Eddie Martinez rappresenta San Marino alla Biennale di Venezia 2024 – ARTnews.com

Eddie Martinez rappresenta San Marino alla Biennale di Venezia 2024 – ARTnews.com

L'artista americano Eddie Martinez rappresenterà la Repubblica di San Marino, il piccolo paese senza sbocco sul mare della penisola italiana, alla Biennale di Venezia 2024. La mostra sarà curata da Alison M. Gingeras sarà realizzato dall'Istituto d'Arte Contemporanea, con il commissario Paolo Rondelli, ex capo dello Stato.

La mostra, intitolata “Nomads”, riunirà una collezione di nuovi dipinti, disegni e sculture. Martinez è conosciuto come pittore. I suoi disegni e le sue sculture non venivano esposti frequentemente.

Articoli Correlati

In un'intervista con Notizie d'arteGingeras ha detto che Martínez usa spesso il termine “nomade” quando descrive la sua pratica, e che questo si collega al tema della mostra principale della Biennale, “Stranieri Ovunque – Foreigners Everywhere”, curata da Adriano Pedrosa, direttore artistico del Museo D. Arte de São Paulo e il primo curatore della Biennale a risiedere in America Latina.

“È lui, è un vicolo cieco”, ha detto. “Letteralmente beduino significa trasformare un sostantivo in un verbo. Ma colloquialmente suona anche come 'non importa'”. Il disegno è sempre stato il motore generativo del suo lavoro, del modo in cui appaiono i dipinti e persino le sculture. Disegna sempre Se prendi un caffè con lui o sei seduto con lui nello studio, dipinge e spesso usa queste parti per costruire i dipinti finali.

Gingeras ha lavorato per la prima volta con Martinez prima della sua mostra in due parti del 2015 “The Vanguard Won't Give Up: Cobra and Its Legacy” presso Blum & Poe (ora Blum), che ha cercato di rivalutare il movimento artistico del dopoguerra che ha preso il suo nome . Dalle iniziali delle tre città in cui risiedevano i suoi artisti: Copenaghen, Bruxelles e Amsterdam. La mostra ha riunito le opere di membri Cobra come Asger Jorn, Constant, Karel Appel, Christian Dutremont ed Ernst Mancoba insieme a opere di artisti contemporanei come Mark Grotjahn, Jacqueline de Jong, Julian Schnabel, Wallace Ting, Bjarne Milgaard e Martinez. .

READ  Il negozio di moda italiano LuisaViaRoma conquista la sua prima sede negli Stati Uniti a Noho

“Eddie era una parte importante di quello spettacolo”, ha detto Gingeras. “Arrivò alla pratica della pittura molto nello spirito di Cobra, sia in termini di abbraccio del disegno spontaneo ma anche dell’iconografia e di ciò che stava guardando – il suo canone di storia dell’arte era molto vicino allo spirito Cobra del artisti. Questo tipo di navigazione concettuale nella sua pratica gli interessava.” Mio e unico, soprattutto nella scena americana.

Quest’anno il padiglione sarà allestito presso La Fucina del Futuro (5063B Calle San Lorenzo, Castello), dove San Marino ha tenuto anche il suo padiglione alla Biennale di Architettura del 2023. Il sito è un’ex carpenteria metallica; L'interno è ancora molto grezzo, ha detto Gingeras.

“Quando si entra, il primo spazio sembra davvero un laboratorio, quindi in quello spazio volevamo che lo spettatore incontrasse quasi immediatamente un'isola di disegni che è quasi come una mappa mentale”, ha detto Gingeras. “È un modo per cercare di trasferire l'energia che riceve dal lavoro in studio alla galleria. Perché se guardi un dipinto in uno spazio cubico bianco neutro, non necessariamente vedi cosa serve per realizzarlo.” .

E continua: “Ancora una volta questo è in linea con il tema 'stranieri ovunque', dell'idea di migrazione in senso politico ma anche in senso sociale e perfino in senso concettuale. Eddie si permette, quasi si obbliga migrare costantemente attraverso diverse modalità di produzione e diversi linguaggi visivi – che si tratti di astrazione o figuratività, o qualche tipo di ibrido – è davvero leggibile nei disegni.

Molti dei padiglioni nazionali quest'anno prendono spunto dal tema principale della fiera, che secondo Gingeras probabilmente ha qualcosa a che fare con l'importanza della questione dell'immigrazione, soprattutto in Italia.

READ  San Marino ottiene il primo capo di stato gay del mondo

“Il mandato è anche quello di creare un dialogo più ampio con la Biennale”, ha detto Gingeras del suo padiglione. “Questa è solo una mia speculazione perché non posso parlare a nome di altri artisti o dei curatori di quei padiglioni, ma se si pensa alla storia della Biennale di Venezia, questo tipo di nazionalismo è inerente al modo in cui è stata organizzata. Questi piccoli gli edifici sono, in molti modi, resti del pensiero coloniale e di un certo tipo di orgoglio nazionalistico.

Ha continuato: “Sono molto curiosa di vedere come tutti i diversi paesi hanno affrontato questo argomento perché ovviamente la questione dell'immigrazione è una questione determinante del nostro tempo. Noi, come razza umana, siamo sempre in movimento. Questa necessità di muoversi – il diritto di muoversi, il diritto di migrare fisicamente.” Attraversare i confini artificiali, i confini nazionali, ma anche i confini mentali, sono così vitali per l'essere umano. Vedo l'intero lavoro di Eddie attraverso la lente metaforica di questo, e il fatto che sia costantemente cercando di rendere la sua opera estranea a se stessa attraverso questo costante spostamento del suo linguaggio e della sua iconografia.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x