I giudici statunitensi respingono il tentativo di Trump di far cadere le accuse in due casi penali | Novità su Donald Trump

I giudici statunitensi respingono il tentativo di Trump di far cadere le accuse in due casi penali |  Novità su Donald Trump

Trump ha cercato di archiviare i casi che lo accusavano di interferire nelle elezioni in Georgia e di aver gestito male file riservati.

Donald Trump ha subito battute d'arresto in due procedimenti penali contro di lui, dopo che i giudici statunitensi hanno ostacolato i tentativi dell'ex presidente di far cadere le accuse relative ai suoi sforzi per ribaltare le elezioni del 2020 e alla sua gestione di documenti riservati.

In Florida, il giudice distrettuale Eileen Cannon, giovedì, ha respinto il tentativo di Trump di annullare il caso accusandolo di aver gestito male documenti governativi riservati.

Trump ha sostenuto che la legge statunitense gli consente di conservare documenti altamente sensibili nella sua casa di Mar-a-Lago a Palm Beach, in Florida, dopo aver lasciato l’incarico nel 2021. Ha citato il Presidential Records Act, che consente agli ex presidenti di conservare documenti personali non legati alla politica . le loro responsabilità ufficiali.

Ma i pubblici ministeri hanno affermato che non era autorizzato a conservare informazioni riservate relative alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti, anche se considerava i dati personali.

Separatamente, il giudice che supervisiona il caso di interferenza elettorale in Georgia giovedì ha respinto la tesi di Trump secondo cui l’accusa cerca di criminalizzare il discorso politico protetto dal Primo Emendamento.

Il Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti garantisce il diritto alla libertà di espressione.

Ma il giudice della Corte superiore della contea di Fulton, Scott McAfee, ha scritto nella sua decisione che, nell'attuale fase preliminare, deve considerare il linguaggio dell'accusa in modo da favorire l'accusa.

I pubblici ministeri della Georgia hanno accusato Trump e altri 18 di essersi uniti a un complotto per “cambiare illegalmente l’esito” delle elezioni del 2020 nello stato americano.

READ  I russi rispettano l'ex leader sovietico Mikhail Gorbaciov mentre Putin ignora il funerale

Ma McAfee ha scritto che le accuse non suggeriscono che Trump e gli altri imputati siano stati perseguiti semplicemente per aver rilasciato false dichiarazioni, ma piuttosto che abbiano agito intenzionalmente e consapevolmente per danneggiare il governo.

“Anche i discorsi politici di base che riguardano questioni di interesse pubblico sono impermeabili al procedimento giudiziario se si presume siano utilizzati per promuovere attività criminali”, ha scritto il giudice.

Le decisioni di giovedì rappresentano l'ultimo sviluppo degli sforzi in corso da parte di Trump e del suo team legale per contestare le quattro accuse penali contro di lui, due delle quali Legato ai suoi tentativi di ribaltare i risultati delle elezioni del 2020. Ha perso quella corsa contro l'attuale presidente Joe Biden.

Trump si è dichiarato non colpevole in tutti i casi. Ha anche accusato i pubblici ministeri di condurre una “caccia alle streghe” politicamente motivata volta a far deragliare la sua campagna elettorale del 2024.

Trump è il presunto candidato presidenziale del Partito Repubblicano e dovrebbe affrontare Biden alle elezioni di novembre.

Sebbene le accuse penali non siano riuscite a smorzare il sostegno di Trump all’interno della sua base Make America Great Again (MAGA), gli esperti affermano che una potenziale condanna in uno qualsiasi dei casi potrebbe influenzare le sue possibilità alle urne.

Ma non è chiaro se verrà raggiunta una sentenza prima delle elezioni, e la squadra di Trump ha cercato di ritardare diverse azioni legali.

Esperienze in una qualsiasi delle quattro situazioni potrebbero creare conflitti di programmazione durante un'intensa stagione elettorale.

Decisione della Georgia

La decisione di giovedì in Georgia ha fatto eco a una precedente sentenza nel caso di interferenza elettorale federale contro Trump, portato dal procuratore speciale Jack Smith.

READ  Jon Stewart risponde alle reazioni negative sul suo ritorno al "Daily Show".

“È risaputo che il Primo Emendamento non protegge i discorsi utilizzati come strumento per commettere un crimine”, ha scritto lo scorso dicembre il giudice distrettuale americano Tanya Chutkan.

Il giudice della Georgia McAfee ha aggiunto nella sua decisione che anche gli atti legali che coinvolgono la libertà di parola protetta dal Primo Emendamento possono essere utilizzati per sostenere un'accusa ai sensi dello statuto anti-racket della Georgia, che viene invocato in questo caso.

Ma McAfee ha lasciato aperta la possibilità che Trump e altri possano sollevare argomentazioni simili “al momento opportuno dopo che sarà stata stabilita una documentazione fattuale”.

Steve Sadow, il principale avvocato di Trump in Georgia, ha dichiarato in una e-mail all'Associated Press (AP) che Trump e gli altri imputati “non sono rispettosamente d'accordo con l'ordine del giudice McAfee e continueranno a valutare le loro opzioni riguardo alle sfide del Primo Emendamento”.

Tuttavia, ha affermato che è importante che McAfee chiarisca che potrebbe sollevare nuovamente le sue sfide in un secondo momento.

Un portavoce del procuratore distrettuale della contea di Fulton, Fannie Willis, ha rifiutato di commentare l'accaduto all'Associated Press.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x