Il combattuta attore Kevin Spacey è in Italia per ritirare il premio

Il combattuta attore Kevin Spacey è in Italia per ritirare il premio

TORINO, Italia (AP) – L’attore Kevin Spacey è stato lunedì nella città di Torino, nel nord Italia, per ricevere un premio alla carriera, tenere una master class e dare una proiezione del film del 1999 “American Beauty”.

Gli eventi esauriti sono stati annunciati come i primi impegni di Spacey a parlare da quando le accuse dell'era #MeToo hanno deragliato la sua impennata carriera. Il due volte vincitore dell'Oscar ha perso il suo ruolo da protagonista in “House of Cards” di Netflix e ha visto prosciugarsi altre opportunità.

Spacey ha girato a Torino il suo ultimo film, “L'uomo che dipinse Dio”, diretto da Franco Nero. Riceverà un premio per il suo contributo alla crescita del cinema e un'intervista sulla sua carriera al Museo Nazionale del Cinema della città.

Tra i precedenti vincitori del Premio Stella della Mole figurano le attrici Isabella Rossellini e Monica Bellucci e il regista Dario Argento.

Spacey sarà processato a Londra il prossimo giugno con decine di accuse secondo cui avrebbe aggredito sessualmente quattro uomini tra il 2001 e il 2013, anche quando era direttore artistico del teatro Old Vic della città. Si è dichiarato non colpevole.

A ottobre, una giuria federale in una causa civile a New York ha scoperto che Spacey, 63 anni, non aveva aggredito sessualmente l'attore Anthony Rapp quando erano attori relativamente sconosciuti a Broadway nel 1986 e Rapp aveva 14 anni. I giurati hanno deliberato poco più di un'ora prima di decidere che Rapp, ora cinquantenne, non aveva dimostrato le sue affermazioni.

Spacey aveva già affrontato in Massachusetts accuse di aver molestato un uomo in un bar. I pubblici ministeri hanno successivamente ritirato le accuse.

READ  Roger Federer collabora con Robert Deniro nella nuova campagna turistica svizzera

Un giudice di Los Angeles ad agosto ha approvato una sentenza arbitrale che imponeva a Spacey di pagare 30,9 milioni di dollari ai produttori di “House of Cards” per aver violato il suo contratto molestando sessualmente i membri della troupe.

jQuery(document).ready( function(){ window.fbAsyncInit = function() { FB.init({ appId : '117341078420651', // App ID channelUrl : 'https://static.ctvnews.ca/bellmedia/common/channel.html', // Channel File status : true, // check login status cookie : true, // enable cookies to allow the server to access the session xfbml : true // parse XFBML }); FB.Event.subscribe("edge.create", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_like_btn_click'); });

// BEGIN: Facebook clicks on unlike button FB.Event.subscribe("edge.remove", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_unlike_btn_click'); }); };

var plusoneOmnitureTrack = function () { $(function () { Tracking.trackSocial('google_plus_one_btn'); }) } var facebookCallback = null; requiresDependency('https://connect.facebook.net/en_US/all.js#xfbml=1&appId=117341078420651', facebookCallback, 'facebook-jssdk'); });

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x