento e raggiungere l’uguaglianza, la giustizia e un pianeta sano per tutti. .

Vorrei evidenziare alcune tendenze, basate sul Global Resource Outlook, pubblicato durante la sesta sessione dell’Assemblea delle Nazioni Unite per l’ambiente, un incontro che ha anche invitato i paesi a sviluppare strategie di efficienza delle risorse e di economia circolare.

L’uso delle risorse è più che triplicato in cinquant’anni. Cresce ad un tasso medio del 2,3% ogni anno. Gli impatti mettono fuori portata gli obiettivi dell’Accordo di Parigi e del Quadro Globale sulla Biodiversità Kunming-Montreal. C’è anche la questione dell’uguaglianza. Utilizzato dai paesi ad alto reddito Sei volte più materiale pro capite Dai paesi a basso reddito.

Ma possiamo ridurre l’uso delle risorse e allo stesso tempo far crescere l’economia, ridurre la disuguaglianza, migliorare il benessere e ridurre l’impatto ambientale.

Abbiamo prove convincenti dell’impatto positivo dell’efficienza delle risorse e della circolarità. Il vero riciclaggio non significa solo riciclaggio. Sì, la vera circolazione fa sì che ciò che esce ritorni. Ma garantisce anche che ciò che entra attraverso i rifiuti e la minimizzazione dei rifiuti abbia un valore che venga mantenuto nell’economia il più a lungo possibile. A tal fine, dobbiamo adottare un approccio basato sul ciclo di vita delle trasformazioni.

READ  Energia solare, i calcoli dimostrano la salute del muschio - l'ambiente

Diamo quindi uno sguardo ad alcune delle aree chiave in cui i paesi del G7 possono intraprendere azioni concrete.

1- Plastica.

Come riportato questa mattina, due anni fa l’Assemblea delle Nazioni Unite per l’ambiente ha dato il via libera ai negoziati su uno strumento giuridicamente vincolante a livello internazionale sull’inquinamento da plastica che copra l’intero ciclo di vita della plastica. Il quarto round di questi negoziati si conclude oggi a Ottawa.

L’obiettivo è eliminare l’inquinamento da plastica, anche nell’ambiente marino. A tal fine, dobbiamo eliminare la plastica monouso non necessaria e di breve durata, introdurre modelli ricaricabili e riutilizzabili e produrre plastica meno problematica. Progettare per la circolarità e investire nella gestione e nel riciclaggio dei rifiuti solidi, in modo da poter utilizzare, riutilizzare e riciclare le risorse in modo più efficiente. Tutto ciò garantendo al contempo una transizione giusta e spazio affinché il settore privato possa prosperare in nuovi mercati sostenibili. Naturalmente dovremo affrontare le sostanze chimiche preoccupanti.

Come ho detto prima, potremo raggiungere questo obiettivo solo attraverso un accordo globale ambizioso. Qui il G7 può aprire la strada. Anche se la quarta sessione del Comitato intergovernativo di negoziazione potrebbe concludersi oggi, il lavoro non si fermerà. Chiediamo il vostro impegno politico attivo in questo processo, compreso un impegno costruttivo nel lavoro intersessionale che seguirà i colloqui di Ottawa. Allo stesso modo, sarà necessaria una spinta politica per raggiungere un accordo significativo nell’ultimo round di colloqui in Corea del Sud. Chiediamo al G7 di inviare delegazioni ministeriali a Busan e di incoraggiare altri paesi a fare lo stesso.

Se riusciremo a raggiungere questo accordo multilaterale, otterremo enormi benefici per la salute umana e per l’ecosistema. Raggiungeremo la giustizia creando nuovi posti di lavoro e proteggendo comunità come quelle dei raccoglitori di rifiuti. Le aziende chiedono regole globali e anche le nostre economie ne trarranno vantaggio. Questo perché circa il 95% del valore materiale dei contenitori di plastica viene perso per l’economia globale dopo un solo utilizzo.

