Due fratelli accusati dei presunti “delitti d’onore” della sorella

Avvertenza: questa storia contiene dettagli che alcuni potrebbero trovare angoscianti

I pubblici ministeri tedeschi hanno dichiarato martedì di aver accusato due fratelli afgani dell’omicidio a luglio della loro sorella, che hanno affermato di voler punire per il suo stile di vita occidentale.

Gli uomini, di età compresa tra i 26 e i 22 anni, identificati solo come Syed H. Syed H. In conformità con le regole sulla privacy tedesche, sono accusati di aver attirato la loro sorella di 34 anni a un incontro a Berlino il 13 luglio, quindi di averla strangolata e strangolata. E tagliarle la gola.

I pubblici ministeri della capitale hanno accusato di aver preso un taxi per una stazione più tardi quel giorno con il suo corpo in una valigia, poi si sono recati in Baviera in treno e si sono recati in un luogo vicino alla casa del Grande Fratello, dove l’hanno seppellita.

L’accusa ha affermato che gli uomini volevano punire la sorella “per il suo stile di vita orientato all’Occidente, che è incompatibile con le loro vecchie idee sull’onore, la morale e la loro immagine delle donne”, hanno detto i pubblici ministeri in una nota.

In particolare, hanno aggiunto i pubblici ministeri, non erano disposti ad accettare che avesse divorziato dal marito, che aveva sposato quando aveva 16 anni, dopo incidenti violenti e avesse iniziato una nuova relazione.

I due fratelli sono detenuti dal 3 agosto.

var plusoneOmnitureTrack = function () { $(function () { Tracking.trackSocial('google_plus_one_btn'); }) } var facebookCallback = null; requiresDependency('https://connect.facebook.net/en_US/all.js#xfbml=1&appId=404047912964744', facebookCallback, 'facebook-jssdk'); });

READ  Una domanda di Ilhan Omar sta suscitando scalpore nel Congresso degli Stati Uniti | Notizie Corte Penale Internazionale

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x