Ego Venture vende motori elettrici Mavel all’azienda automobilistica cinese Weisa e sta valutando nuove acquisizioni per il 2021

Carlo Corallo, Presidente di Ego Venture

Carlo Corallo, Presidente di Ego Venture

Alla fine di ottobre Il progetto EgoSocietà di capitali di rischio, Dell Ego di gruppoHa venduto la sua quota di Maville, Piccola e media azienda italiana con sede a Pont Saint Martin, specializzata nella progettazione e produzione di motori elettrici ed elettronica di potenza per applicazioni industriali e aeronautiche. L’azienda ha chiuso il 2019 con un valore della produzione di 4,5 milioni di euro e 890.000 euro. L’azienda è stata rilevata Tecnologia automobilistica Wesa al 100%, Che è un fondo di investimento cinese che opera nel settore dei veicoli elettrici.

Ego Venture ha acquisito il 45% di Mavel nel 2011 dal suo fondatore, David BitoniCiò ha mantenuto il restante 55%. “Una volta entrati nella capitale, abbiamo unificato i beni immateriali dell’azienda con il fondatore, grazie al lotto iniziale di brevetti nella progettazione di motori elettrici”, ha spiegato. BeBeez Carlo Corallo, Presidente di Ego Venture.

Nel 2014 è entrato in Mavel, anche mediante raccolta di capitali Investimenti IFP (Istituto francese per l’energia rinnovabile del petrolio, Che appartiene al governo francese e investe in tecnologie innovative e rigenerazione ambientale), attraverso la filiale IFP Energies Nouvelles. Dopo l’aumento di capitale, IFP ed Ego Venture hanno concluso un contratto 24% Tutto da Maviels. Da allora, abbiamo protetto la proprietà industriale immateriale di Mavel, con quasi 40 brevetti. Siamo inoltre entrati in mercati e settori altamente qualificati, come la generazione di auto e l’energia elettrica. Dal 2015 ci siamo concentrati sulla supervisione del settore automobilistico e nel 2017 abbiamo costituito una joint venture con Weisa Automobile Technology, da cui è nata la società controllata. Maville EDT“Abbiamo portato la produzione di motori elettrici in Cina (oltre che in Italia e in Europa), al fine di soddisfare la domanda del mercato cinese”, ha detto Corallo.

READ  Il rendering di Motorola Edge 20 Pro e la perdita di sfondi prima del lancio del 5 agosto

Il capitale di rischio delle società ha venduto la sua quota a un tasso quattro volte superiore. “Il nostro modello supporta il naturale sviluppo dell’innovazione nel tentativo di evitare pressioni sui risultati in breve tempo. Il mercato non sempre matura per nuove idee. Importante anche in questo senso l’esempio di Mavel: abbiamo chiuso con successo un processo che è diventato globale da un’iniziativa locale in linea con la maturazione del mercato dei veicoli elettrici in cui l’azienda ha concentrato le proprie risorse Negli ultimi cinque anni “, ha commentato il capo di Ego Venture. Il capitale di rischio sta già pensando alle prossime operazioni. “Stiamo esaminando due file e abbiamo intenzione di crearne uno Nuova acquisizione di tecnologia pulita o intelligenza artificiale in Italia nel 2021Aspettatevi corallo.

Ego Venture è stata fondata nel 2011 contemporaneamente al Gruppo Ego, che comprende anche Ego Energy (operatore digitale nel mercato energetico) ed Ego Data (fornitore di servizi di tecnologia digitale del gruppo). Ego Venture appartiene Ego srl, Posseduto da Stefano Cafriani e Andrea Autolia e Carlo Corallo. Il capitale di investimento di Ego attualmente detiene 3 società nel suo portafoglio: Rulex Company, Firedesktop srl e DriWe srl. Rolex è nato in Italia e poi si è trasferito a Boston (Massachusetts). Ha sviluppato programmi speciali per supportare il processo decisionale attraverso l’intelligenza artificiale. Firedesktop è un’azienda italiana che opera nel settore dell’intelligenza artificiale e ha sviluppato una piattaforma di automazione dei processi robotici, utile per la gestione dei processi digitali nelle aziende. DriWe è un’azienda italiana che sviluppa software e hardware per l’integrazione di veicolo elettrico, rete elettrica e utenza, ed è attiva nel settore delle tecnologie pulite.

READ  Cyber ​​Security Today, 2 luglio 2021 - Perché dovresti stare lontano dal software crackato

Ego Venture di solito entra nel capitale iniziale in una fase iniziale per supportarli e convincerli a proteggere la loro proprietà intellettuale prima del lancio. Di solito investi 200.000-500.000 euro con i biglietti. Ha investito fino a 2,5 milioni per azienda nel tempo, in vari round. Il fondo lascia la maggioranza al fondatore ed entra con una consistente quota di minoranza, che potrà poi salire in seguito. Ego Venture non pone limiti alla performance dei business plan né mette sotto pressione le startup. “Ci rendiamo conto che è difficile ottenere un successo immediato con l’innovazione. Soprattutto in Italia”, ha concluso Corallo.

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x