Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU emette una risoluzione sull’aumento degli aiuti a Gaza Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU emette una risoluzione sull’aumento degli aiuti a Gaza  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Gli Stati Uniti si sono astenuti dal voto sulla risoluzione, per cui hanno esercitato pressioni per indebolirla per diversi giorni, facendola approvare.

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione per aumentare gli aiuti umanitari a Gaza, dopo diversi ritardi nella scorsa settimana, poiché gli Stati Uniti hanno esercitato pressioni per indebolire il linguaggio relativo alle richieste di cessate il fuoco.

La risoluzione, che chiede misure per “creare le condizioni per una cessazione sostenibile delle ostilità”, è stata approvata venerdì con un voto di 13 voti favorevoli e zero, con l'astensione di Stati Uniti e Russia.

Il voto è arrivato nel mezzo degli appelli internazionali per porre fine al conflitto durato mesi, in un momento in cui le forze israeliane stanno attaccando Gaza con una delle campagne più devastanti della storia moderna e le condizioni umanitarie nella Striscia assediata raggiungono livelli critici.

Oltre il 90% dei 2,3 milioni di abitanti di Gaza sono stati sfollati e i funzionari delle Nazioni Unite hanno descritto le condizioni sotto l'assedio e i bombardamenti israeliani come “l'inferno sulla terra”.

La scorsa settimana si sono svolti intensi negoziati, mentre gli altri stati membri cercavano un linguaggio che evitasse le obiezioni degli Stati Uniti che avevano condannato le precedenti risoluzioni su Gaza nell’organismo dei 15 membri, dove gli Stati Uniti sono uno dei cinque paesi con potere di veto.

La bozza originale richiedeva una “cessazione urgente e duratura delle ostilità” e dava alle Nazioni Unite un maggiore controllo sulla fornitura di aiuti a Gaza. La risoluzione adottata sceglie un linguaggio meno ambiguo riguardo al cessate il fuoco e mantiene il controllo di Israele su tutti gli aiuti.

READ  I pubblici ministeri affermano che un uomo è stato arrestato con l'accusa di essersi spacciato per la famiglia Trump per raccogliere fondi falsi.

“È stato difficile, ma ci siamo arrivati”, ha detto l'ambasciatrice americana alle Nazioni Unite Linda Thomas-Greenfield dopo il voto.

Sebbene i camion degli aiuti abbiano consegnato gli aiuti tanto necessari a Gaza, i gruppi umanitari affermano che affrontare veramente la crisi umanitaria nella Striscia non sarà possibile finché continueranno le ostilità.

“Il vero problema è che il modo in cui Israele sta gestendo questa offensiva crea enormi ostacoli alla distribuzione degli aiuti umanitari all'interno di Gaza. Qualsiasi operazione di soccorso efficace a Gaza richiede sicurezza, personale che possa lavorare in sicurezza, capacità logistica e la ripresa delle attività commerciali, “, ha affermato il segretario generale dell'ONU. António Guterres ha dichiarato ai giornalisti dopo il voto: “Questi quattro elementi non esistono”.

Prima del voto, la Russia ha proposto un emendamento che rafforza il linguaggio relativo al cessate il fuoco, affermando che il progetto di risoluzione è stato “neutralizzato” dagli Stati Uniti.

“Firmando questo, il Consiglio darà alle forze armate israeliane piena libertà di movimento per ripulire ulteriormente la Striscia di Gaza”, ha detto al Consiglio l’ambasciatore russo alle Nazioni Unite Vasily Nebenzia prima del voto.

Thomas-Greenfield ha accusato la sua controparte russa di ipocrisia, sottolineando la devastante invasione russa dell’Ucraina iniziata nel febbraio 2022.

Ma gli Stati Uniti hanno dovuto affrontare accuse di doppi standard riguardo alla loro posizione su Gaza, con i critici che affermano che gli Stati Uniti hanno trascorso mesi a criticare la Russia per le sue violazioni del diritto internazionale in Ucraina, fornendo allo stesso tempo a Israele armi e sostegno diplomatico, anche se si trova ad affrontare situazioni simili. situazioni. Accuse sul suo comportamento a Gaza.

READ  Honey Trap: questo è il modo in cui i servizi segreti iraniani hanno attirato e rapito un dissidente iraniano a Istanbul

Gli Stati Uniti hanno posto il veto a una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che chiedeva un cessate il fuoco all’inizio di questo mese, e sono stati una delle poche voci dissenzienti quando l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato la risoluzione per il cessate il fuoco a stragrande maggioranza la scorsa settimana.

Il corrispondente di Al Jazeera Gabriel Elizondo ha riferito dal quartier generale delle Nazioni Unite che “la stragrande maggioranza dei membri del Consiglio di Sicurezza e dei membri dell’Assemblea Generale, tutti vogliono un cessate il fuoco e una completa cessazione dei bombardamenti su Gaza, al fine di facilitare aiuto.”

All’inizio di questa settimana, le Nazioni Unite hanno chiesto un’indagine sulle accuse secondo cui palestinesi disarmati sarebbero stati uccisi dalle forze israeliane nella Striscia e sarebbero stati presi di mira anche ospedali, scuole delle Nazioni Unite, operatori sanitari, moschee e chiese.

Israele ha affermato che sta lavorando per smantellare Hamas, il gruppo militante palestinese che governa Gaza, e ha lanciato un attacco mortale nel sud di Israele il 7 ottobre, uccidendo più di mille persone, la maggior parte delle quali civili, e catturando più di 240 persone.

Più di 20.000 palestinesi, la maggior parte dei quali donne e bambini, sono stati uccisi dall’inizio dell’attuale ciclo di combattimenti.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x