Il marchio di lingerie La Perla entra nell’amministrazione giudiziaria in Italia

Il marchio di lingerie La Perla entra nell’amministrazione giudiziaria in Italia

Milano— Non tutte le speranze sono perdute per La Perla, il travagliato marchio di lingerie di lusso, che è stato allo sbando negli ultimi 10 mesi.

Venerdì scorso il tribunale di Bologna si è pronunciato a favore del collocamento del ramo produttivo del marchio italiano, La Perla Manufacturing Srl, sotto amministrazione giudiziaria, cosa che consentirebbe la continuità aziendale e preservare i posti di lavoro.

A febbraio, lo stesso tribunale ha dichiarato fallita La Perla Manufacturing Srl e ha nominato un trio di commissari per far uscire la filiale italiana dal pantano.

In conformità con le leggi e le procedure italiane, il Ministero delle Imprese e del Made in Italy dovrebbe nominare questa settimana i commissari straordinari alla guida dell’amministrazione giudiziaria e, entro i prossimi due mesi, presentare un piano industriale per la ripresa delle attività aziendali.

A loro spetterà anche il compito di trovare potenziali investitori, dopo l’uscita a febbraio del proprietario del marchio Tennor, la società di private equity, precedentemente nota come Sapinda, gestita dall’imprenditore tedesco Lars Windhorst.

Nel frattempo, La Perla Global Management UK, la società britannica proprietaria del marchio La Perla e dei suoi asset globali, oltre ad avere i diritti esclusivi per la vendita dei prodotti recanti il ​​marchio La Perla, è stata posta in liquidazione nel Regno Unito, e un’azienda simile l’azione è stata intrapresa separatamente in Italia, dato il controllo della società con sede nel Regno Unito sulle sue filiali italiane.

Attraverso la filiale italiana La Perla Manufacturing Srl, il marchio impiega circa 330 dipendenti in Italia, di cui 230 nello stabilimento produttivo di Bologna. Nel mese di marzo azienda e sindacati hanno raggiunto un accordo con il Ministero delle Imprese e del Made in Italy per l’inclusione nel programma di “cassa integrazione”, un programma di indennità di cassa integrazione finanziato dal governo.

READ  Il presidente della Repubblica Italiana chiede a Draghi di formare un governo Canberra Times

La Perla gestisce due ulteriori filiali in Italia: La Perla Italia, responsabile delle operazioni commerciali e di vendita al dettaglio, e La Perla Management per la gestione e la contabilità. Sindacati e dipendenti sperano che il tribunale di Bologna metta sotto gestione giudiziaria anche queste due aziende.

“L’apertura dell’amministrazione giudiziaria rappresenta un importante passo avanti per garantire stabilità e continuità all’azienda”, ha affermato Adolfo Orso, Ministro delle Imprese e del Made in Italy. “Tutte le parti coinvolte sono ora invitate a muoversi insieme per garantire la continuità, riconoscendo la complessità di questa misura e la necessità di trovare una soluzione industriale a breve termine per proteggere la produzione e garantire… [the entity] “Può beneficiare dei diritti di marchio”, ha affermato, sottolineando il suo impegno nella protezione della forza lavoro dell’azienda.

Gli sviluppi, anche se ancora incerti, danno sollievo a dipendenti e sindacati dopo che negli ultimi mesi sono aumentate le preoccupazioni per il destino del marchio di lingerie di lusso.

“Con il riconoscimento dell’amministrazione giudiziaria [the parties] «Bisogna procedere velocemente verso la ripresa delle attività produttive», ha affermato Ugo Cherubini, segretario nazionale della Filctem Cgil. “Le azioni devono trovare una soluzione congiunta per dare all’azienda prospettive industriali. Basta con simili speculazioni finanziarie [undertaken] Dal palco del tenore.”

Come riportato, l’estate scorsa i sindacati hanno affermato che i lavoratori non venivano pagati regolarmente e hanno sostenuto le sarte quando queste ultime hanno organizzato una manifestazione al Parlamento europeo a Bruxelles a gennaio chiedendo ad una delegazione italiana di parlamentari di intervenire. Per preservare i loro posti di lavoro.

Questi sono solo alcuni dei passi compiuti negli ultimi anni mentre La Perla affrontava i suoi problemi finanziari. I sindacati Cgil, Filctem Cgil, Uil e Uiltec hanno denunciato i problemi dell’azienda in più sedi, anche presso il tribunale di Bologna, dove storicamente ha sede, e sollecitando una presa di posizione del Ministero delle Imprese e del Made in Italy. Evitare la liquidazione della società, che “dovrebbe essere gestita da imprenditori interessati a rilanciare questo famoso marchio”. […]Rifiutiamo l’idea che l’unica priorità dei liquidatori inglesi siano i crediti vantati dalle autorità fiscali di Londra.

READ  Giornale: l'Italia si prepara a un pacchetto da 7,8 miliardi di euro per fronteggiare la siccità

La Perla non è riuscita a rilanciarsi negli ultimi anni, anche dopo che la società di private equity di Windhorst, Tenor, ha rilevato l’azienda nel 2018. Finanziamenti che vanno dai 60 ai 70 milioni di euro per il rilancio del marchio sono stati promessi dall’uomo d’affari tedesco Cum per ultimo anno non accadrà mai. avverarsi.

Negli ultimi anni, il marchio di lingerie ha cercato nuovi flussi di entrate e si è espanso nei cosmetici e nei costumi da bagno. È diventato uno dei primi marchi ad unirsi ai negozi di lusso di Amazon. L’azienda ha inoltre investito 50 milioni di dollari nella casa di moda britannica Ralph & Russo, ormai chiusa.

La Perla è stata fondata nel 1956 dalla corsettaia Ada Masotti. Suo figlio, Alberto Masotti, ha guidato l’azienda fino a quando non è stata venduta alla società di private equity JH Partners nel 2007. La proprietà di La Perla è poi passata a Silvio Scaglia nel 2013, che l’ha venduta a Sapinda nel 2018.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x