Fossile di microbi idrotermali vecchio di 3,42 miliardi di anni, il più antico del suo genere

Un team di ricercatori internazionali ha scoperto i resti fossili di microbi che si nutrono di metano che vivevano in un sistema idrotermale sotto il fondo del mare 3,42 miliardi di anni fa.

Lo studio pubblicato sulla rivista progresso scientifico, ha analizzato campioni di microfossili in due strati sottili all’interno di una roccia raccolta dalla Barberton Greenstone Belt in Sud Africa. Questa regione, vicino ai confini con Eswatini e Mozambico, contiene alcune delle rocce sedimentarie più antiche e meglio conservate del nostro pianeta, risalenti a 3,2-3,5 miliardi di anni. I ricercatori hanno studiato le vene chiare di creta depositate dai fluidi geotermici in precedenti fratture del fondo marino.

La dott.ssa Barbara Cavalazzi, autrice principale dello studio, ha dichiarato: “Abbiamo trovato prove ben conservate di microbi fossilizzati che sembrano prosperare lungo le pareti delle cavità create dalle acque calde dei sistemi idrotermali a pochi metri dal fondo del mare. È probabile che gli habitat superficiali, riscaldati dall’attività vulcanica, potrebbero ospitare alcuni dei più antichi ecosistemi microbici della Terra e questo è l’esempio più antico che abbiamo scoperto finora”.

L’interazione dell’acqua di mare fredda con i fluidi geotermici più caldi avrebbe creato un ricco brodo chimico, con cambiamenti nelle condizioni che avrebbero portato a molti potenziali micro-habitat. Grappoli di suture si trovano alle estremità delle cavità rastremate nelle pareti della cavità, mentre le singole suture sono distribuite sul pavimento della cavità.

L’analisi chimica mostra che i filamenti contengono la maggior parte degli elementi principali necessari per la vita. Le concentrazioni di nichel nei composti organici forniscono un’ulteriore prova di processi metabolici primitivi e sono coerenti con il contenuto di nichel trovato nei microbi moderni, noti come procarioti arcaici, che vivono in assenza di ossigeno e utilizzano il metano nel loro metabolismo.

“Anche se sappiamo che i procarioti primitivi possono essere fossilizzati, abbiamo esempi diretti molto limitati”, ha detto Cavalazi, “e le nostre scoperte potrebbero espandere la documentazione fossile dei primi archaea nell’era in cui la vita è apparsa per la prima volta sulla Terra”.

I microfossili sono le prove più antiche di questo tipo di vita ed estendono i confini di ambienti potenzialmente abitabili sulla Terra primordiale. Le stromatoliti – stuoie di alghe viventi in acque poco profonde – dall’Australia sono tra le più antiche testimonianze dirette di vita sulla Terra, risalenti ad almeno 3,5 miliardi di anni. Alcune delle firme di isotopi di carbonio trovate nelle rocce della Groenlandia, datate da 3,4 a 3,6 miliardi di anni fa, potrebbero derivare da attività biologica.

“Poiché troviamo anche ambienti simili su Marte, lo studio ha anche implicazioni per l’astrobiologia e le possibilità di trovare vita extraterrestre”, ha aggiunto.

READ  La NASA schiera un elicottero su Marte - Video

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x