I cambiamenti nell’orbita terrestre hanno dato alla vita la possibilità di sopravvivere durante “Earth Snowball”

Sebbene le catastrofi geologiche e astronomiche abbiano causato molte battute d’arresto alla vita, ne conosciamo solo una che induce gli scienziati a chiedersi come la Terra non sia stata completamente sterilizzata. Questo è il “palla di neve di terra“700 milioni di anni fa, quando il pianeta era molto freddo ed era coperto da uno spesso ghiaccio anche all’equatore. Tuttavia, non solo la vita è sopravvissuta, ma la più grande ondata di diversità si è verificata subito dopo che il ghiaccio si è ritirato. Un nuovo studio fornisce la prova che il il pianeta è stato salvato grazie alle differenze nell’orbita terrestre che esistono ancora oggi.

Prove per Snowball Earth sono state trovate nelle rocce di tutto il mondo che indicano una glaciazione simultanea. Tuttavia, l’evento è stato piuttosto estremo e alcuni geologi si chiedono se abbiamo interpretato male i segni.

“Una delle sfide più fondamentali per la teoria Snowball Earth è che la vita sembra essere sopravvissuta”, ha detto. Dott. Thomas Gernon dall’Università di Southampton in dichiarazione. “Quindi, o non è successo, o la vita in qualche modo ha evitato un collo di bottiglia durante la grave glaciazione”. a Connessioni con la natura Gernon e i coautori hanno dimostrato che Snowball Earth era reale, ma le differenze al suo interno davano alla vita la possibilità di sopravvivere.

Snowball Earth non era a corto di inverno poiché gli organismi unicellulari si sarebbero congelati prima di scongelarsi in seguito. Si ritiene che sia durato circa 50 milioni di anni. Ciò non significa che non ci sia stato alcun cambiamento in quel momento. Le rocce nella Flinders Range dell’Australia Meridionale a quel tempo alternavano materiali ricchi di ferro e ricchi di silice. A quel tempo, l’Australia si trovava vicino all’equatore, se un luogo poteva passare attraverso Snowball Earth senza congelarsi completamente.

READ  I dati sismici rivelano onde megaribo dall'impatto dello tsunami che ha ucciso i dinosauri
In cinquanta milioni di anni si può depositare molta roccia, anche se lo strato di ghiaccio globale rallenta le cose. Credito immagine: Università di Southampton

“Il ferro proviene da bocche idrotermali sul fondo del mare”, ha detto Gernon. “Normalmente, l’atmosfera ossida immediatamente qualsiasi ferro, quindi le formazioni di ferro non accumulano bande. Ma durante una palla di neve, con l’oceano disconnesso dall’aria, il ferro è stato in grado di accumularsi abbastanza per formarle”.

Tuttavia, se il ghiaccio impedisce all’ossigeno di raggiungere gli oceani, è necessario spiegare le bande ricche di silice.

“Gli strati di roccia altamente variabili sembrano mostrare cicli molto simili ai cicli climatici associati all’avanzamento e al ritiro delle calotte glaciali”, ha affermato il primo autore, il professor Ross Mitchell dell’Accademia cinese delle scienze.

Come gli odierni depositi ricchi di ferro, le rocce di Flinders forniscono una registrazione del campo magnetico nel momento in cui sono state depositate, il che a sua volta indica l’inclinazione dell’asse terrestre. Proprio come i cambiamenti nell’orbita terrestre e il suo angolo di inclinazione, noto come Corsi di Milankovitch, ha guidato le ere glaciali e gli iceberg, prima Antropocene, gli autori concludono che questi cambiamenti hanno causato delle pause in Snowball Earth. Le rocce registrano chiaramente i cicli di Milankovitch, dimostrando che non solo non esistevano all’epoca, ma hanno anche cambiato il clima della Terra abbastanza da consentire il passaggio dei flussi d’aria.

Mitchell ha detto a IFLScience che non è chiaro se le macchie d’acqua siano rimaste senza congelamento. In alternativa, l’ondata e il ritiro dei ghiacciai sulla Terra potrebbero aver creato un “semplice” quando hanno incontrato l’oceano, rompendo il ghiaccio e permettendo all’aria di passare. Per le forme di vita, quest’ultimo era un luogo pericoloso in cui vivere, ma probabilmente era tutto ciò di cui avevano bisogno. In ogni caso, Mitchell ha detto a IFScience: “Sono le dinamiche che hanno permesso alla vita di sopravvivere”. Il mondo semi-fermo non sarebbe stato di questo tipo.

READ  Punto di riferimento su Marte: l'innovativo elicottero della NASA è sopravvissuto da solo alla prima fredda notte

Gli orologi molecolari ci parlano di alcuni dei geni essenziali per la vita multicellulare, come HOX, esisteva prima della Terra Palla di Neve, ma la prima prova fossile di vita complessa appare in abbondanza poco dopo. “Hai bisogno di due cose: evoluzione genetica e condizioni ambientali”, ha detto Mitchell a IFLScience. La fine di Snowball’s Earth ha riempito gli oceani di sostanze nutritive provenienti dalle rocce erose dai ghiacciai, permettendo alla vita di passare dalla semplice sospensione all’esplosione in abbondanza.

Le “pietre cadute” di ghiaccio come questa sono un’ulteriore prova che il ghiaccio si stava muovendo, non stazionario, durante Snowball Earth. Credito di immagine Università di Southampton

Questa settimana all’IFLScience

Ricevi settimanalmente le nostre più grandi storie di scienza nella tua casella di posta!


Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x