Francia: accordo sottomarino australiano-americano “un “errore fatale”

CANBERRA, Australia – Sabato l’ambasciatore francese in Australia ha definito un “errore fatale” l’improvvisa cancellazione dell’Australia di un importante contratto sottomarino a favore di un accordo con gli Stati Uniti, lanciando una protesta finale quando l’inviato è stato richiamato dal paese in uno spettacolo di rabbia senza precedenti. tra alleati.

Jean-Pierre Thibault ha fatto le sue osservazioni mentre lasciava la sua residenza nella pandemia chiusa nella capitale, Canberra.

“Questo è stato un enorme errore, una pessima gestione della partnership”, ha detto Thibault, spiegando che l’accordo sugli armamenti Parigi-Canberra doveva essere basato su “fiducia, comprensione reciproca e onestà”.

Parigi ha ricordato venerdì i suoi ambasciatori in Australia e negli Stati Uniti per protestare contro un accordo tra Stati Uniti, Australia e Gran Bretagna per fornire all’Australia una flotta di almeno otto sottomarini a propulsione nucleare.

Thebault è volato dall’Australia su un volo per Doha, in Qatar, circa 17 ore dopo la Dichiarazione di Parigi.

L’accordo con gli Stati Uniti annulla un contratto da 90 miliardi di dollari australiani (66 miliardi di dollari) con il gruppo statale francese di maggioranza Naval Group, firmato nel 2016, per la costruzione di 12 sottomarini diesel-elettrici convenzionali.

“Vorrei essere in grado di resistere alla macchina del tempo ed essere in una situazione in cui non finiremo in una situazione così sorprendente, imbarazzante, inappropriata e non australiana”, ha aggiunto l’ambasciatore francese.

L’ufficio del ministro degli Esteri australiano Marise Payne ha precedentemente rilasciato una dichiarazione in risposta al richiamo del diplomatico e ha notato il “rammarico” di Canberra per il ritiro del suo rappresentante da parte del suo alleato.

READ  La moglie di Kim Corea del Nord appare pubblicamente per la prima volta in un anno | Notizie di politica

“L’Australia comprende la profonda delusione della Francia per la nostra decisione, che è stata presa in conformità con i chiari e dichiarati interessi di sicurezza nazionale”, afferma la nota. Ha aggiunto che l’Australia apprezza la sua relazione con la Francia e attende con impazienza futuri impegni insieme.

Payne e il segretario alla Difesa Peter Dutton sono attualmente negli Stati Uniti per colloqui annuali con le loro controparti americane e per i primi colloqui con l’amministrazione del presidente Joe Biden.

Prima di essere convocato, l’inviato francese Thibault ha detto venerdì di aver appreso dell’accordo sui sottomarini statunitensi: “Come tutti, grazie alla stampa australiana”.

“Non siamo mai stati informati di alcun cambiamento sostanziale”, ha detto Thibault. “C’erano così tante opportunità, così tanti canali. Un tale cambiamento non è mai stato menzionato prima”.

Dopo che l’accordo con gli Stati Uniti è stato annunciato questa settimana, il primo ministro Scott Morrison ha dichiarato di aver detto al presidente francese Emmanuel Macron a giugno che c’erano “problemi molto reali sul fatto che la capacità dei sottomarini convenzionali” avrebbe soddisfatto le esigenze di sicurezza strategica dell’Australia nell’Indo-Pacifico.

Morrison non ha fatto specifico riferimento al massiccio accumulo militare della Cina, che ha subito un’accelerazione negli ultimi anni.

Morrison era a Parigi mentre tornava a casa dal vertice del G7 in Gran Bretagna, dove ha tenuto colloqui con i futuri partner della coalizione Biden e il primo ministro britannico Boris Johnson. Thibault ha detto che era anche all’incontro con Macron e Morrison.

Morrison ha dichiarato che “ci sono cambiamenti nella situazione regionale”, ma non ha indicato che l’Australia stava considerando un cambiamento alla propulsione nucleare, ha detto Thibault.

READ  La sindrome dell'intestino irritabile è comune, ma viene discussa raramente; Questo medico del Quebec sta cercando di cambiare la situazione

“Tutto doveva essere fatto con la massima trasparenza tra i due partner”, ha aggiunto.

Thibault ha affermato che le difficoltà del progetto erano naturali date le sue dimensioni e i grandi trasferimenti di tecnologia.

Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha dichiarato venerdì che il richiamo, su richiesta di Macron, è “giustificato dall’eccezionale gravità delle dichiarazioni” fatte da Australia e Stati Uniti.

Le Drian ha affermato che la decisione dell’Australia di abbandonare l’acquisto di sottomarini a favore di sottomarini nucleari costruiti con tecnologia statunitense è “un comportamento inaccettabile tra alleati e partner”.

Il deputato dell’opposizione Mark Dreyfus ha chiesto al governo australiano di ricucire i suoi rapporti con la Francia.

“L’impatto sulle nostre relazioni con la Francia è motivo di preoccupazione, in particolare come paese con importanti interessi nella nostra regione”, ha affermato Dreyfus.

“I francesi sono rimasti sbalorditi da questa decisione e il signor Morrison ha dovuto fare molto per proteggere la relazione”, ha aggiunto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x