Gli ucraini stanno abbattendo i carri armati russi nuovi e vecchi non appena arrivano al fronte

Gli ucraini stanno abbattendo i carri armati russi nuovi e vecchi non appena arrivano al fronte

Due volte in tre giorni questo mese, gli analisti che lavorano duramente per contare ogni verificabile distruzione o cattura di un carro armato o veicolo da combattimento russo hanno contato, tra le perdite russe, almeno un carro armato di ogni generazione tecnologica risalente ai primi anni ’60.

su entrambi 19 marzo E 21Gli analisti sul blog Oryx hanno identificato almeno un cacciatorpediniere T-62, T-72, T-80 e T-90. Il T-62 è il più antico carro armato russo della guerra in Ucraina. T-90 è il più nuovo.

Il fatto che gli ucraini abbiano messo fuori combattimento sia l’ultimo che il più vecchio carro armato russo sottolinea lo stato fatiscente dell’arsenale del Cremlino. I russi si stanno precipitando in Ucraina con ogni carro armato su cui riescono a mettere le mani e gli ucraini li stanno distruggendo il più velocemente possibile.

L’esercito russo e i suoi alleati separatisti e mercenari hanno ampliato la loro guerra in Ucraina nel febbraio 2022 con oltre un migliaio di carri armati in prima linea, la maggior parte dei quali T-80U, BV, T-72B3 e T-90M ragionevolmente moderni.

Sulla carta, i carri armati erano una forza potente. Ma i russi li hanno schierati in modo sciatto, in attacchi diretti e pericolosi con pochissima fanteria di schermatura e fragile supporto logistico. Gli ucraini li hanno presi di mira con missili a spalla, artiglieria, mine, droni e benedetti con i loro carri armati T-64 a fuoco rapido.

Dopo 13 mesi di duri combattimenti, l’esercito ucraino ha distrutto o catturato quasi 1.900 carri armati russi e separatisti. Con le loro perdite in aumento, i russi si affrettarono a cercare alternative. L’unica fabbrica in Russia che produce nuovi scafi di carri armati – Uralvagonzavod nell’oblast di Sverdlovsk – ha lottato per ottenere i moderni mirini digitali Sosna-U di cui ha bisogno per assemblare i nuovi T-90M e T-72B3 secondo i migliori standard. La produzione a Uralvagonzavod sembra superare alcuni nuovi serbatoi al mese.

Per colmare il divario tra domanda e offerta, Uralvagonzavod e un altro produttore di carri armati – Omsktransmash in Siberia – hanno ristrutturato centinaia di carri armati molto vecchi prelevati dai russi da magazzini aperti a lungo termine: i primi T-80B e T-72B e persino i T-62M e MV che sono stati rinnovati, è stato costruito negli anni ’60 e aggiornato l’ultima volta negli anni ’80.

I T-62 sono così obsoleti che mancano delle innovazioni di ogni nuovo design di carri armati sovietici o russi: un equipaggio di tre persone con un caricatore automatico che sostituisce il caricatore umano più un cannone da 125 mm che sostituisce il precedente cannone da 115 mm.

Gli unici aggiornamenti importanti che uno di questi vecchi carri armati riceve prima che le forze delle ferrovie russe li spediscano al fronte sono nuove radio, alcune corazze extra reattive e, in alcuni casi, mirini analogici 1PN96MT-02 che, sebbene di nuova fabbricazione, oops standard occidentali.

È difficile dire quanti carri armati recuperabili rimangano nella riserva di guerra russa. Forse solo poche migliaia. La maggior parte di loro potrebbe essere T-72 di 50 anni e T-62 di 60 anni.

Le recenti perdite riflettono la percentuale crescente di carri armati obsoleti nell’arsenale di prima linea della Russia. Gli ucraini possono mettere fuori combattimento i loro vecchi T-62 lo stesso giorno in cui abbattono i loro nuovi T-90M perché i vecchi carri armati sono comuni in prima linea quanto quelli sempre più nuovi.

Seguimi Cinguettio. pagando per me sito web o alcuni dei miei altri lavori Qui. Mandami una mancia sicura.

READ  Laschet succede alla Merkel come leader dell'Unione Democratica Cristiana | Angela Merkel News

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x