Gli studenti dell’Università di Waterloo si accampano a Gaza

Gli studenti dell’Università di Waterloo si accampano a Gaza

Un gruppo di studenti dell’Università di Waterloo si è accampato nel campus per protestare contro la guerra a Gaza.

Studenti, docenti e comunità si sono riuniti nel campus lunedì mattina per manifestare a favore del disinvestimento e allestire il campo.

Il gruppo sta protestando contro quello che dicono sia l’investimento dell’università in Israele e nei produttori di armi lanciando il cosiddetto “Gaza House Camp”.

Occupy University of Waterloo (Occupy UW), il gruppo studentesco dietro il campo, afferma che stanno “seguendo le orme degli altri tre campi attivi nelle università dell’Ontario che chiedono il disinvestimento dal genocidio israeliano a Gaza”.

Il gruppo ha allestito una tendopoli con l’obiettivo di dimostrare la propria dedizione al raggiungimento del completo disinvestimento da Israele e dai produttori di armi e armi israeliane.

Rebecca Elming, direttrice delle relazioni con i media, ha dichiarato: “In relazione alle richieste avanzate da questo gruppo, l’università si è impegnata a considerare le questioni sollevate in relazione agli investimenti sia nel Comitato Finanze e Investimenti che nel Comitato Investimenti Pensionistici del Consiglio dei governatori”. “Entrambi i comitati stanno già lavorando per riesaminare i rapporti sugli investimenti e i fattori ambientali, sociali e di governance di cui i gestori dei fondi tengono conto. Un aggiornamento sarà fornito alla riunione di giugno del Consiglio dei governatori di Waterloo.

Il movimento Occupy University of Wisconsin ha pubblicato un elenco di richieste che includono la richiesta all’università di dichiarare il proprio sostegno a un cessate il fuoco immediato.

L’università afferma che continuerà a lavorare con il gruppo e a sostenere il diritto di riunirsi liberamente.

Furono istituiti campi anche presso le università di Montreal, Toronto, Ottawa e altre.

READ  I risultati delle elezioni neozelandesi mostrano che il Partito Nazionale ha bisogno di altri partiti per formare il governo

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x