Gli esperti criticano i “buchi neri” nelle indagini sugli studenti messicani scomparsi | cronaca nera

Gli esperti criticano i “buchi neri” nelle indagini sugli studenti messicani scomparsi |  cronaca nera

Un gruppo di esperti in Messico ha denunciato le carenze nelle indagini sui 43 studenti del college di Ayotzinapa scomparsi.

Un nuovo rapporto delinea i fallimenti di un’indagine sulla scomparsa nel 2014 di 43 studenti in Messico, uno dei rapimenti di massa di più alto profilo della storia recente.

Il gruppo interdisciplinare di esperti indipendenti (GIEI), un gruppo di esperti nominato dalla Commissione interamericana per i diritti umani, ha pubblicato venerdì i suoi risultati, concludendo che le autorità messicane non hanno dato seguito agli arresti relativi al caso.

Ha inoltre specificato che le informazioni chiave erano state nascoste, in particolare sul coinvolgimento dei militari nel rapimento.

“Ci sono buchi neri in cui le informazioni scompaiono”, ha detto Carlos Beristain, uno dei membri del comitato GIEI.

È l’ultimo rapporto schiacciante su un’indagine piena di scandali in corso sugli eventi del 26 settembre 2014, quando 43 studenti dell’Ayotzinapa Rural Normal College sono scomparsi con la forza.

Gli studenti avevano sequestrato un gruppo di autobus nella città di Iguala, come parte della tradizione annuale di protesta di guidare a Città del Messico per celebrare il massacro di protesta studentesca di Tlatelolco del 1968.

Ma la polizia li ha intercettati e quello che è successo dopo rimane un mistero. Le autorità messicane hanno ipotizzato che gli studenti siano stati consegnati a bande locali legate alla polizia e all’esercito, e poi assassinati.

Alcuni frammenti ossei carbonizzati sono stati recuperati e abbinati dal DNA a tre degli studenti scomparsi. Tuttavia, il resto dei corpi non fu mai ritrovato.

Alla conferenza stampa di venerdì, Angela Buitrago del GIEI ha chiesto il proseguimento degli arresti nel caso. Alcuni dei mandati di arresto in sospeso hanno più di sei mesi, secondo il rapporto dell’Autorità generale per l’intelligence internazionale.

READ  Jana Kramer indossa un bikini rosa acceso su Instagram

“Abbiamo insistito affinché questi mandati di arresto fossero verificati ed eseguiti”, ha detto Buitrago, osservando che diversi funzionari governativi erano tra i sospetti che rimangono latitanti.

Nel 2022 i pubblici ministeri hanno emesso mandati di arresto per 83 funzionari, inclusi membri dell’esercito, del governo e della polizia, ma 21 di questi ordini sono stati ritirati sulla base di obiezioni all’iniziativa.

Buitrago ha affermato nella sua dichiarazione di venerdì che il servizio di intelligence generale ha recentemente inviato prove al servizio della pubblica accusa a sostegno dei mandati di arresto, che sono stati ritirati.

“È chiaro dalla grande quantità di documenti che esiste la possibilità che molti di essi vengano riattivati”, ha affermato.

La Global Intelligence Initiative ha precedentemente indicato che le prove indicano il coinvolgimento di personale militare nelle sparizioni di massa.

Venerdì, il gruppo di esperti ha rinnovato la sua richiesta all’amministrazione del presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador di fare pressione sui militari affinché rilasci i suoi file relativi al caso, compresi i tabulati telefonici dell’epoca del presunto rapimento.

López Obrador ha fatto una campagna per la presidenza con la promessa di istituire una commissione per la verità sulle sparizioni, cosa che ha suscitato critiche da parte del governo sotto il suo predecessore, l’ex presidente Enrique Peña Nieto.

La commissione per la verità ha stabilito lo scorso agosto che il rapimento costituiva un “crimine di stato”, a causa di “atti, omissioni o partecipazione” di funzionari governativi e militari.

“Non vi è alcuna indicazione che gli studenti siano vivi. Tutte le testimonianze e le prove dimostrano che sono stati uccisi e scomparsi con l’astuzia”, ​​ha detto Alejandro Encinas, il politico che ha guidato la commissione. “È un fatto triste.”

READ  I ricercatori hanno scoperto un dinosauro conservato seduto su un nido d'uovo con embrioni fossilizzati

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x