Il film “Ennio” è un omaggio al famoso compositore cinematografico

Il film “Ennio” è un omaggio al famoso compositore cinematografico

Ennio Morricone nel film “Ennio”. (Immagine per gentile concessione di Music Box Films)

“Ennio” è un documentario virtuale lettera d'amore del regista italiano premio Oscar Giuseppe Tornatore (“Cinema Paradiso”) al suo illustre connazionale premio Oscar, il prolifico maestro del cinema Ennio Morricone.

Con l'incredibile cifra di 400 crediti cinematografici, Morricone, 91 anni quando morì nel 2020, è meglio conosciuto per molti dei film di Sergio Leone, da Per un pugno di dollari a Il buono, il brutto e il cattivo, a La missione e La spedizione. “Gli intoccabili” e “The Hateful Eight” del regista premio Oscar Quentin Tarantino.

Ennio rivela un'infanzia musicale. Suo padre era un trombettista e decise, senza fare domande, che anche suo figlio lo sarebbe stato.

L'ascesa di Morricone come arrangiatore e compositore di canzoni pop di successo di cantanti degli anni '60 è iniziata negli spettacoli televisivi italiani prima della sua brillante carriera cinematografica.

“Fin dall'inizio, volevo che la struttura del film fosse a più voci e non fosse un documentario tradizionale in cui la cosa più importante sono le interviste”, ha detto Tornatore dal suo ufficio a Roma in un'intervista virtuale tramite un traduttore. “Ho voluto invece seguire le leggi non del linguaggio audiovisivo ma della musica e della struttura.

“Quindi le immagini, le interviste e le sequenze del film dovevano seguire le leggi della musica. Il risultato finale è stato davvero carino, il che è uno stile insolito in un documentario.”

Da serio studente di conservatorio, Morricone sognava una vita dedicata alla composizione di concerti classici. Hai avuto conflitti nel realizzare la musica per il film? Questo conflitto è mai stato risolto?

READ  "Tales from the Neighbourhood Café" inserisce il St. Elmo's Café Bar di Alessandria nella mappa del film

«In un certo senso è vero», ha risposto Tornatore. “È stato il conflitto interno più profondo nella vita di Enyo, perché non aveva pregiudizi. Nel corso della sua vita, ha svolto un ruolo molto importante nel rendere la musica popolare più “culturale” – possiamo dire più arte alta. E rendere la musica classica d’alta qualità più aperta al pubblico.

“Negli anni Cinquanta questo percorso non era molto facile, era un’epoca in cui l’idea di utilizzare il talento musicale e combinarlo con il guadagno era altamente discutibile.

“Ma ha sempre cercato di mantenere un grande equilibrio tra i due, perché amava la musica classica! Ma amava anche il cinema. Il cinema non era solo un lavoro di riserva per lui.

“Così facendo, ha anche cambiato il modo in cui la musica veniva composta per i film.”

Morricone merita di essere paragonato a Mozart e Beethoven? Sarà ancora ricordato tra 200 anni?

“Questo è un argomento molto delicato. Quando lo ha detto a Enyo, si è sentito in imbarazzo e ha rifiutato il paragone. Ha detto: 'Sai una cosa? Aspettiamo 200 anni e vediamo.'

“Ma John Williams è uscito allo scoperto e ha detto che tra 200 anni la tua musica sarà ancora ricordata.”

“Ennio” debutterà al Coolidge Corner Theatre il 29 marzo

Quincy Jones, al centro, e Pharrell Williams, a destra, consegnano il premio per la migliore colonna sonora originale a Ennio Morricone
Quincy Jones, al centro, e Pharrell Williams, a destra, consegnano a Ennio Morricone il premio per la migliore colonna sonora originale per The Hateful Eight agli Academy Awards 2016 di Los Angeles. (Foto di Chris Pizzello/Invision/AP)

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x