Emmanuel Macron accenna ai crimini di guerra russi mentre i leader dell’Europa occidentale visitano Kiev

Il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato giovedì che ci sono indicazioni di crimini di guerra in un sobborgo di Kiev a seguito dei “massacri” delle forze russe.

Ha parlato nella città di Irpin nella grande regione di Kiev mentre visitava i leader tedeschi, italiani e rumeni per mostrare sostegno all’Ucraina.

Macron, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il primo ministro italiano Mario Draghi, che rappresentano le tre maggiori economie europee, si sono recati insieme a Kiev su uno speciale treno notturno fornito dalle autorità ucraine.

Il presidente rumeno Klaus Iohannis – che confina con l’Ucraina ed è stata una delle principali destinazioni per i rifugiati ucraini – è arrivato con un treno separato.

“Ci sono stati dei massacri”, ha detto Macron. “Abbiamo le prime implicazioni di ciò che sono i crimini di guerra”.

Guarda | CBC News sente dai residenti di Saltivka assediata, la parte più colpita di Kharkiv:

Kharkiv è combattuto tra un ritorno alla normalità e una paura costante

Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina, mostra segni di vita, ma permangono preoccupazioni per gli attacchi russi.

Durante la visita a Irvine, Schulze ha notato che i funzionari devono tenere a mente scene orribili di devastazione in tutte le loro decisioni.

“Civili innocenti sono stati feriti, case sono state distrutte, un’intera città è stata distrutta e non c’erano assolutamente infrastrutture militari”, ha detto Schultz. “E questo la dice lunga sulla brutalità della guerra di aggressione russa, che consiste semplicemente nel distruggere e conquistare. Dobbiamo tenerlo a mente in tutto ciò che decidiamo”.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha detto durante il tour di Irben che i sostenitori dell’Ucraina ricostruiranno “tutto” con l’aiuto dell’Europa.

READ  UniCredit espande l'open banking con Worldline

“Hanno distrutto i vivai, gli stadi e tutto sarà ricostruito”, ha detto Draghi.

Visita in un momento critico del combattimento

La visita, che ha incluso un incontro con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha un grande significato simbolico.

“È un messaggio di unità europea al popolo ucraino, sostenerlo ora e in futuro, perché le prossime settimane saranno molto difficili”, ha affermato Macron.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, a destra, stringe la mano al cancelliere tedesco Olaf Schulz mentre il presidente francese Emmanuel Macron, secondo da destra, guarda prima di un incontro a Kiev giovedì. (Sergey Sobinsky/AFP/Getty Images)

Premendo la loro offensiva nella regione orientale del Donbass, le forze russe stanno avanzando lentamente ma inesorabilmente verso le forze ucraine armate, scarsamente in inferiorità numerica, che richiedono più armi dagli alleati occidentali.

Nelle ultime settimane e mesi, numerosi altri leader europei hanno compiuto il lungo viaggio per mostrare solidarietà a un paese sotto attacco.

Ma i leader dell’Europa occidentale finora sono rimasti alla larga, con Schulz, Macron e Draghi che hanno ricevuto critiche verso la prospettiva di un accordo negoziato con il presidente russo Vladimir Putin poche settimane dopo l’invasione del 24 febbraio.

Macron ha fatto arrabbiare i funzionari ucraini all’inizio di questo mese con commenti fatti ai media locali in Francia.

“Non dobbiamo insultare la Russia in modo che il giorno in cui i combattimenti cesseranno, possiamo costruire una rampa per uscire con mezzi diplomatici”, ha detto Macron in quel momento. “Sono convinto che il ruolo della Francia sia quello di essere una potenza di mediazione”.

Giovedì diverse sirene sono suonate mentre i leader europei erano nel loro hotel a prepararsi per il resto della loro visita e le autorità di Kiev hanno esortato le persone a cercare riparo.

Lasciando l’hotel, Macron, mettendosi una mano sul cuore, ha detto in inglese: “Voglio mostrare la mia ammirazione per il popolo ucraino”.

Comprendi il nostro dolore

La visita arriva mentre i leader dell’UE si preparano a prendere una decisione il 23 e 24 giugno sulla candidatura dell’Ucraina all’adesione all’UE. I quattro leader hanno sostenuto l’offerta dell’Ucraina di entrare nel blocco.

