Haji Geingob: il presidente della Namibia muore all'età di 82 anni

Haji Geingob: il presidente della Namibia muore all'età di 82 anni

HARARE, Zimbabwe (AP) – Il presidente e primo ministro fondatore della Namibia, Hage Geingob, è morto domenica all’età di 82 anni. Ricevere cure per il cancroIl paese dell'Africa meridionale ha subito giurato al suo vice di portare a termine il restante mandato.

Geingob ha svolto un ruolo centrale in quella che è diventata una delle democrazie più stabili dell'Africa dopo essere tornato da un lungo esilio in Botswana e negli Stati Uniti come attivista anti-apartheid. È stato il terzo presidente del Paese da quando ha ottenuto l'indipendenza nel 1990, dopo oltre un secolo di dominio tedesco e poi di apartheid in Sud Africa.

È presidente dal 2015 e quest’anno concluderà il suo secondo e ultimo mandato. Il suo vice, il vicepresidente Nangolo Mbumba, ha prestato giuramento come presidente ad interim nella capitale, Windhoek, per completare il suo mandato come consentito dalla costituzione.

Le elezioni sono previste per il mese di novembre. Una dichiarazione del governo afferma che Mbumba guiderà la Namibia fino al 21 marzo del prossimo anno, quando il vincitore entrerà in carica.

L'ufficio presidenziale ha detto che Geingob è morto in un ospedale locale con la sua famiglia al suo fianco. È tornato in Namibia il mese scorso dagli Stati Uniti, dove è stato sottoposto a una sperimentazione di due giorni di una “nuova terapia contro le cellule tumorali”, secondo il suo ufficio. Nel 2014, ha detto di essere sopravvissuto al cancro alla prostata.

Con parole pacate ma fermo nel promuovere l’agenda dell’Africa come importante attore negli affari globali, Geingob ha mantenuto stretti legami con gli Stati Uniti e altri paesi occidentali, ma anche, come molti leader africani, ha stretto un rapporto affettuoso con la Cina e altre potenze.

READ  L'Iran afferma che l'ingresso dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica nei siti nucleari è terminato Notizie dal Medio Oriente

Il presidente russo Vladimir Putin è stato tra i leader che domenica hanno inviato le loro condoglianze, dicendo che “custodirà per sempre” il ricordo dell'incontro con Geingob. “È difficile sopravvalutare il suo contributo personale allo sviluppo delle relazioni amichevoli tra Namibia e Russia”, si legge in una nota.

La Namibia, con una popolazione di poco più di 2,5 milioni di abitanti, è ricca di minerali come diamanti, oro e uranio. Sebbene sia classificato come un paese a reddito medio-alto, secondo la Banca Mondiale la disuguaglianza sociale ed economica rimane diffusa.

Il Paese sulla costa sudoccidentale dell’Africa gode di stabilità politica ed economica in una regione che da tempo è teatro di conflitti ed elezioni contestate. L'opposizione namibiana ha criticato Geingob lo scorso anno per aver sostenuto le elezioni contestate nello Zimbabwe.

Geingob, che è stato il primo primo ministro della Namibia dal 1990 al 2002 e ha ricoperto la stessa carica dal 2008 al 2012, può essere schietto su questioni in patria e all'estero. A gennaio ha criticato la Germania, l’ex potenza coloniale, per aver sostenuto Israele Il Sudafrica ha intentato una causa contro Israele Davanti alla Corte internazionale di giustizia, accusandola di aver commesso un genocidio contro i palestinesi di Gaza.

La Germania non può esprimere moralmente il proprio impegno nei confronti della Convenzione delle Nazioni Unite contro il genocidio, incl Espiazione per il genocidio in Namibia“In un momento in cui sosteniamo l’equivalente dell’Olocausto e del genocidio a Gaza”, ha detto Geingob.

Si riferiva agli eventi accaduti tra il 1904 e il 1908, quando le forze di sicurezza coloniali in Namibia uccisero decine di migliaia di persone mentre reprimevano una rivolta. La Germania ha riconosciuto nel 2021 che questi atti equivalevano a un genocidio e ha stanziato più di 1 miliardo di dollari per progetti infrastrutturali nel paese.

READ  I leader di Stati Uniti, Giappone, India e Australia discutono del conflitto in corso e della crisi umanitaria in Ucraina

Domenica sono arrivate le condoglianze dei leader africani.

Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha descritto Geingob come “un veterano che ha contribuito alla liberazione della Namibia dal colonialismo e dall'apartheid”.

Il presidente keniano William Ruto ha affermato che Geingob “ha fortemente rafforzato la voce e la visibilità del continente sulla scena globale”.

Il presidente dello Zimbabwe Emmerson Mnangagwa ha pubblicato sul sito web X che “la leadership e la fermezza di Geingob saranno sempre ricordate”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x