Due: edifici e strutture.

Non esiste un percorso credibile per affrontare il cambiamento climatico e la perdita della natura senza una trasformazione del settore edile. La metà degli edifici che esisteranno entro il 2050 devono ancora essere costruiti, soprattutto nel Sud del mondo. Abbiamo quindi l’opportunità di reimmaginare gli edifici per dare priorità alla resilienza, alla rigenerazione, al riutilizzo, alle energie rinnovabili e all’edilizia a basse emissioni di carbonio, il tutto affrontando le disuguaglianze sociali.

Al Global Buildings and Climate Forum tenutosi a Parigi lo scorso marzo, abbiamo sentito parlare di soluzioni alla sfida di raddoppiare l’efficienza energetica. Ciò include lo sviluppo di codici energetici edilizi in linea con gli edifici a emissioni zero, l’aumento del tasso e dell’impatto dell’ammodernamento degli edifici esistenti, l’utilizzo di apparecchi ad alta efficienza energetica e la promozione di standard aperti.

Terzo, tessile e moda.

La moda veloce ed economica ha conquistato il mondo. Poiché molte persone soffrono di una crisi dai costi elevati, ciò è comprensibile. Ma i modelli continuano a non avere senso. Meno di $ 100.000 a settimana. L'1% dei materiali utilizzati nella produzione di abbigliamento viene riciclato. Di più Ogni anno vengono emessi 3,3 miliardi di tonnellate di gas serra attraverso la catena del valorepiù del totale dei voli internazionali e del trasporto marittimo messi insieme.

Il passaggio a modelli di business circolari – tra cui rivendita, noleggio, riparazione e ristrutturazione – andrebbe a vantaggio dell’ambiente e Contribuire fino a 700 miliardi di dollari all’economia

Quattro, minerali e metalli.

Lo stesso approccio si applica ai minerali e ai metalli di cui abbiamo bisogno per la transizione energetica. Dobbiamo progettare prodotti che siano riparabili, rigenerabili, recuperabili e riciclabili per mantenere i metalli nell’economia anziché estrarli dalla terra e gettarli nei rifiuti.

READ  La Peugeot, di proprietà di Mahindra, sta affrontando multe in Italia e Francia per una controversia sui brevetti con il Gruppo Piaggio.

Ciò allevierà anche la pressione sulle persone e sulle comunità che vivono e lavorano in condizioni sfavorevoli. Proteggerà anche i diritti e le terre dei popoli indigeni. Garantisce che questi metalli possano essere utilizzati e riutilizzati in un lontano futuro.

amici,

Il Global Resources Outlook evidenzia un pacchetto di misure che potrebbero portare a queste trasformazioni.

Il raggiungimento di questo obiettivo richiede: istituzionalizzare la governance delle risorse e definire percorsi per il loro utilizzo. Migliorare la capacità dei paesi di fissare standard e obiettivi. Reindirizzare i finanziamenti riflettendo i costi reali delle risorse nell’economia. Garantire che i consumatori siano in grado di riconoscere e permettersi beni e servizi sostenibili. Creare condizioni di parità in cui i costi ambientali e sociali dei beni si riflettano nei prezzi.

Se il mondo seguisse questi cambiamenti, la crescita dell’uso dei materiali potrebbe diminuire del 30%. Le emissioni globali di gas serra potrebbero diminuire di oltre l’80%. Contribuiremo a raggiungere gli obiettivi del Quadro globale sulla biodiversità di Kunming-Montreal riducendo le pressioni sulla natura. Consentiremo una gestione sostenibile del territorio, con benefici che vanno da una maggiore sicurezza alimentare alla resilienza climatica. Potremmo avere un PIL globale superiore del tre per cento rispetto alle previsioni. Avremo un mondo più giusto con una distribuzione più equa della ricchezza.

Questo è un mondo che vale la pena seguire.