Tra gli ucraini c’erano grandi speranze che la visita potesse segnare un punto di svolta aprendo la strada a nuove forniture di armi significative.

Il governatore della regione di Luhansk Serhiy Hayday ha affermato che la visita non porterà nulla se i leader chiederanno all’Ucraina di concludere un trattato di pace con la Russia.

“Oggi sarà una regione, domani un’altra regione e dopodomani un’altra”, ha detto Hayday.

I bambini camminano mercoledì davanti alle case del loro quartiere che sono state distrutte da un attacco missilistico russo a Dopropyliya, nel Donbass. Tre case sono state distrutte da un attacco missilistico e molte altre sono state gravemente danneggiate. (Scott Olson/Getty Images)

Tamara Malko, residente a Pokrovsk, nella regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale, ha affermato che Macron e Schulze sono stati finora “molto freddi” nei confronti degli ucraini e sperano in un cambiamento.

“Vogliamo fortemente la pace e abbiamo grandi speranze per Macron e Schultz”, ha detto. Vogliamo che vedano e capiscano il nostro dolore”.

La NATO è pronta a ridistribuire le forze secondo necessità

Schulz ha resistito al viaggio a Kiev, dicendo che non voleva “unirsi alla coda di persone che intervenivano rapidamente per un’opportunità fotografica”. Invece, ha detto Schulz, il viaggio dovrebbe concentrarsi sul fare “cose ​​tangibili”.

Il ministro della Difesa canadese Anita Anand e il suo omologo statunitense Lloyd Austin parlano prima della sessione NATO di giovedì a Bruxelles. (Omar L’Avana/Getty Images)

La Germania ha annunciato mercoledì che fornirà all’Ucraina tre sistemi missilistici a lancio multiplo del tipo di cui Kiev ha affermato di aver urgentemente bisogno per difendersi da un’invasione russa.

Faceva parte di uno sforzo coordinato che ha visto anche gli Stati Uniti e il Canada annunciare ulteriori aiuti militari.

I ministri della Difesa della NATO, tra cui la canadese Anita Anand, hanno concluso giovedì una sessione di due giorni a Bruxelles.

I ministri hanno discusso i modi per rafforzare le forze e la deterrenza lungo i confini orientali dell’alleanza militare per scoraggiare la Russia dal pianificare un’ulteriore aggressione.

La NATO afferma di aver posto più di 40.000 soldati sotto il suo comando diretto, principalmente sul lato orientale, e sta studiando come rafforzare la sua presenza, prontezza e capacità.

“Ciò significherà più formazioni di combattimento schierate dalla NATO, per rafforzare i nostri gruppi di combattimento nella parte orientale dell’alleanza e più difese aeree, marittime e informatiche, nonché scorte preesistenti di armi e attrezzature”, ha affermato il Segretario della NATO- Il generale Jens Stoltenberg. dopo l’incontro.

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha affermato che gli Stati Uniti ei loro alleati prenderanno provvedimenti per schierare rapidamente le forze se necessario.

Centinaia sono intrappolati nel sito del Donbass

La battaglia principale delle ultime settimane si è svolta intorno alla città orientale di Severodonetsk. Mercoledì, le forze ucraine si sono rintanate in un impianto chimico lì mentre centinaia di civili hanno ignorato l’ordine russo di arrendersi.

Tutti i restanti ponti che collegano la città al territorio controllato dall’Ucraina sulla sponda opposta del Siverskyi Donet sono stati distrutti negli ultimi giorni, ma i funzionari ucraini affermano che la guarnigione non è completamente isolata.

Guarda | I soldati ucraini stanno lottando per far fronte alle crescenti pressioni:

I soldati ucraini lottano per far fronte alla crescente pressione

I soldati ucraini stanno trovando il modo di sopravvivere sotto la pressione crescente e le pesanti perdite.

L’Ucraina detiene ancora una sacca di territorio nella più ampia regione orientale del Donbass, che la Russia si è impegnata a conquistare per conto dei suoi delegati separatisti. La maggior parte si trova dall’altra parte del fiume che le forze russe hanno faticato ad attraversare.

Nel sud, le forze ucraine si stavano lentamente facendo strada nella provincia di Kherson, il più grande pezzo di territorio che la Russia deteneva ancora dalle aree che aveva occupato dall’invasione.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x